Roma senz'acqua e con l'incubo razionamento: le posizioni di Regione, Acea e Campidoglio

L'emergenza ambientale di Bracciano e quella idrica della Provincia di Roma si fondono e fanno vivere giorni di apprensione ai cittadini romani. Ecco tutto quello che c'è da sapere

“A Roma è finita l'acqua”. Le parole del Governatore del Lazio, Nicola Zingaretti, hanno fatto deflagrare l'emergenza siccità nella Capitale, unendo la crisi del lago di Bracciano con le difficoltà delle fonti da cui proviene l'acqua dell'Urbe. In attesa del piano di Acea, che dovrebbe portare al razionamento dell'acqua per i romani, proviamo a chiarire i numeri e le posizioni in campo, di quelle che in realtà sono due emergenze che in queste ore si fondono: l'emergenza ambientale di Bracciano e quella idrica della Provincia di Roma.

Da dove arriva l'acqua di Roma? 

Gli approvvigionamenti idrici della Capitale vengono per l'85% da sorgenti, per il 12% da pozzi e per il 3% da fonti superficiali. Appartiene a questo 3% il Lago di Bracciano. Le principali sorgenti sono Peschiera - Capore, Acqua Marcia, Salone Vergine e Simbrivio Doganella. La maggior parte dell'acqua arriva dalla sorgente Peschiera-Capore,  circa 1,4 milioni di metri cubi giornalieri.  

Secondo quanto certificato da Acea stessa le sorgenti dell'Acquedotto Marcio sono in magra eccezionale, con una portata il 25% inferiore rispetto al 2014. Anche le sorgenti Capore sono in magra, “anche se in maniera meno sensibili”, afferma Acea. La diminuzione è del 13% rispetto al 2014. In diminuzione, quest'estate, anche l'acqua proveniente dall'acquedotto Simbrivio-Doganella. In tutto questo rimane il dato dei 44 litri su 100 persi durante il trasporto verso le case. 

Sempre Acea racconta da inizio anno di aver recuperato 900 litri al secondo con interventi straordinari sulla rete. Altri 500 vengono da un'attività manutentiva straordinaria. Da Bracciano, fonte Acea, dopo una previsione di 1800 litri al secondo, si è scesi a 1100 litri al secondo. 

Questa la fotografia all'interno della quale si inserisce il braccio di ferro. 

La posizione della Regione Lazio

Venerdì la Regione Lazio ha detto stop ai prelievi di Acea dal lago di Bracciano. Lo ha fatto per la situazione critica del bacino a nord di Roma, ma soprattutto per un'incombente denuncia che rischiava di portare l'ente in Procura. A firmarlo il consorzio dei comuni del Bacino lacustre. Così la Regione, dopo numerosi incontri,  ha dovuto prendere atto delle violazioni di Acea. Spiega l'ente presieduto da Nicola Zingaretti: “Un Decreto del Ministero dei Lavori Pubblici (il n. 1170/1990) ha concesso all’Azienda Comunale Elettricità Acque – Acea di prelevare acqua dal lago di Bracciano per usi potabili, assicurando comunque il mantenimento delle escursioni del livello del lago nell’ambito di quelle naturali. Per tale ragione, proprio nella Relazione Generale del Progetto del Nuovo Acquedotto del lago di Bracciano, redatto dalla stessa Acea, alla lettera b di pagina 39 si definiva il livello idrometrico minimo concesso per le captazioni, fissandolo a m. 161,90 sopra il livello del mare. Anzi, a tale proposito, si prescriveva quanto segue: “verranno inserite le saracinesche di apertura e chiusura ed un sifone idraulico che provveda a disinnescare automaticamente le condotte, non appena il livello dell’acqua scende sotto la quota minima di m 161,90 Attualmente il livello del lago di Bracciano è al di sotto di questa quota minima prefissata, e ancor più lontano dallo zero idromedrico che corrisponde a quota 163,04”.

