"Viva la guerra!", di Andrea Bizzarri. Debutto in prima nazionale al Teatro dell'Orologio

Il 25 novembre debutta, in prima nazionale, lo spettacolo VIVA LA GUERRA!, ultimo lavoro registico di Andrea Bizzarri, che vede in scena Alida Sacoor, Roberto Bagagli, Guido Goitre, Davide Maria Marucci e Matteo Montaperto. Sarà in scena in Sala Gassman fino a domenica 7 dicembre.

trama

1944. Quattro giovani salgono sulle montagne laziali per iniziare la loro resistenza. Dall'alto di una vecchia stalla in cui sono rifugiati, attendono l'arrivo di un treno tedesco carico di armi e munizioni che, raggiunta Roma, rifornirà gli occupanti, già da mesi impegnati in un'aspra guerriglia contro gli attivisti partigiani. Il loro compito è far saltare quel treno, prima che raggiunga la Capitale. Il gruppo è unito, punta dritto alla meta, ma è giovane. E allora può succedere che la convinzione traballi, che qualcuno confonda gli ideali politici e pensi che forse si stava meglio quando si stava peggio. Oppure, che ci si ritrovi ammaliati dall'inaspettata presenza di una donna, bella, attraente e misteriosa che, di colpo, cambia tutte le carte in tavola; ricordandoci, alla fine, di essere pur sempre uomini. Un'opera sulla leggerezza, scritta ed allestita con freschezza ed energia, per rivivere l'ultima guerra da un'ottica inedita, quella goliardica e disimpegnata della giovinezza.

Esiste una storia, per così dire, minore, una storia con la minuscola, popolata da antieroi, oggetti vecchi e lisi, sapori stantii, discorsi troncati al mezzo, fra uno sbattipanni e una strillata, parole sospese e sogni repressi; una storia che chiede, urgentemente, di essere rivissuta. Semplice, senza nomi eccelsi, priva di quell'aneddotica che tanto piace quando si tirano in ballo i pezzi da novanta, ma che arriva ancora più diretta all'anima. In fondo, cinque ragazzi, tutti ventenni, che si ritrovano, nel marzo del 1944, in una stalla, alle prese con la fabbricazione di una bomba, che nulla ha di un vero e proprio ordigno, ma che dovrebbe, invece, sabotare un treno tedesco, non hanno nessuna carta in regola per essere menzionati nei manuali. Eppure, la loro storia, vissuta col sarcasmo, l'ingenuità e la goliardia della giovinezza, attraverso battute esilaranti e visi trasognati, punta dritto allo spettatore e lo coinvolge, lo attira, conducendolo ad un finale inatteso e carico di emozioni. Un tributo alla leggerezza, questo vuole essere Viva la guerra!

Andrea Bizzarri

biografie

Andrea Bizzarri. Classe 1989, inizia la sua attività teatrale giovanissimo, frequentando un laboratorio diretto da Francesca Satta Flores. Segue il percorso di studi con Claudio Boccaccini, con il quale recita in Le belle notti,L'ultimo volo, La parola ai giurati e Romeo e Giulietta. Fondatore e Presidente dell'Associazione Culturale Readarto Officine artistiche, nei tre anni di attività, mette in scena Calabroni e Bòbo, da lui stesso scritti e diretti, e Diana e la Tuda, di cui cura esclusivamente la regia, e da cui verrà fuori la sua tesi di laurea, premiata con lode. Per ragazzi ha adattato e allestito I tre moschettieri, Il gobbo di Notre Dame e Robin Hood, sempre prodotti dalla Readarto. Viva la guerra! è un inedito ed è la sua ottava regia.

Alida Sacoor. Nata a Londra nel 1988, si trasferisce in Sicilia prestissimo, e inizia, altrettanto precocemente, la sua attività teatrale, sotto la guida di Carmelo Cannavò; presente in decine di spettacoli, fra cui L'isola del tesoro,Il mago di Oz, Ricomincio da Zero, che macinano moltissime repliche in giro per l'isola. Un secondo trasferimento a Roma, le fa incontrare Andrea Bizzarri e Roberto Bagagli, con cui fonderà l'Associazione Culturale Readarto Officine artistiche; prende parte agli spettacoli di Boccaccini, Le belle notti,L'ultimo volo, Barricate, Romeo e Giulietta e a tutte le produzioni Readarto, di cui è Vice Presidente, Calabroni, Bòbo, Diana e la Tuda, I tre moschettieri,Robin Hood, Il gobbo di Notre Dame e Viva la guerra!

Roberto Bagagli. Romano, classe 1982, frequenta la scuola di Claudio Boccaccini, dove incontra Andrea Bizzarri e Alida Sacoor. Con loro fonda, nel novembre del 2011, la Readarto Officine artistiche, prendendo parte a tutti gli spettacoli autoprodotti: Calabroni, Bòbo, Diana e la Tuda, I tre moschettieri, Robin Hood, Il gobbo di Notre Dame e Viva la guerra!

info e biglietteria:

ABBONAMENTO FREE TIME: 10 spettacoli - € 70,00

ABBONAMENTO FREE TIME UNDER 25 / UNIVERSITA': 10 spettacoli - € 50,00

SALA ORFEO | SALA MORETTI: intero € 15,00 - ridotto € 12,00

SALA GASSMAN: ingresso unico € 10,00

Ingresso consentito ai soci: tessera associativa annuale € 3,00

La prenotazione è vivamente consigliata

06 6875550 | biglietteria@teatroorologio.com

Le prenotazioni possono essere effettuate

dal lunedì al venerdì dalle 11.00 alle 19.00

e la domenica dalle 16.00 alle 19.00

Teatro dell'Orologio

Via de' Filippini 17/A

Facebook: Teatro dell'Orologio | Twitter: @teatroorologio

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • "Banksy A visual protest": oltre 90 opere in mostra al Chiostro del Bramante

    • dal 8 settembre 2020 al 11 aprile 2021
    • Chiostro del Bramante
  • Sunset Drive In, il cinema estivo all'aperto a Cinecittà

    • dal 3 luglio al 3 ottobre 2020
    • Cinecittà Studios
  • Apre Il Regno di Babbo Natale: un mondo incantato a un'ora da Roma

    • dal 18 settembre 2020 al 17 gennaio 2021
    • Vetralla (VT)
  • Festa del maritozzo, 30 proposte dolci e salate da Eataly

    • dal 2 al 4 ottobre 2020
    • Eataly Roma
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    RomaToday è in caricamento