Un’oasi soleggiata nel cuore del Mediterraneo: scoprire Valencia tra natura e cultura

Grazie al clima mite e oltre 160km di piste ciclabili visitare la città sulle due ruote è la soluzione ideale

Siamo in pieno autunno e all’orizzonte cominciano ad apparire, ineluttabili, le prime avvisaglie dell’inverno: le temperature si fanno di giorno in giorno più rigide e le lunghe e soleggiate giornate d’estate passate all’aria aperta ormai, purtroppo, sono un ricordo lontano.

Fortunatamente, in questo momento di difficoltà sanitaria, e di temperature ostili, è possibile sognare e pensare ai tempi migliori che verranno, perchè no, immaginando una piccola fuga: Valencia. Questa città spagnola, infatti, è una vera e propria oasi mediterranea dal clima mite per tutto l’anno. Una meta ideale, insomma, in cui rivivere per qualche giorno il piacere estivo dello stare all’aria aperta, sospesi tra passeggiate in spiaggia, storia, cultura, sapori unici e paesaggi mozzafiato.

E in parte per il sopracitato clima temperato, in parte per la conformazione morfologica prevalentemente pianeggiante di questa area geografica, sempre più visitatori scelgono di muoversi per Valencia e scoprire i luoghi di questa città in sella a una bici.

Optare per le due ruote, infatti, permette di  raggiungere in poco tempo i principali punti di interesse di questa città affacciata sul mediterraneo, combinando così il piacere della visita turistica a quello dell’attività motoria all’aria aperta.

La bicicletta, inoltre, consente di avventurarsi nei verdissimi dintorni della città e immergersi negli oltre 21.000 ettari dell’area protetta dell’Albufera – che prende il nome dall’omonima laguna, la più grande di Spagna – o seguendo in libertà i sentieri ciclabili che si snodano tra le dune di sabbia e i tratti più boschivi o partecipando a escursioni guidate.

Gli amanti della natura non potranno non addentrarsi per i campi di ortaggi della Huerta: questa opera ingegneristica progettata dagli arabi nel VIII secolo per permettere l’irrigazione del contando adiacente alla città è oggi il centro agricolo dell’area valenciana, nonché il principale mezzo di sostentamento per gli agricoltori e i pescatori radicati sul territorio.

E infine la città: Valencia, con i suoi 160 km di piste ciclabili, è una delle città più a misura di ciclista d’Europa e diversi itinerari permettono di raggiungere pedalando i principali luoghi di interesse: risalendo i giardini del Turia, infatti, è possibile attraversare l’intera Ciutat Vella da est a ovest e ammirare il suo incredibile patrimonio artistico e monumenti come El Miguelete, la cattedrale e l’imponente Ayuntamiento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da qui è possibile spostarsi rapidamente sia verso l’ampia Playa de la Malvarossa – con il suo lungomare ricco di locali e ristoranti – sia in direzione della Città delle Arti e delle Scienze, complesso architettonico che occupa circa due chilometri del vecchio letto del fiume Turia diventato nel corso degli anni il simbolo di questa città

A Valencia, insomma, non è mai troppo tardi per rincorrere l’estate in sella alla propria bici.

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • La pasticceria di Roma premiata con "Tre Torte" dal Gambero Rosso: è tra le migliori d'Italia

Torna su
RomaToday è in caricamento