Mobilità Sostenibile Flaminio / Via Guido Reni

Cultura e mobilità sostenibile: siglata la partnership tra il museo MAXXI e l’app Moovit

Il Museo nazionale delle arti del XXI secolo, sceglie Moovit come Mobility Partner in occasione degli appuntamenti della stagione estiva

A partire da oggi i visitatori del museo potranno ricevere informazioni dettagliate per raggiungere il MAXXI con qualsiasi tipo di mezzo pubblico o in sharing: dal tram ai monopattini elettrici, dagli autobus ai taxi. Moovit, l’app per la mobilità urbana già utilizzata da oltre 950 milioni di persone che aggrega tutte le forme di mobilità in città, offre al MAXXI una serie di strumenti innovativi per scoprire comodamente da casa quale mezzo utilizzare per raggiungere la sede museale. Grazie al pratico QR Code dedicato e allo smartlink si potrà conoscere con un semplice tap sul proprio smartphone il percorso migliore con i mezzi pubblici e di mobilità alternativa, andando dunque ad abbandonare l’auto privata ed evitando di congestionare l’area del quartiere Flaminio.

Infomobilità in 46 lingue

Moovit risponderà a tutte le domande di infomobilità offrendo un servizio preciso e dettagliato tradotto in 46 lingue che aiuterà anche i turisti stranieri a spostarsi facilmente nella Capitale. Una collaborazione unica nel suo genere in Italia: per la prima volta un museo nazionale sceglie un partner tecnologico internazionale per agevolare e rendere sostenibili gli spostamenti dei propri visitatori. All’interno della mappa dell’app Moovit è stata inoltre evidenziata la posizione del Museo MAXXI così da facilitarne l’individuazione anche da parte degli utenti del trasporto pubblico a Roma. «Quando due realtà come Moovit e MAXXI decidono di collaborare non può che essere una buona notizia» dichiara Samuel Sed Piazza, direttore europeo delle partnership di Moovit. «Il MAXXI scommette sulla sostenibilità a 360° e noi siamo con orgoglio al loro fianco. Agevolare gli spostamenti di visitatori e turisti significa generare un impatto positivo sul tessuto urbano della città e migliorare l’esperienza del singolo utente che può abbandonare il mezzo privato e tutte le difficoltà a esso collegato come ad esempio il parcheggio»

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cultura e mobilità sostenibile: siglata la partnership tra il museo MAXXI e l’app Moovit

RomaToday è in caricamento