rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Partner

Anche il sushi ha la sua filiera produttiva: ecco come valorizzarne la qualità

Consulenza strategica e tecnologia al servizio della sicurezza alimentare

Oggi il tema letteralmente sulla bocca di tutti è la sicurezza alimentare. La tracciabilità delle filiere è diventata un punto focale, soprattutto in ottica di sostenibilità e certificazione di prodotto. In questo senso, uno dei settori più interessati dalla questione è senz’altro la ristorazione che, attualmente, deve coniugare non solo la qualità della propria cucina a un servizio impeccabile, ma anche trovare il modo di rispettare e applicare tutte le stringenti misure anti-pandemia legate alla sicurezza del cibo servito ai clienti e all’igiene dei locali.

E se dispenser di disinfettante all’ingresso, apparecchi per la misurazione della febbre e distanziamento dei tavoli sono le soluzioni più pratiche e visibili anche al il cliente, c’è chi, nel settore, ha deciso di fare qualcosa di più, trovando una soluzione tecnologica e innovativa in grado di unire la rigorosa applicazione delle norme anti-Covid, al monitoraggio di norme più strettamente legate alla qualità del prodotto “cibo”. Il ristorante in questione è Daruma Sushi, brand noto a Roma e dintorni da oltre 16 anni per i suoi tanti locali e take away che propongono sushi di eccellente qualità.

In quest’annata così delicata, Daruma Sushi ha optato per una collaborazione con KleinRusso, la creative community specializzata in sviluppo di idee e strategie creative. Questa cooperazione ha stimolato Daruma Sushi a stringere un’ulteriore alleanza con Genuino, la start-up ideatrice di un protocollo di certificazione che unisce la tecnologia innovativa di Blockchain all’Internet of Things e all’Intelligenza Artificiale. Un sistema, quello di Genuino, che si rivela molto efficace per valorizzare la qualità e l’autenticità di filiere produttive di eccellenza.

Eccola, dunque, la strategia pensata da KleinRusso per Daruma Sushi: nonostante le certificazioni di altissimo livello già ottenute dal brand Daruma per quanto riguarda la sicurezza alimentare, tra cui la ISO 9001 e il bollo CE, il marchio si sta impegnando oggi per implementare ulteriormente i riconoscimenti per i suoi elevati standard qualitativi, applicando il protocollo di certificazione di Genuino. Grazie all’utilizzo di Blockchain, Daruma Sushi potrà, infatti, valorizzare e monitorare la qualità della filiera del suo pesce crudo, non solo automatizzando il processo produttivo tanto da renderlo maggiormente efficiente e sicuro, ma dando al contempo evidenza al pubblico dell’accuratezza posta nell’osservare gli standard e le norme vigenti. Ciò sarà possibile offrendo ai consumatori un’esperienza personalizzata e facilmente fruibile, così da renderlo protagonista della storia di valore. Al cliente basterà, infatti, scansionare con il proprio smartphone un semplice QR code, per controllare le misure di contenimento e di sicurezza applicate e il rispetto delle norme relative alla catena del freddo, fondamentale per assicurare sempre la freschezza di un prodotto così particolare come il pesce crudo.

In un periodo storico tanto delicato e incerto per molte imprese, Daruma Sushi ha quindi deciso di prendere il “pesce” per le corna con un investimento sulla qualità e sulla sicurezza degli alimenti consumati e sulla tutela di staff e clienti. Questo permetterà sia a Daruma Sushi, che ai suoi #darumalovers, di verificare in prima persona e in modo semplice e rapido, le effettive misure intraprese a loro tutela negli ambienti di produzione, trasformazione, commercializzazione e somministrazione del sushi Daruma.

Insomma, se Daruma Sushi, fino a oggi si era distinto per il rigoroso rispetto della tradizione giapponese nella preparazione di piatti sushi di qualità accostata allo stile tipicamente italiano tramesso dai due proprietari romani, fatto di design contemporaneo negli arredi e ospitalità nostrana, ora il brand si dimostra, una volta di più, avanti rispetto alla concorrenza, per il suo saper essere sempre innovativo, creativo e interessato a investire in collaborazioni di prestigio per il miglioramento del servizio, della qualità del prodotto e della sicurezza.

Alla classica ricetta di Daruma Sushi, ottimamente rappresentata dal suo claim “Cucina giapponese, passione italiana”, ora si aggiunge quindi anche la forza di un nuovo ingrediente: il confronto, con KleinRusso prima, con Genuino poi e infine con i suoi #darumalovers, che ne sono la dimostrazione più lampante. Provate infatti a chiedere a uno di loro perché è tanto affezionato al sushi di Daruma e imparerete qualcosa su come il cliente vada sempre tutelato e coccolato con un prodotto di valore e un’esperienza personalizzata.

Infine, assaggiate il sushi di Daruma e, a quel punto, anche voi direte “Sì, amo Daruma”.
Img cover native-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anche il sushi ha la sua filiera produttiva: ecco come valorizzarne la qualità

RomaToday è in caricamento