Dalle stoviglie ecocompatibili ai mezzi ecologici: ecco le gare d'appalto 'green' della Asl Roma 1

La Asl Roma 1 nel 2018 ha vinto il premio del Forum Compraverde Buygreen in programma per il 2019 il 17 e 18 ottobre a Roma

La premiazione della Asl Roma 1 al Forum Compraverde nel 2018

Dalla riduzione dell’uso delle risorse naturali al minor consumo energetico. Dall’acquisto di beni più duraturi, quindi con minor produzione di rifiuti, al favorire la filiera del riciclo. Dal taglio delle emissioni in aria o delle sostanze chimiche all’utilizzo di fonti rinnovabili. Più in generale privilegiare non solo prodotti ma anche processi tenendo in considerazione i molteplici impatti ambientali (dalla produzione di un oggetto al suo smaltimento) del prodotto acquistato o del servizio da fornire. Il termine specifico è Green Procurement ma in italiano può essere semplicemente definito ‘acquisti verdi’. In occasione dell’XIII edizione del Forum Compraverde Buygreen, promosso dalla Fondazione Ecosistemi, dedicato sia al settore pubblico sia a quello privato, che si terrà a Roma al WeGil di largo Asciaghi il 17 e 18 ottobre prossimo, Romatoday ha deciso di raccontare una ‘buona pratica’ romana.

A vincere il premio Compraverde nel 2018 nella categoria ‘Miglior bando verde’ è stata infatti la Asl Roma 1. Il riconoscimento è arrivato per la gara d’appalto per la concessione del servizio bar negli ospedali Oftalmico e Santo Spirito. “La Asl Roma 1 rispetta le indicazioni di normative nazionali ed europee dal 2017 ma stiamo cercando di sperimentare nuove soluzioni in tutti gli affidamenti, anche utilizzando un po’ di cuore e di creatività”, racconta a Romatoday il direttore amministrativo di Asl Roma 1 Cristina Matranga. “Sono le piccole variazioni al nostro stile di vita quelle in grado di portare grandi benefici ambientali, oltre che economici, riducendo di fatto il consumo energetico e gli scarti”.

In particolare, il bando vincitore del premio ha puntato su una sostenibilità ambientale e sociale. Tra gli elementi presi in considerazione, l'utilizzo posate e stoviglie riutilizzabili (in tessuto) o in mancanza di questi di prodotti biodegradabili e compostabili prodotte con fibre vegetali provenienti da foreste sottoposte a completa riforestazione, minimizzazione dei rifiuti e un loro corretto smaltimento, recupero di cibo non somministrato a vantaggio di associazioni e mense benefiche, menù studiati per uno stile di vita più sano. Non solo. Scale a trazione elettrica per il superamento di barriere architettoniche, attenzione anche ai prodotti per le pulizie rispettando i cosiddetti ‘Criteri ambientali minimi’ anche se non obbligatori per legge in questi casi, rispetto della clausola sociale che prevede che il nuovo fornitore si impegna a riassumere il personale del precedente appalto.

Il bando per le mense non è l’unico che ha promosso misure di Green Economy. Nel 2019, rispettando gli stessi criteri, sono state bandite gare per oltre 28 milioni di euro: stampati, facchinaggio, kit sterili, protesi, strumenti chirurgici, microinfusori e toner. “Oltre alla riduzione dei consumi come nell’affidamento per i nostri bar, abbiamo inserito inchiostri non tossici, automezzi ecologici per il facchinaggio, soluzioni innovative per la riduzione degli imballaggi, l’utilizzo di matite piantabili”, continua Matranga.

“Stiamo cercando di rendere evidente l’importanza degli spazi verdi, destinando un appalto di manutenzione proprio a questo settore - precedentemente inserito tra i lavori edili - e puntando l’attenzione alla vivificazione del parco di Santa Maria della Pietà, per restituire ai cittadini un grande spazio urbano ricco di essenze arboree”. Conclude: “Il nostro obiettivo è quello mettere in campo una gestione responsabile delle risorse disponibili, evitare gli sprechi e limitare - per quanto possibile - l’impatto che la nostra attività esercita sul pianeta. A questo poi si aggiunga il fatto che speriamo di innescare un circolo virtuoso, che introduca meccanismi e abitudini  green anche nelle azioni quotidiane”.

Nel Lazio - A favorire pratiche di Green Public Procurement anche la Regione Lazio che nel 2017 ha approvato un Piano di azione e che aderisce al progetto GPPbest (Best practices exchange and strategic tools for GPP – Scambio delle migliori pratiche e strumenti strategici per il GPP) finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del programma LIFE (Asse Governance Ambientale e Informazione).

Il Forum - Anche quest’anno il Forum Compraverde Buygreen donerà un premio alle migliori esperienze italiane di GPP, valorizzando, in diverse sezioni, istituzioni e imprese che si sono distinte nell'ambito delle loro attività: Compraverde, Mensa Verde, Vendor Rating e Acquisti Sostenibili, Cultura in Verde, Edilizia Verde e Social Procurement. Nella due giorni si affronteranno i temi della transizione possibile dentro un quadro di definizione di politiche per un Green New Deal. Tra gli argomenti, si approfondiranno anche quelli delle Food Policy e dei modelli di città sostenibile. Una importante novità è rappresentata dall’intervento di Grete Solli per l’Ocse (Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa), prima volta in Italia: si tratta di un focus sulla Tutela dei diritti umani e sociali nella catena di fornitura nel settore pubblico, che vedrà coinvolti esponenti del governo nazionale e di governi internazionali.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Federico Tomei morto in un incidente: calcio laziale in lutto per la perdita del 22enne

  • Salvini a Roma: in 40mila in piazza per il leader della Lega. Strade chiuse e bus deviati

  • Sciopero generale venerdì 25 ottobre, dai trasporti alla scuola: Roma a rischio caos

Torna su
RomaToday è in caricamento