Aggressione custode Fidene: “Buonismo esasperato della sinistra continua a discriminare gli italiani”

"La categoria dei custodi dei plessi scolastici è costretta a lavorare in condizioni di insicurezz"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

«Ancora una volta un caso di violenza nel territorio del III Municipio, dovuto soprattutto alla politica troppo permissiva che sia il Campidoglio che il presidente Marchionne portano avanti sui Campi Rom. Da tempo inoltre la categoria dei custodi dei plessi scolastici è costretta a lavorare in condizioni di insicurezza, sia per quanto riguarda la loro situazione contrattuale che la loro incolumità. Non a caso lo stesso Lozzi, custode della scuola Toscanini, venti giorni fa aveva incontrato presso il nostro circolo, insieme ad altri suoi colleghi, il consigliere Fabrizio Ghera, il quale ha convocato per domani la commissione patrimonio di Roma Capitale con oggetto proprio la discussione sul loro contratto abitativo e la messa in sicurezza delle abitazioni».

E' quanto dichiarano Massimo Greco e Riccardo Urbani, responsabili del circolo territoriale di Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale Talenti, in merito all'aggressione subita da Gino Lozzi, il custode di 70 anni ricoverato all'ospedale 'Pertini', dopo la brutale aggressione e rapina di ieri a Fidene.

Sull'accaduto è intervenuta anche Cinzia Pellegrino, referente romana del Dipartimento di FdI-AN dedicato alla tutela delle vittime di violenza : «La priorità di chi governa dovrebbe essere garantire la sicurezza dei propri cittadini e offrire un'integrazione vera agli immigrati, ma soprattutto sostenibile per gli italiani. La politica del buonismo esasperato istiga invece alla non osservanza delle regole da parte di chi arriva in Italia. Si continua a discriminare e a non tutelare gli italiani, dando peraltro la possibilità a gente poco raccomandabile di giungere nel nostro Paese, convinta di poter fare quello che vuole e di rimanere impunita. Prima gli italiani e il rispetto della legalità, poi l'inclusione».

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento