Lunedì, 27 Settembre 2021
Green Ponte Galeria / Via Castel di Guido

Castel di Guido come Istanbul: nell’oasi naturalistica avvistate decine di cicogne

Nella riserva naturale hanno fatto tappa più di trenta cicogne. Lipu: “Un numeroso gruppo in migrazione vi ha sostato per rifocillarsi. E’ un avvenimento eccezionale”

Le cicogne fanno parte dell’immaginario collettivo. Sono animali che associamo all'annuncio di lieti eventi. Ma di fatto è piuttosto raro imbattersi, in Italia, nel loro volo. Riuscire ad ammirarne alcune decine, quindi, rappresenta un fatto tutt’altro che convenzionale.

Un evento eccezionale

I volontari della Lipu che gestiscono l’oasi naturale di Castel di Guido, sul confine tra il Comune di Roma e quello di Fiumicino, hanno recentemente assistito a quello che, loro stessi, considerano “un avvenimento eccezionale”. E l’uso di questo aggettivo, per chi è abituato a filmare i branchi di lupi, non è certamente da prendere alla leggera.

L'avvistamento

“Un numeroso gruppo di Cicogne bianche in migrazione ha sostato (nell'oasi naturalistica ndr) per riposarsi e rifocillarsi” hanno spiegato i volontari. I primi avvistamenti, documentati il 26 agosto ma resi pubblici qualche giorno più tardi, sono avvenuti alle prime luci del giorno. Poi però, “ alle ore 10.30, quando l' aria si è scaldata e sono iniziate le correnti ascensionali che favoriscono il volo di questi grossi uccelli, si sono cominciati gradualmente a vedere individui che si levavano dai campi e sfruttavano una grossa termica per proseguire lo spostamento migratorio”.

Quante erano le cicogne

Ma auanti sono stati gli esemplari di cicogna bianca (Ciconia ciconia) ad essere avvistati? “Contemporaneamente ne sono state contate 36 ma erano certamente di più” hanno fatto notare i volontari dell’Oasi Lipu. Tante cicogne tutte insieme, ad Istanbul, rappresentano la normalità. Per la Capitale invece, quel numero, rappresenta una sorta di primato.

Una tappa migratoria

Viene da chiedersi perché sia stata scelta la zona di Castel di Guido. Si è trattato d’una tappa della loro migrazione, certamente l’intenzione della specie non è quella di stabilirvisi. Perchè non è la stagione adatta e perchè, cosa non meno importante, in Italia le cicogne bianche nidificano quasi esclusivamente in Calabria e soprattutto in Sicilia. 

L'importanza dell'Oasi naturale

Per i volontari della LIPU, il loro passaggio non è però stato casuale. Castel di Guido si trova, hanno spiegato, “in un territorio a perdita d'occhio 'mangiato' dall' urbanizzazione e dall' agricoltura intensiva”. E quindi  rappresenta “una perla” in cui “la natura ancora integra” può trasformarsi in un habitat ideale per alcune specie. Per altre, invece, “può essere usata come stopover migratorio”. E’ il caso delle cicogne bianche recentemente avvistate. Un evento raro. Anzi, per dirla con le parole dei volontari, “un avvenimento eccezionale” per Roma.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Castel di Guido come Istanbul: nell’oasi naturalistica avvistate decine di cicogne

RomaToday è in caricamento