Mercoledì, 22 Settembre 2021
Politica

Rifiuti all'estero, Alemanno: “Extrema ratio”

L'ipotesi di portare i rifiuti all'estero è solo "l'extrema ratio" per scongiurare l'emergenza a Roma continuando a conferire "rifiuti tal quale dentro la discarica di Malagrotta o quella di Monti dell'Ortaccio"

Alemmano replica alle parole del ministro Clini che, in audizione alla camera, ha definito “tal quale dentro la discarica di Malagrotta o quella di Monti dell'Ortaccio".

“Con il Piano Regionale dei Rifiuti della Regione Lazio, che ha stabilito che l'Ato è esteso a tutto il territorio provinciale di Roma, sono due anni che chiediamo a tutte le istituzioni sovraordinate, dalla Provincia di Roma al Ministero dell'Ambiente, di individuare siti idonei e impianti per smaltire i rifiuti che fino ad ora vengono scaricati tal quale a Malagrotta. C'é quindi ancora la concreta speranza di non dover utilizzare realmente la possibilità di esportare i rifiuti anche se, per prudenza, l'Ama ha predisposto gli atti di gara, per avere anche questa possibilità per scongiurare l'emergenza".

Lo precisa il sindaco di Roma Gianni Alemanno. Il primo cittadino della Capitale aggiunge che "in ogni caso va sottolineato che questo trasferimento all'estero potrà riguardare nel 2013 al massimo il 20% e nel 2014 il 15% del totale complessivo dei rifiuti prodotti a Roma. Bisogna, poi, ricordare che la legge regionale del Lazio obbliga, a differenza di altre Regioni, a bruciare soltanto rifiuti trattati come CdR e, quindi, la possibilità di utilizzare Colleferro e altri impianti è legata alla creazione di nuovi impianti di Tmb dato che, anche portati alla massima produzione, quelli esistenti non sono in grado di trattare tutti i rifiuti non differenziati. Ricordo anche che alla fine di quest'anno avremo raddoppiato, nel giro di 5 anni, la percentuale di rifiuti raccolti con la differenziata, portandola dal 17% del 2008 al 30% nel 2012 e che il Patto per Roma, sottoscritto con il Ministero e la Regione, ci permette finalmente di aumentare ogni anno del 10% la percentuale di differenziata. Quindi, il trasporto di rifiuti all'estero è solo una opzione residuale da predisporre per evitare l'emergenza".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti all'estero, Alemanno: “Extrema ratio”

RomaToday è in caricamento