Martedì, 19 Ottobre 2021
Politica

Alfio Marchini: "La città sta morendo. Basta farci del male"

Chiusa ieri la raccolta firme #bastafarcidelmale della Lista Alfio Marchini. L'imprenditore-consigliere comunale: "Ecco le nostre tredici proposte per Roma"

Un'opposizione ancora più forte di prima. E' questa la promessa lanciata ieri a Ponte Milvio dall'imprenditore Alfio Marchini, nella giornata conclusiva della raccolta firme 'Basta farci del male'. "Io credo che il tempo della pazienza sia di nuovo terminato. Adesso faremo un'azione di opposizione ancora più forte di prima. La città sta morendo", ha detto Marchini.

Con il capogruppo Onorato e i volontari, Marchini ha presentato le tredici proposte per far ripartire Roma. Un'occasione, l'ennesima, per dare "un giudizio sicuramente negativo" sull'amministrazione di Ignazio Marino. "Devo dire che ho aspettato, dando prova di grande pazienza e fiducia, che ci fosse un cambio di rotta. Non abbiamo infierito in questi ulteriori due mesi e mezzo di disastri sia nelle scelte della giunta, sia nella gestione dei problemi di Roma. Siamo ormai a marzo, ancora non c'e' un'ipotesi di bilancio 2014. Ci si nasconde dietro il salva-Roma e non si affrontano i veri nodi che ci sono".

Quanto alle proposte di delibera della lista Marchini, ha aggiunto: "Sono tredici punti fondamentali. Abbiamo avuto anche la soddisfazione che Marino ha preso una delle nostre proposte, l'ingresso dalla porte anteriore degli autobus per evitare un'evasione troppo alta".

Si va dalla modifica dell'addizionale comunale Irpef per cui è prevista un'applicazione scalare che tutela i redditi più bassi, all'abolizione delle auto blu con lo spostamento del personale al trasporto disabili e al servizio di scuolabus. Ci sono anche una norma anti-Parentopoli, che prevede l'assunzione nelle municipalizzate tramite concorso pubblico, e un pacchetto di semplificazioni per le imprese e i commercianti. Particolare attenzione alla legalità con la proposta di abolire il meccanismo che premia, con un diritto di prelazione, gli occupanti abusivi nell'assegnazione degli alloggi popolari. Un occhio di riguardo anche per lo sport, grazie alla possibilità di creare dei 'Punti verdi sport' affidando in gestione a società di promozione sportiva o associazioni culturali delle aree abbandonate e degradate per la costruzione di aree attrezzate che rimarranno di proprietà comunale.

C'è anche l'impegno per l'amministrazione a rinegoziare con il Governo i trasferimenti statali a Roma Capitale che sono tra i più bassi rispetto alle altre grandi città. E poi: misure per la lotta all'evasione del titolo di viaggio, con l'obbligo di salita anteriore e il bigliettaio a bordo; un sistema a rotaia più efficiente e integrato; una casa dello start up comunale con spazi e utenze a disposizione per premiare le migliori idee nel campo del turismo e dell'innovazione tecnologica; sponsor privati per rilanciare bike e car sharing; bilancio on line e partecipato, cioè aperto ai suggerimenti e alle proposte dei cittadini; una casa della cultura in ogni municipio e un ingresso gratuito mensile per i cittadini romani nei musei comunali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alfio Marchini: "La città sta morendo. Basta farci del male"

RomaToday è in caricamento