Fonti della Regione fanno poi notare come Acea a maggio vantasse un recupero di 1400 litri dai vari acquedotti, ovvero una quota superiore a quella persa dalle captazioni dal lago di Bracciano. Di fronte a questi numeri, è il ragionamento della Regione, non si capisce la posizione dell'azienda.   

La posizione di Acea

Acea venerdì sera ha risposto duramente all'ordinanza della Regione, paventando razionamenti per un milione e mezzo di romani. Lunedì mattina, a seguito di notizie stampa, ha emesso una nota "dialogante": "Dopo l'ordinanza emessa dalla Regione Lazio venerdì sera in modo unilaterale, che si continua a ritenere inadeguata e illegittima, Acea apprende solo dagli organi di stampa che sempre la Regione avrebbe ipotizzato un piano alternativo per ovviare alla captazione dell'acqua dal lago di Bracciano, prevedendo di utilizzare altre fonti o aumentando la portata di quelle attuali. Se la Regione volesse illustrare tali soluzioni, nelle sedi opportune, Acea sarà pronta ad ascoltare e collaborare".

Il problema della multiutility di piazzale Ostiense è trovare l'acqua persa da Bracciano, l'8% dell'intera fornitura. Al momento non sembra esserci soluzione. Il presidente di Acea Ato 2 Paolo Saccani ritiene l'ordinanza “illegittima e abnorme ma soprattutto inutile”. Saccani spiega che per le captazioni di Acea "scenderebbe di 1,5 millimetri al giorno, mentre per evaporazione scende di 8 millimetri al giorno. Il lago di Bracciano se non piove continuerà a decrescere. Un provvedimento quindi inutile che però comporterà conseguenzE per i romani perché saremo costretti a turnare l'erogazione dell'acqua". Sul perché e su quali basi arriverebbe questo provvedimento, sollecitata dalla Regione Lazio, Acea non ha però fornito studi.

La (non) posizione della sindaca Raggi

Da venerdì ad oggi la sindaca di Roma Virginia Raggi ha parlato solo una volta: “La mia preoccupazione come sindaca di Roma è che sia fatto tutto il possibile per assicurare l'acqua ai cittadini, agli ospedali, ai vigili del fuoco, alle attività commerciali. Mi auguro che Regione e Acea trovino quanto prima una soluzione condivisa. Come amministrazione capitolina siamo stati i primi a denunciare la situazione drammatica del lago di Bracciano e anche a subire critiche per alcune misure messe in campo con largo anticipo. Acea ha ridotto la captazione d'acqua e ha riparato la rete idrica".

Una posizione, da quella che è il socio di maggioranza di Acea, che può essere definita pilatesca. Il provvedimento di cui parla la sindaca è l'ordinanza che ogni anno viene firmata dal sindaco per limitare gli sprechi d'acqua e proprio per questo era stata criticata. Di più: c'è chi fa notare che a firmare l'esposto è stato il consorzio Lago di Bracciano. La presidente dell’assemblea consortile è Virginia Raggi, nella sua veste di sindaca della Città metropolitana. Ultimo, ma non ultimo, appunto è quello che viene mosso alla sindaca di Roma dalla sua collega pentastellata di Anguillara, Sabrina Anselmo oggi intervistata da Jacopo Jacoboni su La Stampa: “La Raggi? Alle riunioni sul lago di Bracciano non è mai venuta”. La stessa Anselmo, al centro di una vicenda che la vedrebbe a rischio espulsione dal Movimento spiega: “Vogliono cacciarmi solo perché ho difeso il lago. Pago la battaglia per fermare le captazioni di acqua dal lago, battaglia che ho fatto assieme agli altri due sindaci del lago”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • La pasticceria di Roma premiata con "Tre Torte" dal Gambero Rosso: è tra le migliori d'Italia

Torna su
RomaToday è in caricamento