RomaToday Centro Storico / Corso Vittorio Emanuele II

LETTORI - Popolo di Roma a Corso Vittorio: i giovani di zona non ci stanno

Poche ore dopo l'occupazione del Popolo di Roma a Corso Vittorio l'assemblea dei giovani che frequentano il centro denuncia l'accaduto

L'occupazione del Cinema Augustus a Corso Vittorio da parte del Popolo di Roma non ha lasciato tutti indifferenti.

Poche ore dopo l'accaduto l'Assemblea Giovani al Centro, il comitato territoriale dei giovani che frequentano il I Municipio, ha pubblicato questo comunicato per prenderne le distanze, qui riportato in forma integrale:

"Alcuni militanti del Popolo di Roma, guidati da Giuliano Castellino, sono entrati in possesso dell'ex Cinema Augustus in Corso Vittorio 203. Castellino ha dichiarato a Repubblica che l'obiettivo dell'occupazione "è ridare vita all'Augustus e salvarlo dall'assalto del malaffare, della malapolitica e della speculazione".
Come Assemblea, da sempre impegnati nella lotta ai cambi di destinazione d'uso e alle speculazioni sui luoghi di cultura, in particolare nel I Municipio, vogliamo dare un giudizio dell'accaduto.

Innanzitutto ci chiediamo: dov'era questa gente?

Gli spazi di cultura a Roma sono sotto attacco da anni. Il fascista Castellino (dopo essere passato per Base Autonoma, Forza Nuova, Fiamma Tricolore e Casa Pound) ha sostenuto quantomeno per due anni la giunta Alemanno. Dov'era quando si voleva fare un casinò al posto di un cinema a San Lorenzo? Dov'era quando il Valle ha rischiato di passare a gestione privata? O ancora, andando più indietro negli anni, dov'era quando si è tentato di alzare di un piano il Cinema America di Trastevere per farne una palazzina di appartamenti da affittare? Dov'era quando il cinema Etoile è diventato un negozio di Louis Vuitton? Dov'era quando la giunta Alemanno ha sostenuto la costruzione di una pista di Formula 1 all'EUR o di una pista da sci artificiale ad Ostia?

La diciamo tutta: questa occupazione non ci piace. Non ci piace perché, dopo anni di menefreghismo e di sostegno alle politiche di Alemanno, Castellino si gioca la carta cultura, tentando di mettere le mani su un prezioso e grande stabile al centro di Roma.

Non ci piace perché il Popolo di Roma è una realtà che non è presente in questo quartiere: nonostante abbiano una sede proprio vicino al Cinema che hanno occupato oggi. Infatti non hanno mai stabilito un contatto con la cittadinanza, non hanno mai cercato di fare politica sul territorio: per le strade del centro la loro unica attività è stata ricoprire i muri di adesivi e manifesti.

Ma soprattutto non ci piace perché il Popolo di Roma è un'organizzazione neofascista, capeggiata da un individuo di cui sopra abbiamo riportato il curriculum. Hanno dichiarato che con quel cinema intendono "fare cultura", ma ci chiediamo: che tipo di cultura? Una cultura razzista, xenofoba e omofoba? La cultura di chi nel 2005 partecipò alla fiaccolata in solidarietà dell'ufficiale delle SS Erich Priebke? No grazie."

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

LETTORI - Popolo di Roma a Corso Vittorio: i giovani di zona non ci stanno

RomaToday è in caricamento