Romanticismo romano: i Nazareni

La grande villa voluta da Vincenzo Giustiniani in zona Laterano, immersa in un contesto dal carattere agricolo, e concepita come luogo di riposo, di incontro e, soprattutto come sede dove esporre parte della sua immensa collezione d'arte, fu edificata nel 1605. E scomparsa quasi del tutto alla fine dell'ottocento a seguito della lottizzazione dei terreni della villa. I Giustiniani non sono più da tempo i proprietari del Casino Nobile e del parco. Hanno venduto a seguito di avversità economiche alla famiglia Massimo che decidere di edificare la propria villa tra Via Merulana, via Manzoni e via Emanuele Filiberto, una zona che nel tempo ha acquistato un grande valore. Dell'antica villa rimane giusto un frammento: il Casino Nobile ed una particella infinitesimale del giardino che però non avranno vita facile. Quando l'8 settembre del 1943 arrivano a Roma i Tedeschi, il frammento sopravvissuto verrà occupato ed il bellissimo Casino Nobile utilizzato come mensa degli ufficiali che fanno il loro sporco lavoro di aguzzini a torturatori nelle vicine carceri di Via Tasso. L'occupazione finirà quando finirà quella dell'intera città: il 4 giugno del 1944. L'ultimo erede Filippo Massimo deciderà di vendere ciò che resta ai Frati Minori Delegati alla Custodia della Terra Santa che la deterranno in maniera stabile dal 1948.€ I Frati Minori costruiranno solo un edificio che andrà a fare funzione di portico intorno al giardino, mentre il Casino Nobile verrà mantenuto inalterato così com'era pervenuto alla fine del 1800 e prima dell'occupazione nazista. Il Casino si presenta all'esterno secondo la sistemazione di Andrea Giustiniani Branca realizzata in occasione del suo matrimonio con Maria, la nipote diretta di Innocenzo X Pamphilj. Le facciate sono impreziosite da lastre di sarcofago risalenti al II secolo dopo Cristo, secondo una moda iniziata con Villa Medici e portata al massimo della sua espressione da Scipione Borghese nelle sue residenze. Ma anche da pastiche realizzati sempre utilizzando parti di lastre di sarcofago e busti di imperatori di officine romane. Le opere provengono tutte dalla collezione d'arte dello zio Benedetto Giustiniani, amalgamate in una narrazione unica grazie ad elementi architettonici creati appositamente: le cornici in gesso, i medaglioni ritratto, l'aquila araldica dei Giustiniani insieme con la colomba dei Pamphilj e le decorazioni del cornicione. Il tutto predisposto ad ingentilire un edificio elegante ed essenziale nelle forme ancora rinascimentali e a cantare le lodi di una famiglia che voleva le sue origini dall'imperatore Giustiniano. I Giustiniano però nel 1802 sono costretti a vendere a Carlo Massimo il quale acquista anche parte della collezione d'arte pertinente alla villa. Il nobile apporta una modifica all'edificio per adeguarlo alla moda dell'epoca, oltre che ad esigenze pratiche. Un portico del pianterreno viene chiuso e si creano tre sale che danno direttamente sul giardino. Egli chiama a dipingerle un gruppo di artisti particolari, quasi degli asceti. Sono viennesi, vivono in comunità, portano i capelli lunghi, sono molto magri. E proprio per questo loro aspetto esteriore vengono chiamati i "Nazareni". Nel pieno dello spirito romantico si ispirano all'arte italiana del '300 - '400, senza ignorare la scuola di Michelangelo e di Raffaello. Occhieggeranno anche a un grandissimo artista romano più grande di loro solo qualche anno che proprio non può essere ignorato: Bartolomeo Pinelli. Non si sa bene come Carlo Massimo venga in contatto con loro. Chissà, forse per il clima internazionale che si respira a Roma. O i buoni consigi di Thordvalsen, il grande scultore danese neoclassico, a cui i Nazareni piacciono molto. O forse c'è stato di mezzo il Canova. O semplicemente il fatto che il principe ha visto la sala che i Nazareni hanno affrescato a Palazzo Zuccari. Comunque sia affida loro il lavoro dove si alterneranno più artisti per motivi diversi. Il soggetto degli affreschi realizzati dai Nazareni è diverso per ciascun ambiente, ma sempre nell'ambito del revival medievale e del poema cavalleresco che il Romanticismo sta rivalutando. Una sala sarà dedicata alla Divina Commedia di Dante, una all'Orlando Furioso di Ariosto e l'ultima alla Gerusalemme Liberata di Tasso. Al pian terreno ci sono anche altre stanze, attualmente non visitabili. Una interamente decorata secondo lo stile pompeiano. La dedicata alla Divina Commedia colpisce per l'estrema precisione dei dettagli, tanto che si possono leggere i singoli versi delle cantiche che hanno ispirato le diverse scene. Vi lavorano due artisti: Philip Viet, che confrontandosi con l'arte italiana umbra del Quattrocento, in particolare al Perugino, dipinge la volta della sala ispirandosi alle cantiche del Paradiso. E Joseph Anton Koch, che sulle pareti dipinge episodi tratti dall'Inferno e dal Purgatorio con una partecipazione totale e totalizzante. Immergersi nella sua pittura, circondati dalle masse dei tanti personaggi ritratti, si comprende quanto Koch avesse amato il poema di Dante. D'altra parte le cronache riportano che ne sapesse a memoria interi canti. La sua partecipazione assoluta al poema è talmente evidente da far percepire ancora di più la distanza dalla volta della sala, dipinta non solo con colori più freddi, ma anche in una maniera più didascalica dal suo collega Viet. La seconda sala dedicata all'Ariosto è dipinta da un unico artista, caso unico per il Casino Nobile di Villa Giustiniani Massimo. Si tratta di Julius Schnorr von Carolsfeld, che affronta il tema assegnatogli dopo un lungo studio nel corso del quale aveva realizzato numerosi di bozzetti e cartoni preparatori. Anche qui è possibile leggere, tra le masse di colore che definiscono le singole scene, gli episodi salienti dell'Orlando Furioso. Tra i temi del poema di Ariosto, vengono illustrati i due principali momenti encomiastici in cui a Bradamante e Ruggiero viene predetto non solo che si sposeranno ma anche che daranno origine alla più grande e splendente dinastia mai apparsa sulla Terra: i d'Este. Di seguito, si possono ammirare la battaglia tra i Cristiani e i Saraceni, i sei a Lipadusa, la presa di Biserta e l'assedio di Parigi. Con chiari riferimenti all'Incendio di Borgo di Raffaello e ad alcuni personaggi della Cappella Sistina di Michelangelo. La "lettura" per immagini del grande poema cavalleresco prosegue con la pazzia di Orlando dopo la scoperta dell'amore di Angelica e Medoro, il ritrovamento del suo senno da parte di Astolfo e infine Carlo Magno che sancisce l'amore tra Bradimante e Ruggiero. Si prosegue con la Gerusalemme Liberata di Tasso, il più tormentato dei tre geni poetici che ispirano le sale. L'artista che mette mano agli affreschi è Friederick Overbeck, protestante convertitosi ( al cattolicesimo?) proprio grazie alla sua amicizia con Philip Veit. Costui si misura con un tema particolarmente vicino alla sua esperienza esistenziale. Sul soffitto della sala troneggia proprio la Gerusalemme Liberata. Overbeck traferisce sulle pareti l'intero poema e le vicende legate al destino di una Gerusalemme prima occupata dagli Infedeli e poi, finalmente, liberata. Dove, a far da cornice, si consumano le sofferenze d'amore di Tancredi e Clorinda, Armida e Rinaldo, Olindo e Sofronia. Dove, alla fine, il monito è che la salvezza viene solo dalla fede in Cristo. Nel corso dei lavori accade che Carlo Massimo il committente, muore. E Friederick Overbeck sente venir meno quella sintonia tra opera, esecutore e committente che lo aveva sostenuto fino a lì. Abbandona la decorazione della sala, ma prima introduce in una delle scene essenziali il ritratto del committente, di se stesso e di Torquato Tasso, i tre uomini senza i quali tutto quello non sarebbe stato possibile. Se ne andrà ad Assisi a dipingere la facciata della Porziuncola nella Basilica di Santa Maria degli Angeli. Sarà Joseph von Fuhrich a dipingere le scene minori e la scena finale dove includerà anche i ritratti dei nuovi proprietari della villa (chi sono?) mentre assistono alla vittoria di Goffredo di Buglione e al suo rendere grazie a Dio. Dettagli Data: 11 dicembre Ora: 10:30 - 12:30 Categoria Evento: Roma Moderna Luogo Casino Massimo Lancellotti Via Matteo Boiardo, 16 Roma, Italia+ Google Map:

