Albano: duro scontro politico sui lavori pubblici

Manca poco meno di un anno alle elezioni amministrative di Albano e già il clima politico è infiammato. La settimana appena conclusasi è stata caratterizzata da un aspro scontro tra maggioranza e opposizione sui lavori pubblici realizzati e non.

Ad Albano le forze politiche, sia di maggioranza che di opposizione, hanno già avviato la campagna elettorale che le porterà alle amministrative del prossimo anno e man mano che passano i mesi lo scontro politico si fa più duro. Oggetto del contendere nella settimana appena trascorsa sono stati i lavori pubblici e le opere poste in essere dall’attuale amministrazione guidata dal sindaco Marco Mattei e quelle ancora mai realizzate.

Ad accendere lo scontro politico è stato il gruppo consigliare di opposizione del Partito Democratico che con una lettera aperta ha voluto esprimere alla cittadinanza lo stato dei lavori pubblici considerati dannosi per la cittadina in modo particolare alcuni svincoli stradali di recente attivazione che non hanno per nulla migliorato la situazione del traffico per non parlare poi dei collettori fognari mai realizzati, del cimitero mai ampliato, delle strutture scolastiche denominate campus ma con pochissime aule. Per non parlare poi dell’azione politica del gruppo della Sinistra che ha realizzato una serie di manifesti in cui con tanto di immagini fotografiche si parla di una città di Albano “violentata e abbandonata a se stessa”

Ovvio non poteva mancare la reazione dell’amministrazione guidata dal PDL che ha  risposto con le parole dei suoi consiglieri comunali accusando l’attuale opposizione di non aver proposto nulla di concreto in tema di opere pubbliche, anzi di aver fatto solo ostruzionismo al contrario della concretezza delle opere realizzate in dieci anni di amministrazione.  Inoltre viene lanciata un’ulteriore accusa all’opposizione: tante opere realizzate ad Albano sono frutto dei precedenti governi di centro-sinistra a tutti i livelli sia comunale, provinciale, regionale e nazionale.

In un clima di scontro reciproco non resta che attendere gli ulteriori sviluppi amministrativi e forse proprio le amministrative del prossimo anno per un responso popolare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Zona arancione, cosa si può fare e cosa no a Roma e nel Lazio dal 17 gennaio

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Sabato zona gialla a Roma e nel Lazio: il 16 gennaio giornata limbo prima della stretta

  • Coronavirus, a Roma e nel Lazio la situazione sta peggiorando: "Si è perso il controllo dei contagi, vi spiego perché"

Torna su
RomaToday è in caricamento