153° Anniversario dell'Unità d'Italia: cambio della guardia d'onore

"Riaffermare e di consolidare l'identità nazionale attraverso il ricordo e la memoria civica"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

L'articolo 1 comma 3 della Legge n. 222 del 23 novembre 2012 stabilisce che: « La Repubblica riconosce il giorno 17 marzo, data della proclamazione in Torino, nell'anno 1861, dell'Unità d'Italia, quale "Giornata dell'Unità nazionale, della Costituzione, dell'inno e della bandiera", allo scopo di ricordare e promuovere, nell'ambito di una didattica diffusa, i valori di cittadinanza, fondamento di una positiva convivenza civile, nonché di riaffermare e di consolidare l'identità nazionale attraverso il ricordo e la memoria civica. ». In occasione della seconda Giornata dell' Unità nazionale, numerosi cittadini italiani e turisti stranieri (si parla di oltre diecimila presenze lo scorso anno) hanno avuto la possibilità di visitare i Giardini e il Palazzo del Quirinale per ammirare le sale del Piano nobile del Palazzo, ricche di opere d'arte, antichi arredi, arazzi e decorazioni e meravigliarsi dinanzi alla bellezza dei Giardini, testimonianza storica e artistica di antichi fasti. Particolarmente fortunati e "intenditori" possono ritenersi senza dubbio coloro i quali hanno scelto di visitare il Quirinale nel primo pomeriggio poiché, al termine della interessante visita guidata, hanno potuto assistere alla cerimonia del Cambio della Guardia in forma solenne con lo sfilamento e lo schieramento del Reggimento corazzieri a cavallo accompagnati dagli entusiasmanti inni, marce e brani musicali mirabilmente eseguiti dalla Fanfara del 4 reggimento Carabinieri a Cavallo, condotta dal Maresciallo Aiutante Fabio Tassinari.

Il filmato dell'intera cerimonia è visibile al link https://youtu.be/_fzma8HTdoA

Torna su
RomaToday è in caricamento