Pini di Roma, agronomi preoccupati: “La cocciniglia dilaga ed aumentano gli alberi secchi”

Due anni fa i primi casi segnalati a Roma Sud. Ora il problema si è diffuso in tutta la città. Sacerdote (Agronomo): “Siamo allarmati, ma sappiamo che nell’immediato non è a rischio la stabilità dei pini”

Pini colpiti dalla cocciniglia. Foto di E. Lazzari

La cocciniglia tartaruga imperversa in tutta la città. Il problema, affacciatosi nella Capitale durante il 2018, si è progressivamente esteso. Andando ad interessare anche il quadrante settentrionale di Roma.

La preoccupazione dei cittadini

Associazioni e semplici cittadini stanno segnalando gli effetti che, nei rispettivi territori, la Toumeyella parvicornis (questo è il suo nome scientifico) sta producendo sulle chiome. In alcuni casi, com’è accaduto per gli “Amici di Villa Leopardi” sono state tentate delle soluzione, introducendo nell’area verde del Quartiere Africano, alcuni esemplari di coccinella. A Saxa Rubra alcuni residenti “pur di tutelare un patrimonio” si sono detti “pronti a rischiare anche multe salate per via del tipo d’intervento” da mettere in campo per salvare i propri pini. Già perché, ad oggi, ancora non è chiaro cosa si debba fare per sconfiggere questa cocciniglia che, provenendo da un altro continente, nel nostro paese non deve difendersi da predatori naturali.

“Il Servizio Fitosanitario regionale non ha emanato le linee guida ed in mancanza di una regolamentazione fitoterapica anche il privato che volesse fare un trattamento si trova in grande difficoltà” aveva spiegato a Romatoday l’agronomo Enrico Lazzari. E queste indicazioni continuano a mancare. 

Pini di Roma, è allarme cocciniglia: “Già colpito l’80% degli alberi”

Le soluzioni possibili

“Si stanno sperimentando varie soluzioni. Dai lavaggi delle chiome con acqua e sapone, cosa che si può fare subito, all’uso di insetticidi che però, in ambito urbano, è quasi impossibile  - ha chiarito Sara Sacerdote, esperta di verde urbano e consigliere dell'ordine dei dottori agronomi e forestali della provincia di Roma - buoni risultati si stanno ottenendo in endoterapia. In quel caso l’insetticida è inserito, con appositi macchinari, all’interno del fusto. Così facendo risale fino alla chioma e quando la cocciniglia, che si nutre della linfa dei nuovi getti, lo succhia, ne resta avvelenata. Ma siamo ancora in una fase sperimentale”.

Come riconoscere la cocciniglia tartaruga

Nell’immediato cosa bisogna fare? Innanzitutto va individuata la presenza di questo insetto. Produce una sorta di melassa, una sostanza zuccherina e vischiosa su cui si addensano dei funghi neri. Così facendo impedisce la fotosintesi degli alberi che, progressivamente, si indeboliscono. I pini che sono colpiti dalla cocciniglia, ancor prima di farsi notare per il diramarsi della loro chioma, sono riconoscibili proprio per questa melassa che, cadendo a terra, rende le superfici raggiunte particolarmente appiccicose. A differenza della resina, che l’albero rilascia solo in determinate condizioni, questa sostanza zuccherina si rimuove con facilità, anche solo con l’acqua. Banalmente, quindi, se sul parabrezza di un’auto parcheggiata sotto un pino si trovano queste goccioline che, con il getto del tergicristalli, vanno via, allora si é in presenza del temuto insetto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Disseccamento e stabilità 

“Come agronomi siamo allarmati perchè vediamo sempre più alberi seccarsi.  Ma c’è una cosa importante che va evidenziata. Questo parassita porta al disseccamento ma ciò non rende immediatamente instabile la pianta -ha sottolineato Sara Sacerdote – ci vuole del tempo perché ciò accada. La cocciniglia attacca infatti le foglie.  Poi la chioma si secca e successivamente questo effetto si ripercuote sul fusto. Durante questo processo però la pianta non è instabile”. Lo diventa col trascorrere del tempo. Ed ovviamente se ne impiega di più se la pianta, in partenza, è sana. Motivo per cui conviene agire preventivamente. Investendo sulla ricerca delle soluzioni necessarie a salvaguardare il Pinus pinea, il pino romano. Un simbolo di questa città.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centro commerciale Maximo, c'è la data di apertura. Primark e non solo: ecco le news sui negozi presenti

  • Torvaianica, sparatoria tra i bagnanti sulla spiaggia: ferito un uomo

  • Referendum, come si vota? Cosa succede se vince il sì, cosa succede se vince il no

  • Gioca due euro e ne vince 500mila per comprare una casa

  • Coronavirus, a Roma città 131 nuovi casi. 181 in tutto il Lazio

  • Coronavirus, a Roma città 108 nuovi casi da Covid19. Focolaio in una RSA

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento