Domenica, 13 Giugno 2021
Eventi

Tutto in 48 Ore: vince "Abbiamo tutta la notte" di Adriano Giotti

Lunedì 30 luglio la finale andrà in onda alle ore 22:10 su Rai 5

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

 

Nel magnifico set dell'Antica Roma a Cinecittà è andata in scena la sfida finale tra i migliori talenti italiani. "Tutto in 48 Ore" dopo un percorso di dieci tappe ed avendo toccato tutta Italia da nord a sud il festival del corto è giunto alle battute conclusive.

 

Alla finale hanno preso parte i 10 registi vincitori di ciascuna tappa italiana e le due squadre ripescate attraverso il voto del web. La serata è stata condotta come sempre dall'attrice Cecilia Dazzi e dallo speaker radiofonico Claudio Guerrini, sarà poi in onda lunedì 30 alle ore 22.10 su Rai 5.

 

Lo show - firmato Rai 5 e Global Vision Group Italia - è tornato così nella Capitale. Alla serata hanno partecipepato infatti i vincitori delle puntate precedenti: Simone Di Maria (Roma), Francesco Felli (Viterbo), Davide Scovazzo (Genova), Michele Fenu (Torino), Andrea Lanfredi (Ponza), Jonathan Soverchia (Senigallia), Antonio Zanni (Vieste), Luigi Scaglione (Ischia), Americo Melchionda (Reggio Calabria) e Miriam Rizzo (Terrasini - PA).

 

Inizialmente era previsto di ripescare solo una squadra, ma visto che le prime due sono rimaste appaiate fino alla fine staccando di gran lunga tutti gli altri, la produzione e la rete hanno deciso di ripescarle entrambe, anche per la qualità dei lavori svolti, cercando così di premiare più talenti possibili. Proprio uno dei film ripescati, "Abbiamo tutta la notte" del giovane regista Adriano Giotti, ha vinto il premio del miglior cortometraggio, aggiudicandosi la prima edizione italiana di "Tutto in 48 ore". Alla sua squadra sono andati anche i premi di Miglior Regia, Miglior Sceneggiatura e Miglior Fotografia.

 

Gli altri premiati sono stati: Squadra: Lightoffilm Regista: Simone Di Maria Titolo corto: Clean and chips Premio: miglior utilizzo del genere. Squadra: Le Souffle Regista: Francesco Felli Titolo corto: Il signor nessuno Premio: miglior attore a Pascal Zullino. Squadra: Anian Film Regista: Andrea Lanfredi Titolo corto: Viaggio Premio: miglior attrice a Assunta Scarpati. Squadra: lultimochiudalaporta Regista: Michele Fenu Titolo corto: Effetto Barnum Premio: migliore musica originale. Squadra: Vecchi Merletti Regista: Miriam Rizzo Titolo corto: 48 ore dopo Premio: miglior montaggio. Squadra: Freak Factory Regista: Aldo IulianoTitolo corto: Tattoo Premio: premio del pubblico.

 

Alla serata che è stata preceduta da cocktail di benvenuto a base di prosecco ed antipastini sono intervenuti diversi attori a consegnare i premi: Paolo Calabresi, Marco Cocci, Rolando Ravello, Giulia Michelini, Chiara Conti, Gianmarco Tognazzi, Giampaolo Morelli e Michela Andreozzi. Inoltre in qualità di tutor erano presenti gli attori: Ana Caterina Morariu, Luca Angeletti, Camilla Filippi, Maria Chiara Augenti, Marcello Mazzarella, Elda Alvigini, Paco Reconti e Claudio Botosso. Il premio al regista vincitore del programma, che rappresenterà l'Italia negli Stati Uniti, nella finale mondiale del concorso "The 48 Hour Film Project". La vittoria inoltre sarà anche il passe-partout per il Festival di Cannes nella sezione "Short Film Corner e, soprattutto, per la possibilità di produrre un corto targato Rai Cinema che, per l'occasione, è stato consegnato da Carlo Brancaleoni, Responsabile opere d'esordio e sperimentali di Rai Cinema. Era presente anche il famoso direttore della fotografia Daniele Ciprì (in concorso a Venezia), che ha lavorato al corto "48 ore dopo". Ovviamente, visto il livello altissimo dei suoi lavori , la giuria ha deciso di non tenerlo in considerazione nelle votazioni finali relative al premio della fotografia, preferendo dare spazio ai giovani. stato premiato anche il miglior writer del programma:Egon di Genova per la locandina del film 'shampoo negli occhi' di Fabrizio Denaro.

 

Lodevole comunque il fatto che si sia messo in gioco in un talent dedicato agli emergenti. Nel corso della serata si è voluto esprimere la preoccupazione verso il destino non ancora certo degli Studios di Cinecittà un patrimonio inestimabile di valore, di storia e di tradizione del miglior cinema italiano che ci invidia ancora oggi tutto il mondo.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tutto in 48 Ore: vince "Abbiamo tutta la notte" di Adriano Giotti

RomaToday è in caricamento