menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Carlo Sargentoni promotore per Legambinete del progetto di Bike Sharing Castelli Romani

Carlo Sargentoni promotore per Legambinete del progetto di Bike Sharing Castelli Romani

Albano: un mese di bike-sharing, bilancio positivo

Durante l'estate è partito ad Albano il bike-sharing, unica città nei Castelli Romani ad attivarlo. A un mese dall'inizio del servizio a pieno regime il bilancio è positivo

In piena estate quando il tempo lo permette e le belle giornate invogliano le persone ad uscire e stare all'aria aperta, l'Amministrazione Comunale di Albano, dopo alcuni rinvii e ritardi in collaborazione, con Legambiente ha avviato il progetto di bike-sharing elettrico in tre postazioni strategiche.

A oltre un mese dall'avvio del servizio che bilancio se ne può trarre? Abbiamo chiesto a Carlo Sargentoni che ha promosso insieme a Legambiente il bike sharing nei Castelli Romani, in attesa che dopo Albano siano anche i paesi limitrofi a dare spazio alle biciclette in città.

"Il servizio è partito con successo - ci dice Carlo Sargentoni - siamo in attesa che le postazioni siano completate con il sistema di video-sorveglianza che sarà alimentato con un impianto fotovoltaico messo a disposizione da Enel Green Power".

Ottimi anche i riscontri degli abbonati al servizio: " Abbiamo già sottoscritto 40 abbonamenti, un ottimo risultato con una parco biciclette limitato a 12 mezzi, che al momento non si può ampliare. Se si vedono le postazioni vuote vuol dire che tutte le biciclette sono in giro".

Preso il servizio di bike-sharing dovrebbe estendersi ai comuni vicini: "I comuni di Ariccia, Genzano, Lanuvio, Castel Gandolfo, Marino e Nemi hanno manifestato la disponibilità ad ampliare il servizio, siglando un protocollo per il bike sharing nei Castelli Romani", afferma Sargentoni.

Intanto ad Albano si cercano nuovi finanziatori del progetto: "Legambiente fa appello a imprenditori lungimiranti che vogliano investire in questo progetto di bike sharing. Anzi colgo l'occasione per ringraziare la Cna Castelli Romani per aver creduto nel nostro progetto finanziando con circa 4 mila euro l'acquisto di 4 nuove biciclette elettriche, permettendo di portare il parco bici da 12 a 16 per il Comune di Albano".

Il punto di forza del bike-sharing targato Albano sembrano essere i prezzi veramente popolari: "I prezzi sono già molto favorevoli e auspichiamo di poterli abbassare ulteriormente per arrivare al costo giornaliero di affitto di una bici a 2,50 euro, ma per fare questo dovremmo ampliare il parco bici almeno a 100 mezzi per rendere l'investimento vantaggiorso per gi sponsor e favorire gli spostamenti urbani in bicicletta".

In ultimo  Carlo Sargentoni lancia un appello alle amministrazioni comunali per creare percorsi dedicati alle biciclette: "Spero che le amministrazioni comunali abbiamo la sensibilità di creare insieme al servizio di bike-sharing anche percorsi ciclabili urbani. Il progetto ambizioso è quello di unire Marino a Nemi, passando per Albano, Ariccia e Genzano pedalando".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Daniele De Rossi ricoverato allo Spallanzani

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • De Magna e beve

    La vera storia della carbonara: origini e curiosità

  • De Magna e beve

    Carbonara: 7 errori comuni da non fare mai

  • Attualità

    La bufala del vaccino su chiamata a Roma

  • Cultura

    La Roma di Stefania Orlando

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento