Venerdì, 25 Giugno 2021
energia Via Tiburtina

Investimento a tutela dell'ambiente. Pannelli solari al CAR Guidonia

Presentazione stamattina al Centro Agroalimentare Roma del nuovo impianto fotovoltaico dell'azienda. Energia sostenibile come primo passo di un progetto ad Impatto Zero per i 'Mercati' di Setteville di Guidonia

Impianto Fotovoltaico al CAR

Un investimento a tutela del territorio e dell’ambiente. Questo il leitmotiv che ha accompagnato stamattinala presentazione del nuovo impianto fotovoltaico del Centro Agroalimentare Roma di Setteville di Guidonia. Pannelli solari montati sulle pensiline dei parcheggi esterni al Centro di via della Tenuta del Cavaliere che si estendono per 70.000 mq in grado di assorbire il 25 per centro del fabbisogno energetico dell’azienda con un abbattimento delle emissioni di Co2 equivalente a 2.000 tonnellate annue. A presentare il futuro ecologico del CAR diverse autorità, dal Sindaco di Guidonia Montecelio Eligio Rubeis, agli assessori alle Attività Produttive della Regione Lazio e del Comune di Roma Pietro Di Paolo e Davide Bordoni, passando per Valter Giammaria e Massimo Pallottini, rispettivamente Presidente e Direttore Generale del Centro Agroalimentare del Polo Tiburtino, sino ad arrivare a Giancarlo Cremonesi, presidente della Camera di Commercio di Roma e del Gruppo Acea e Silvio Gentile, Presidente del Consiglio di Gestione di Green Utility, che assieme ad Acea ARSE (Acea Risorse Servizi Energetici) ha curato la progettazione e l'installazione dei pannelli fotovoltaici.

IMPATTO ZERO AL CAR: La catena del freddo ad Impatto Zero è l’obiettivo strategico che si è dato il Centro Agroalimentare Roma adottando il grande impianto fotovoltaico presentato oggi ad Autorità e stampa nelle superfici attrezzate dell’Agromercato di via Tenuta del Cavaliere a Setteville di Guidonia. Un progetto guidato già dal novembre scorso a produrre energia pulita per ridurre i costi economici e le emissioni inquinanti di Co2 di un grande centro polivalente ad alto consumo energetico (solo di elettricità il CAR assorbe una potenza massima di 4.000 kW con consumi di 18 milioni di kWh annui), con effetti di riequilibrio ambientale e di riequilibrio atmosferico valutabili nello stesso ordine di un bosco di 200 ettari o di 80.000 alberi ad alto fusto. Tecnicamente, l’impianto fotovoltaico del CAR si estende con le tettoie di copertura dei parcheggi per 70.000 mq sui 300.000 mq disponibili e la generazione fotovoltaica è data da pannelli in silicio policristallino di 72 celle e potenza unitaria di 350 Wp. Con i bilanci in equilibrio ed i conti in ordine, senza attingere al credito bancario dopo il mutuo fondiario contratto per costruire il Centro, CAR Scpa e Cargest Srl hanno creato un modello di amministrazione e sviluppo della struttura esaminato da missioni di studio e università estere – da Serbia, Corea del Sud e Russia. - oltre che una robusta leva di valorizzazione degli investimenti pubblici nel settore immobiliare. Il valore delle cubature costruite finora – ad un passo ormai dalla saturazione degli spazi edificabili liberi – in base a rigorosi calcoli finanziari appare quadruplicato rispetto all’investimento iniziale dei Soci. Nel 2012, anche il bilancio consolidato sarà in pareggio. E’ un risultato storico poiché i Mercati generali producevano in media circa 4 milioni di disavanzo annuo e in 10 anni Roma Capitale cioè i cittadini romani hanno risparmiato oltre 40 milioni di euro.



