Mercoledì, 28 Luglio 2021
Scuola

Didattica a distanza anche in nidi e scuole dell'infanzia della Capitale

L'assessora alla Persona, Scuola e Comunità Solidale Veronica Mammì ha firmato la direttiva per l'attivazione della didattica a distanza anche per i bambini più piccoli

Preso atto delle eventuali proroghe della sospensione delle attività educative e didattiche e, dopo aver attivato, già da settimane, la didattica a distanza in scuola primaria e secondaria, l’assessora alla Persona, Scuola e Comunità Solidale Veronica Mammì ha firmato la direttiva per l’attivazione della didattica a distanza nei nidi e nelle scuole dell’infanzia di Roma Capitale.

L'obiettivo dell'Amministrazione capitolina, vuole essere quello di supportare anche i bambini più piccoli con la vicinanza di educatrici ed insegnanti, privilegiando, soprattutto,  dimensione ludica e l’attenzione per la cura educativa in continuità con quanto avviene nei servizi.

Chiusura delle scuole, cosa fare in casa con i bambini

“Siamo una comunità e vogliamo continuare ad esserlo. In un momento così delicato, i nidi e le scuole dell’infanzia possono continuare a dare un grande contributo alle famiglie e ai piccoli che si trovano a casa”, dichiara la Sindaca di Roma Virginia Raggi.

Già in questo primo periodo di sospensione delle attività, molte educatrici e insegnanti hanno mantenuto spontaneamente il contatto con i genitori e i bambini inviando audio, video e messaggi e questo ci rende orgogliosi come Amministrazione e come Comunità. Con la direttiva che ho firmato, avviamo un percorso strutturato per estendere questa attività fondamentale a beneficio di tutti i piccoli iscritti.  I nidi e le scuole dell'infanzia si fondano sul valore irrinunciabile dell'inclusione sociale, sull’accogliere e rispondere ai bisogni di tutti i bambini nel  rispetto delle specificità di ciascuno, in uno spirito comunitario. Oggi più che mai non possiamo rischiare che questa azione perda forza”, dichiara l’assessora alla Persona, Scuola e Comunità Solidale di Roma Capitale Veronica Mammì.

Il Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici di Roma Capitale lancerà l’iniziativa  “Aspettando che finisca…” per incentivare e supportare il personale delle strutture, in accordo con le figure di riferimento per il coordinamento educativo e scolastico P.O.S.E.S., nel realizzare l'attività di didattica a distanza nei nidi e nelle scuole dell'infanzia.

I Gruppi Educativi e Collegi Docenti saranno incaricati di formulare delle proposte progettuali in linea con il Piano dell’Offerta Formativa e con le diverse età dei bambini, utilizzando la strumentazione elettronica/informatica a disposizione di ciascuno per facilitare lo scambio con i piccoli e le loro famiglie.

Le proposte pedagogiche e didattiche dovranno mirare alla positiva partecipazione, da parte di ciascun bambino, al progetto educativo secondo le proprie inclinazioni e possibilità. Le attività si dovranno sviluppare, per quanto possibile in raccordo con le famiglie, sul contatto ‘diretto’, anche se a distanza, tra educatrice o insegnante e bambina o bambino, anche mediante semplici messaggi vocali o video.

Il Dipartimento raccoglierà le ‘buone pratiche’ che i servizi invieranno e le attività di didattica a distanza realizzate saranno pubblicate sulle pagine dedicate ai Servizi Educativi e Scolastici sul sito di Roma Capitale, per la futura fruizione da parte della cittadinanza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Didattica a distanza anche in nidi e scuole dell'infanzia della Capitale

RomaToday è in caricamento