Smog, a Roma "un morto ogni tre giorni". Raggi: "Fondamentale invertire la rotta"

Presentati in Campidoglio i dati frutto della campagna "NO2, No Grazie" che ha censito il livello di biossido di azoto nella Capitale. Raggi: "Siamo la città con il maggiore tasso di auto per famiglia, siamo noi a determinare l'impatto sull'aria"

Quanto impatta l'aria che respiriamo sulla nostra salute? E' questa la domanda da cui, un anno fa, è partita la campagna NO2, No Grazie. Centocinquanta cittadini hanno posizionato delle centraline per rilevare il tasso di biossido di azoto. I dati sono stati poi raccolti, analizzati e venerdì 15 febbraio sono stati presentati in Campidoglio.

Le morti premature

Non c'è da stare allegri. L'aria che respiriamo, nella Capitale, produce 120 morti premature ogni anno. Questo nel caso si tenga come parametro di riferimento il  limite di legge fissato a 40 μg/m³. Se invece si considera la soglia dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, che indica la soglia di biossido d'azoto in  20μg/m, il numero dei morti sale a 2683. Tra l'altro, secondo i dati raccolti, la totalità dei cittadini romani è cronicamente esposto ad un livello di NO2 superiore dal valore fissato dall'OMS, soglia oltre la quale provoca effetti nocivi sull'organismo.

La richiesta: puntare sulla mobilità sostenibile

Cosa fare per ridurre le concentrazioni di biossido di azoto nell'aria? “Occorre dare nuovo impulso alla mobilità davvero sostenibile" anche perchè, spiega Anna Gerometta, presidente di Cittadini per l'Aria che con Salvaiciclisti ha promosso il progetto NO2 No Grazie. "A fronte delle morti premature - il cui numero è di per sè impressionante - ci sono danni allo sviluppo dei bambini e malattie croniche che accompagnano per tutta la vita".  

Indice puntato contro i diesel 

"La tecnologia ha fallito" aggiunge Paolo De Luca, referente della campagna 'NO2, NO Grazie' per Salvaiciclisti-Roma "i diesel anche di ultima generazione continuano ad emettere in strada grandi quantità di biossido di azoto, e il risultato danneggia tutti, come dimostra lo studio scientifico presentato oggi. Purtroppo - riflette il ciclista - siamo diventati più esperti nello studiare i danni, che non nel prevenirli.

I romani e l'utilizzo delle auto

Alla conferenza stampa organizzata nella sala Pietro da Cortona, era presente anche la Sindaca Raggi. "Io non mi sento sconfitta, voglio prendere questi dati negativi come un'opportunità per cambiare" ha dichiarato la prima cittadina.  "Siamo secondi nel mondo dopo Bogotà con oltre 254 ore all'anno passate nel traffico, ma il traffico siamo noi e non qualcosa calato dall'alto". Recentemente anche il responsabile della relazione sulla mobilità che era stata commissionata al Politecnico di Torino, ha fatto notare l'incredibile pazienza degli automobilisti romani, più disposti di altri cittadini italiani a passare ore in coda. " Noi siamo la città italiana con il maggiore tasso di auto per famiglia, siamo noi a determinare l'impatto sull'ambiente - ha ricordato la Sindaca -  le ore di traffico e la qualità scarsa dell'aria, e quindi siamo sempre noi a poter cambiare queste condizioni".

Il servizio di trasporto pubblico da migliorare

L'ampio ricorso che i romani fanno del mezzo privato, è anche conseguenza di due fattori. L'estensione della Capitale, la seconda in Europa dopo Londra. Ed il servizio inadaguato che viene fornito dal mezzo pubblico.  Ma dal momento che, parafrasando la Sindaca, è  "fondamentale predisporre strategie per invertire la rotta", non basta puntare solo sulle limitazioni. Non è sufficiente impedire, come annunciato nella stessa conferenza stampa da Raggi, i diesel euro 3 dal 2019. Bisogna anche puntare sulla mobilità sostenibile.

Il piano urbano della mobilità sostenibile

"In questi due anni abbiamo realizzato più chilometri di ciclabili che negli ultimi 10 anni. Stiamo premendo per cambiare rotta - ha fatto notare l'assessora alla Mobilità Linda Meleo, durante la conferenza stampa -  All'interno del Pums stiamo lavorando molto sul ferro, abbiamo progettato tre nuovi tram, stiamo recuperando il tempo perduto anche su altri due tram che dovranno attraversare la città, stiamo lavorando sulla metro C. Cambiare Roma non é semplice ma ce la stiamo mettendo tutta". Ne vale della buona salute dei suoi cittadini.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (12)

  • Penso che andrebbero banditi tutti i mezzi a motore.