GLI INTERVENTI: Presentazione dell'impianto fotovoltaico del CAR che ha visto un incontro con le autorità amministrative e dirigenziali del territorio e del Centro Agroalimentare Roma: "Cogliendo le opportunità del Conto Energia, a fine 2009 - le parole del presidente del Centro Valter Giammaria - il CAR ha lanciato una gara europea per installare nel centro campi di produzione fotovoltaica nei parcheggi dell’Agromercato con due obiettivi: ottenere energia pulita da fonti rinnovabili e ottimizzare la catena del freddo, vitale in mercati ortofrutticoli ed ittici, realizzando tettoie di copertura dei parcheggi dei camion. La gara è stata aggiudicata a Green Utility SpA, società leader nell’offrire soluzioni energetiche basate su fonti rinnovabili e sistemi di efficienza energetica ad alta compatibilità ambientale, che ha coinvolto il Gruppo ACEA. Sono stati montati pannelli fotovoltaici della potenza di 3.000 kWp e con essi l’impianto produrrà circa 3,6 milioni di kWh/annui (il fabbisogno energetico di 1.000 famiglie ndr), assicurando il 75 per cento della potenza di punta oggi assorbita dal Centro ed un quinto del fabbisogno totale, oltre a ridurre le emissioni di CO2 nella congrua misura di 2.000 tonnellate/anno". Come Presidente della Camera di commercio di Roma (Azionista di riferimento di CAR Scpa) e come Presidente del Gruppo ACEA (che ha installato materialmente i pannelli fotovoltaici nel CAR), Giancarlo Cremonesi ha sottolineato le preziose valenze innovative e organizzative del progetto adottato dal CAR, nonché i vantaggi ambientali che assicura, senza omettere un giro d’orizzonte sul forte impegno ecologico della multiutility di piazzale Ostiense: risparmi energetici, energie rinnovabili, mobilità sostenibile, trattamenti dei rifiuti, compostaggio, fotovoltaico, etc. Ma quel che è sembrato l’aspetto più positivo dell’iniziativa del CAR – secondo le parole di Cremonesi - è stata "quella capacità di collaborazione stretta, concreta e operosa tra amministratori, tecnici e professionisti assolutamente liberi di pensarla politicamente in modo diverso, e però impegnati profondamente, lealmente e costantemente, spalla a spalla e gomito a gomito tutti i santi giorni, per cogliere un importante obiettivo comune di largo interesse sociale ed alto valore aziendale".

CENTRO CARNI: Da questa premessa di merito, l’Assessore al Commercio e alla Piccola e media impresa di Roma Capitale Davide Bordoni ha preso lo spunto per auspicare una prossima prosecuzione nell’applicazione del cosiddetto 'Metodo CAR'. "Partiamo dalla costruzione ormai imminente di quel “Centro Carni” che, nel Centro Agroalimentare Roma, è destinato a completare l’insieme dei servizi alle imprese e della gamma merceologica che, già oggi, fanno del CAR una struttura di assoluta eccellenza che non solo dimostra di sapersi muovere in perfetto equilibrio finanziario nei conti e nei bilanci, pur nel sistema delle aziende pubbliche. "Ma ha ormai tutte le carte in regola – ha sottolineato Davide Bordoni - per competere ad armi pari anche nei mercati internazionali". Per l’Assessore regionale alla piccola e media impresa, Pietro Di Paolantonio, "l’attivazione di questo impianto fotovoltaico conferma l’esistenza di tutte le condizioni perché il CAR sia lo strumento primario di realizzazione delle strategie regionali per lo sviluppo territoriale, la competitività del sistema Lazio, la massima valorizzazione dell’agricoltura, l’internazionalizzazione dei prodotti".

WORK IN PROGRESS: La voglia comune di andare avanti sulla giusta via intrapresa, di proseguire verso nuovi obiettivi di sviluppo e modernizzazione, è emersa anche dall’intervento del Sindaco di Guidonia, Eligio Rubeis, membro del Consiglio della società di gestione Cargest. "Dopo il fotovoltaico, dobbiamo puntare sul trattamento della frazione umida dei rifiuti, sulle biomasse, sui biogas. La via del riequilibrio ambientale e dell’abbattimento delle emissioni inquinanti è tracciata. Procediamo verso nuovi obiettivi di civiltà e qualità della vita: l’impatto zero". E rivolto ai tanti cronisti presenti, il Direttore generale di CAR Scpa, Massimo Pallottini, ha fatto un primo accenno ai prossimi obiettivi ambientali del CAR: "Stiamo lavorando a un progetto in fase avanzata per l’abbattimento della Co2 nei trasporti con servizi di consegna merci nei mercati rionali con furgoni a motorizzazione elettrica. Inoltre nei dieci anni di attività il CAR ha tolto dal Centro di Roma 80.000 tonnellate di anidride carbonica. Parlo dei gas dei camion trasferiti dai vecchi mercati generali dell’Ostiense al CAR".  
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Investimento a tutela dell'ambiente. Pannelli solari al CAR Guidonia

RomaToday è in caricamento