Mercoledì, 28 Luglio 2021
Politica

Taxi, l'Adoc contro gli aumenti: “Il sindaco è di tutti non solo dei tassinari”

Parte oggi la campagna pubblicitaria che vedrà l'affissione di 240 locandine sulla metro A. Duro l'attacco all'intero servizio taxi, giudicato insufficiente e al di sotto della media europea

adoc1_web_1Duecentoquaranta locandine firmate Adoc hanno da oggi invaso la linea B della metropolitana. Durissimo l'attacco contenuto nel testo: "Il sindaco è di tutti, non solo dei tassinari", con riferimento esplicito alla recente approvazione della delibera pro aumenti da parte del Comune di Roma.

L'associazione ha lanciato anche una petizione online al sindaco affinché blocchi i rincari previsti. "Intendiamo richiamare l'attenzione sull'ingiusto e inaccettabile aumento delle tariffe taxi di Roma", ha spiegato il presidente dell'Adoc Carlo Pileri: "in media del 28%, con punte del 54% sulle corse brevi e del 12,5% sulla tratta Fiumicino aeroporto-centro città. Questo è il secondo aumento negli ultimi tre anni - ricorda - già nel 2007 ci fu un rincaro medio del 19% delle tariffe deciso dalla giunta Veltroni. Con la decisione di aumentare le tariffe sono state completamente ignorate le richieste dei consumatori, degli oltre 4 milioni di cittadini romani e delle migliaia di turisti in visita nella capitale".

I nostri legali stanno valutando un'ulteriore denuncia all'antitrust sulla mancanza di concorrenza nel trasporto a Roma soprattutto per quanto riguarda il rapporto tra taxi e ncc", ha aggiunto il presidente dell'Adoc Carlo Pileri.

Pileri poi cita i casi negativi legati ai taxi: "Abbiamo avuto casi di persone che si sono rivolte a noi per lamentare una tariffa taxi, da Termini alla Via Cassia all'interno del Gra, di 70 euro. Questa è una vera e propria truffa ed è inammissibile anche perché non è il solo caso a Roma. E' umiliante dover leggere su decine di guide turistiche, distribuite in tutte le lingue, 'attenzione a quando prendete i taxi, perche' c'é il rischio truffé, sia a Roma che a Napoli. Il sistema taxi a Roma è deludente - prosegue Pileri - ed è inconcepibile che il tassametro inizi a camminare già alla chiamata e non quando si sale sulla vettura, come accade in tutto il resto d'Europa". "

La petizione è disponibile on line sul sito dell'Adoc.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Taxi, l'Adoc contro gli aumenti: “Il sindaco è di tutti non solo dei tassinari”

RomaToday è in caricamento