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Turismo, potrebbe interessarti

  • Ri-Tratto di Donne, visita itinerante tra i vicoli di Roma

    • oggi e domani
    • dal 28 al 29 novembre 2020
    • Passeggiata - punto di incontro Largo Argentina
  • Vi presento Giulio Cesare, divo! Visita e attività per bambini

    • solo domani
    • 29 novembre 2020
    • Centro Storico
  • Santi e stregoni al Rione Esquilino: visita guidata

    • solo domani
    • 29 novembre 2020
    • Rione Esquilino

I più visti

  • "Banksy A visual protest": oltre 90 opere in mostra al Chiostro del Bramante

    • dal 8 settembre 2020 al 11 aprile 2021
    • Chiostro del Bramante
  • Back to nature, installazioni d'artista a Villa Borghese

    • Gratis
    • dal 15 settembre al 13 dicembre 2020
    • Villa Borghese
  • Il Regno di Babbo Natale, un mondo incantato a un'ora da Roma

    • dal 18 settembre 2020 al 17 gennaio 2021
    • Vetralla (VT)
  • Il tempo di Caravaggio. Capolavori della collezione di Roberto Longhi, prorogata la mostra

    • dal 16 giugno 2020 al 10 gennaio 2021
    • Musei Capitolini, Palazzo Caffarelli
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RomaToday è in caricamento