  • Mi spiace contraddire tutti, ma la vera causa dell'inquinamento sono all 80% gli impianti di riscaldamento. Nessuno controlla e negli uffici e le case, tutti superano i 20 gradi previsti per legge.

    • Quella da lei menzionata non è la "vera" causa ma una causa, così come lo è l'uso spropositato dell'auto privata. Non c'è verso eh... disposti a morire piuttosto che abbandonare l'auto.

  • Certo diamo sempre e solo la colpa alle auto private... Roba che se vi elenco lo stato delle vetture Ama e Atac c'è da mettersi a piangere... Non ci vuole uno scenziato per capire che la PRIMA fonte di inquinamento a Roma arriva proprio dai mezzi pesanti del comune e non.. Basta osservare questi bus "ecologici" che quando partono sembra che qualcuno abbia acceso il caminetto osservando il tubo di scarico... Per non parlare di tutti i tir "vecchi e stravecchi" che girano per la capitale a rifornire i vari mercati e supernercati, ma no certo.. La colpa è della vostra auto euro 4/5/6.....

    • Certo che la colpa è delle auto. Per fare 10km ci vuole un' ora. Ovvero un'ora di emissioni. l'Italia è il paese dove ci sono più auto procapite nonostante il clima idoneo ad altri tipi di spostamento.

    • PS: tra l'altro se tutti si spostassero coi mezzi pubblici e pagassero il biglietto, magari sarebbe anche più semplice rinnovarli, sti mezzi...

      • Sono d accordo

      • A parte la facile demagogia, non tutti possono prendere i mezzi pubblici per spostarsi da una parte all'altra della città, soprattutto da una periferia all'altra, a meno che non si impieghi un'ora e mezza per viaggio. Non tutti abitano e/o lavorano vicino ad una fermata metropolitana o di autobus. Che poi ci siano anche le persone che per spostarsi da anagnina a battistini usino l'auto anziché la metropolitana, siamo d'accordo.

    • È una questione di quantità... I mezzi privati sono di più, una macchina da 1-2 tonnellate o più per spostare 1 singola persona è un'aberrazione. Se non ci fossero automobili i mezzi pubblici potrebbero spostarsi più velocemente ecc. Che poi i mezzi ATAC siano da rinnovare, quello è un altro discorso

      • "Se non ci fossero automobili i mezzi pubblici potrebbero spostarsi più velocemente": ma complimentoni per il ragionamento eh, una roba tipo "se mio nonno avesse le ruote, sarebbe una carriola". I mezzi pubblici non solo sono troppo pochi, ma hanno una copertura del territorio inesistente ed imbarazzante ben lontana dall'essere capillare, sono super affollati, ritardano continuamente, saltano le corse, sono dei veri e proprio carri bestiame ed igienicamente parlando sembrano usciti da una discarica. In orario di ingresso ed uscita degli uffici, fatevi un bel giretto sui mezzi pubblici partendo da Montagnola per arrivare a Tor di Quinto e poi ne riparliamo.

      • Giusto

  • Raggi inizia a sostituire tutti i mezzi pubblici che sono datati di 20 anni sono vaporetti e prendono fuoco ogni giorno .Ma privi un cittadino di non poter circolare tra' 6 mesi con auto euro3 perché inquina ..... dai modo alle persone sotto forma di rottamazione o piccpla agevolazione la possibilità di cambiare automobile...... ti ho pure votata semo tutti boni ... a chiachere....????????????

Notizie di oggi

  • Politica

    Raggi prova a ripartire e convoca i minisindaci: "Non sapevo niente, avanti compatti"

  • Cronaca

    Follia fra Termini e via Cavour: prima la rapina poi con una pala minaccia i passanti

  • Cronaca

    Roma blindata, c'è il presidente della Cina. Strade chiuse al Centro e Parioli

  • Corviale

    Crisi Municipio XI, l'ex consigliera grillina rompe gli indugi: "Voto la sfiducia"

I più letti della settimana

  • Presidente cinese a Roma: dal 21 marzo strade chiuse e una doppia 'green zone'

  • Barberini: la scala mobile si accartoccia, scene di panico. Chiusa la stazione. Il racconto di un testimone

  • Ciclista morto sui binari del tram: addio a Valerio Nobili, medico luminare del Bambino Gesù

  • Borghesiana: sorpasso azzardato con l'auto rubata, cinque feriti. Tre sono gravi

  • Ora legale nel 2019: quando spostare le lancette

  • Tragedia a Largo Preneste: è morto Umberto Ranieri. Chi lo ha colpito con un pugno? Il punto sulle indagini

Torna su
RomaToday è in caricamento