"Biglietti da Camere Separate" al Teatro in Scatola di Roma dal 7 al 16 marzo

Un romanzo intimo che racchiude il Tondelli segreto di fronte ai misteri dell'amore e della morte. E' «Camere separate», storia bruciante e autobiografica, pubblicata nel 1989, due anni prima della scomparsa del suo autore, avvenuta nel 1991. E proprio a Pier Vittorio Tondelli, enfant terrible della letteratura italiana degli anni '80, Andrea Adriatico rende omaggio con uno spettacolo - anzi, «uno sguardo» - che nasce da quel suo romanzo. Si intitola «Biglietti da Camere Separate» e sarà a Roma dal 7 al 16 marzo ore 21.00 (domenica ore 18.00) al Teatro in Scatola (Lungotevere degli Artigiani 12/14; www.teatroinscatola.it; infoline: 347.6808868 - posti limitati).

Due uomini in scena, interpretati da Matteo Prosperi e Davis Tagliaferro, raccontano la storia in "tre movimenti" di Leo, scrittore omosessuale che deve fare i conti con un lutto importante nella sua esistenza. Sarà l'occasione per inseguire le tracce di sé disseminate nel tempo di una vita, dall'adolescenza inquieta in un paese della provincia padana al successo editoriale e ai viaggi per l'Europa mentre la geografia politica ed emozionale di un intero continente cambia pelle. Ma le "camere separate" sono anche la richiesta di un modello d'amore, capace di esprimersi solo per prossimità e mai per convivenze troppo opprimenti.

L'amore e il sesso vengono raccontati con le voci e i corpi dei due attori, attraverso le parole del romanzo: una forma originale di teatro-romanzo, dalle affascinanti atmosfere visive e dalla potente fisicità dei performer.

Lo spettacolo è costruito sulle musiche originali di Massimo Zamboni, con le canzoni cantate da Angela Baraldi. Le scene e i costumi sono di Andrea Cinelli. Lo spettacolo è prodotto da Teatri di Vita con Comune di Bologna, Regione Emilia Romagna e Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

Abbandonati gli istinti «libertini» del primo romanzo e la fenomenologia mondana dell'epoca «postmoderna», Tondelli scopre di aver superato la linea d'ombra dei 30 anni e riversa le sue inquietudini nel protagonista di Camere separate: Leo, un omosessuale che deve fare i conti con la morte del proprio giovane compagno Thomas. Un rapporto da «camere separate», tra attrazione e gelosie, tra passione e distacco. Un rapporto al quale Leo ripensa, soffocato dal dolore per la morte di Thomas e dalla sensazione di aver perduto per sempre anche la propria giovinezza e uno sguardo puro e irriverente verso la vita.

E così, il Tondelli di Altri libertini, il suo primo romanzo pubblicato nel 1980 e processato per oscenità, di Pao Pao, irriverente galoppata nelle gioie e nelle frustrazioni del servizio militare, degli articoli e dei reportage giornalistici confluiti in Un weekend postmoderno, vera e propria esaltazione e al tempo stesso ironica analisi di un decennio «da bere», questo Tondelli lascia i panni del ventenne scapestrato per esplorare gli angoli più riposti del suo cuore. E lo fa nel suo romanzo più intenso, capolavoro introspettivo della maturità, dove campeggiano il senso della fine.

Andrea Adriatico, dopo aver raccontato la coppia nella sua ambiguità di desiderio e sopraffazione, di affetto e violenza in molti suoi spettacoli (da Orgia di Pasolini a Senzaparole da Beckett a L'omosessuale o la difficoltà di esprimersi di Copi), ritorna al racconto di un amore fatto di «camere separate», ripreso appunto dal romanzo di Tondelli, frantumando quella storia in innumerevoli «biglietti» che cercano di ricostruire ciò che forse si è perso per sempre.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • "Banksy A visual protest": oltre 90 opere in mostra al Chiostro del Bramante

    • dal 8 settembre 2020 al 11 aprile 2021
    • Chiostro del Bramante
  • Sunset Drive In, il cinema estivo all'aperto a Cinecittà

    • dal 3 luglio al 3 ottobre 2020
    • Cinecittà Studios
  • Apre Il Regno di Babbo Natale: un mondo incantato a un'ora da Roma

    • dal 18 settembre 2020 al 17 gennaio 2021
    • Vetralla (VT)
  • Il tempo di Caravaggio. Capolavori della collezione di Roberto Longhi, prorogata la mostra

    • dal 16 giugno 2020 al 10 gennaio 2021
    • Musei Capitolini, Palazzo Caffarelli
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    RomaToday è in caricamento