Storia di un anno

Presentazione del catalogo: Storia di un anno. a cura di: Vincenzo Mazzarella e Paolo Bielli Testi di: Achille Bonito Oliva, Vincenzo Mazzarella, Padre Franco, Paolo Bielli. Monserratoarte900 Con il patrocinio di Nessuno Tocchi Caino. Artisti uniti, in un luogo non comune come la Chiesa di S. Lucia del Gonfalone a Roma. A rappresentare ognuno una ricorrenza religiosa lungo l'arco di un anno a partire dal 18 febbraio 2015 mercoledì delle ceneri fino al 2 febbraio 2016 presentazione al tempio. Ogni artista esporrà' un' opera tesa a sottolineare la ricorrenza del giorno, un momento simbolico della nostra umanità e una stazione del nostro ricordo. Non si può sfuggire al ricordo dei nostri padri e dei nostri morti. La storia viene fatta per il futuro. La storia e' un divenire, quindi ogni momento di queste giornate costituirà una pura meditazione. Saranno tutti uniti: credenti, atei e agnostici perché nella meditazione si compie quel comune denominatore che è Amore per se stessi e verso il nostro prossimo. Nedda Guidi, Paolo Bielli, Ak2deru, Susanne Kessler, Riccardo de Antonis, Marina Haas, Giancarlino Benedetti Corcos, Mario Ceroli, Ascanio Renda, Elena Pinzuti, Eros Renzetti, Anna Maria Sacconi, Giovanni Albanese, Felice Levini, Giuseppe Graziosi, Marilù Eustachio, Alessandro Costa, Stefano Di Stasio, Verdiana Patacchini, Baldo Diodato, Elly Nagaoka, Pejman Tadayon, Lino Frongia, Weegeeweegee, Angela Volpi, Veronica Montanino, Naoya Takahara, Ubaldo Bartolini, Stefania Fabrizi, Federica Luzzi, Silvia Maccariello, Laura Palmieri, Dino Ignani, Giuliano Giuliani, Elisa Montessori. Arte Santa in altare Achille Bonito Oliva Le arti contemporanee si sono a rancate dalla servitù dei contenuti e han- no cercato il movimento della forma capace di tras gurare ogni tema e portare sulla soglia del linguaggio ogni intuizione ed empito creativo. Il linguaggio diventa il ltro attraverso cui passano segni, simboli e signi cati che vengono vivi cati e nello stesso tempo rielaborati nel passaggio della forma. L'arte (pittura, scultura, architettura, disegno) in questo senso trova il valore della santità in se stessa, in quanto tras gura ogni dettato visivo in un segno nuovo capace di dare durata e ssità esemplare all'istante e al transeunte. L'arte è santa perché realizza il miracolo di dare durata all'impossibile dura- ta della vita. Questo avviene anche per le opere d'arte contemporanea issate sull'altare del croci sso nella chiesta romana di Santa Lucia del Gonfalone. Da Ra aello in avanti la terribilità del sacro viene in qualche modo assorbi- ta dalla coscienza dell'artista di operare dentro i con ni del linguaggio che crea sempre uno spostamento dei simboli e dei segni. La santità dell'arte in questo caso risiede nella capacità rassicurante del linguaggio che fonda il proprio valore sull'autonomia formale, emancipata da qualsiasi servitù iconogra ca. L'arte ha evidenziato anche didatticamente tale emancipazio- ne, costruendo l'opera come un universo autonomo di cui l'unico arte ce è l'artista. Il movimento della forma determina questa qualità costitutiva dell'opera, quella di rivolgersi a qualsiasi universo preesistente di immagini, credenze ed alterazioni spirituali, incuneandole dentro la forza centrifuga del linguaggio che le elabora in una forma inedita. L'intensità del risultato determina il passaggio del sacro che sottrae l'iconogra a ad ogni aspetto devozionale o iconoclasta. Prevalgono uno spirito e una religiosità laica fondata su una coscienza rassicurante del valore della forma. La coscienza dell'artista contemporaneo, è quella di essere egli arte ce della nuova realtà linguistica, frutto di una creazione che s ora la Creazione, soggetto di un arbitrio visivo non preesistente al suo intervento. Certa- mente il bisogno della creazione nasce da un desiderio di immortalità che determina il bisogno di lasciare un segno racchiuso in una forma esempla- re, capace di s dare l'irresistibilità del tempo. In questo senso l'arte s da la morte ed assume la cadenza di un con itto che non riguarda la mondanità della vita ma una profonda esigenza. Portato alla perfezione della forma, l'artista è autorizzato ad accedere a que- sta possibilità: il microcosmo dell'opera contro il macrocosmo dell'univer- so. Da qui la persistenza dell'arte, la ricerca di una perfetta completezza della forma che le permette di fondare la santità, una delle ultime forme di spiritualità dell'uomo moderno, dopo la teologia delle molte impossibili rivoluzioni succedutesi nel corso dei secoli. L'antidogmatismo dell'artista lo spinge verso la formazione di una strategia strabica giocata tra l'errare e l'errore, la ricerca e l'incontro con la vita. Il doppio gioco che regge il processo creativo permette l'elevazione della for- ma in uno spazio/tempo fuori dalla caducità del nostro presente. L'economia della creazione artistica richiede una disciplina attraversata dall'istinto ma anche dalla perizia. L'impulso creativo deve cercare l'in- ciampo nella sapienza del particolare, incontrare la resistenza della volontà formale, l'unica capace di trasformare la brevità dell'impeto in un so o continuo che distribuisce la propria temperatura lungo tutte le rotte del prodotto. Da qui il bisogno di un'essenzialità che soltanto l'artista può raggiungere. Perché egli ha ben chiara la di erenza tra la capacità di notare cose visibili e quella di far emergere l'invisibile. In de nitiva l'arte sacra tende verso un movimento di perenne insoddisfazione che lo porta in ogni sua opera verso uno stato di armistizio tra le diverse forze che reggono il processo creativo. Pittura, scultura, architettura, disegno diventano arti conciliate dallo sforzo dell'artista portato sempre più verso l'elevazione di un'arte totale.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Promozioni, potrebbe interessarti

  • GranRoma Gift Card: il regalo perfetto per ogni occasione

    • dal 30 novembre al 31 dicembre 2020
    • GranRoma GranShopping
  • Babbo Delivery: il Natale arriva direttamente a casa con GranRoma

    • dal 18 al 20 dicembre 2020
    • GranRoma Gran Shopping

I più visti

  • "Banksy A visual protest": oltre 90 opere in mostra al Chiostro del Bramante

    • dal 8 settembre 2020 al 11 aprile 2021
    • Chiostro del Bramante
  • Back to nature, installazioni d'artista a Villa Borghese

    • Gratis
    • dal 15 settembre al 13 dicembre 2020
    • Villa Borghese
  • Il Regno di Babbo Natale, un mondo incantato a un'ora da Roma

    • dal 18 settembre 2020 al 17 gennaio 2021
    • Vetralla (VT)
  • Il tempo di Caravaggio. Capolavori della collezione di Roberto Longhi, prorogata la mostra

    • dal 16 giugno 2020 al 10 gennaio 2021
    • Musei Capitolini, Palazzo Caffarelli
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RomaToday è in caricamento