Retrò, eclettico o green: quale stile per il tuo ristorante?

Scopri le tendenze più apprezzate di design degli interni per creare un’atmosfera unica

Ricondurre il giudizio su una serata passata al ristorante al solo senso del gusto sarebbe affrettato e limitante: diversi studi, infatti, dimostrano che gli stimoli visivi sono in grado di influire sul gusto e l’olfatto dei clienti.

Pertanto, l’arredo, le luci, l’organizzazione degli spazi, i materiali di sedie, tavoli e lampade, le forme delle stoviglie, il colore delle tovaglie e delle pareti del locale, sono tutti dettagli che concorrono attivamente a formare un’esperienza multisensoriale più o meno positiva nel cliente.

Per questo motivo il design dell’interno di un ristorante non può essere approssimativo e improvvisato, ma richiede al contrario grande attenzione e uno studio accurato per poter restituire a un locale un’estetica invidiabile e capace di far colpo sulla clientela.

Inoltre, considerata l’altissima offerta di ristorazione del nostro paese, un arredo moderno, al passo con i tempi e curato nei dettagli, permette al ristorante di crearsi un’identità ben precisa e capace di fissarsi nella mente dell’utenza.

Come fare? Non è semplice: non esistendo una ricetta vera e propria, per un risultato ottimale è necessario considerare una serie di variabili che contribuiscono a restituire un’estetica coerente con l’identità culinaria del ristorante e i valori che questo vuole comunicare.

Per esempio, una soluzione sempre più in voga è il ritorno allo stile retrò, caratterizzato da luci soffuse e una predilezione per i tessuti – velluto su tutti – e il loro tocco avvolgente. Anche i temi eclettici stanno guadagnando rapidamente popolarità: è sempre più comune infatti imbattersi nelle combinazioni ardite tra colori scuri tipiche di questo stile.

In costante crescita vi è poi lo stile green, capace di combinare eleganza, impatto visivo e funzionalità. Le piante rampicanti su muri e scaffali sono sempre molto apprezzate e, oltre a immergere il cliente in un ambiente visivamente impattante e rilassante, hanno un influsso positivo sull’aria, fungendo da filtro ripulente.

E infine c’è l’attenzione per i dettagli: elementi artistici per personalizzare angoli del locale, cuscini e pouf vintage, bicchieri, piatti e posate dal design originale e innovativo, materiali naturali per tavoli e sedie, specchi con cornici intarsiate e i menù riprodotti a mano su lavagne.

Per un effetto pienamente soddisfacente e capace di restituire al ristoratore un arredo in linea con i suoi obiettivi e le sue aspettative spesso il buon gusto non basta: è fondamentale infatti affidarsi a società di consulenza per l’arredo degli interni come Sistema Place, brand di Sistema Ufficio specializzato nella progettazione e realizzazione di ristoranti, locali d’intrattenimento e hôtellerie.

Grazie all’esperienza maturata sul campo e alla propria filosofia spiccatamente creativa, Sistema Place è il partner ideale per portare a realtà soluzioni di interior design coerenti con l’identità culinaria del ristorante e capaci di fare innamorare la clientela.

In Evidenza

I più letti della settimana

  • La sala è piena di pubblico senza mascherina: la “bolla” del Costanzo Show fa infuriare i social

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Ristorante romano consegna le chiavi a Virginia Raggi: "Roma muore e con sé la ristorazione e il turismo"

Torna su
RomaToday è in caricamento