"Mi chiamano Sbandato", reading con Marcello Fonte, Edoardo Pesce, Nicholas Gallo e Marco Cocci

Reading dal libro “Mi chiamano Sbandato” di Edmond
Edito dalla casa editrice Il Galeone.

SABATO 6 LUGLIO - 21:30
Isola del Cinema (Gregory's stage)
Ingresso gratuito

Voci di: Marcello Fonte e Edoardo Pesce
Marco Cocci e Nicholas Gallo
Accompagnamento musicale: Marco Cocci

Media partner: Radio Sonica

Il 6 Luglio alle 21:30 si terrà la lettura dei racconti e delle poesie tratte dal libro “Mi chiamano Sbandato” di Edmond, edito dalla casa editrice Il Galeone, presso la bellissima cornice dell’ Isola del Cinema (Gregory's stage).
A farci riflettere saranno le voci degli attori: Marcello Fonte, vincitore della Palma d’Oro come miglior attore al Festival di Cannes, Edoardo Pesce il co-protagonista del film di Matteo Garrone "Dogman", Marco Cocci e Nicholas Gallo. Un appuntamento serale di lettura, riflessione, dialogo e lezioni.
L'autore, in arte Edmond, combatte ogni giorno da dentro il carcere per capovolgere la grata in arte. Le sue poesie e i suoi testi in prosa sono diventati prima il cuore del blog Matricola1312 da cui è nato l’opuscolo autoprodotto “Ho innalzato sogni più alti de ste mura”, in seguito reading in giro per l’Italia e infine un libro.
"Mi chiamano sbandato" è una raccolta di racconti e poesie per abbattere il muro dello stigma sociale.
Un'antologia che trascina il lettore dentro a un mondo di sofferenza e dolore, ma soprattutto di rabbia e voglia di riscatto.
Nello scorrere del tempo fra sogni e paure, nell'oscillare della meditazione tra "gli abissi" e la libertà, Edmond conduce il lettore a una sincera comprensione della realtà carceraria. Nel "continuo rumore" del carcere, nella solitudine della cella, scaturisce il coraggio della dignità umana oltre a qualsiasi sperimentazione della sopraffazione dell'uomo sull'uomo.
“Mi chiamano Sbandato” è la sua prima pubblicazione.

EDMOND - L’AUTORE

Non è facile raccontare e descrivere chi è Edmond.
Edmond corre libero negli occhi di chi lo apprezza senza conoscerlo.
Edmond è più di quanto sia mai stato negli anni della sua libertà.
Edmond è un grido di lotte, sogni e speranza.
Edmond è la sua danza e tutti noi siamo la musica che può danzare ancora ed ancora. E’ un guerriero?
Si, forse lo è, ma non è il centro della lotta.
Nessuno sarà mai il centro della lotta finché non taglieremo quella mano sudicia che s’impossessa di anime e vite come niente fosse.
“Mi chiamano Sbandato” è la voce di un singolo che s’apre all’universale ed ad un linguaggio che rende ognuno di noi eguale.

IL GALEONE - LA CASA EDITRICE

Il Galeone Editore: una casa editrice nata dal basso per diffondere conoscenza e una cultura accessibile a tutti.
Pubblichiamo storie di emarginazione, di soprusi, di rivolta, di rivincite, di quartieri disagiati, di migranti, di carcere, di occupazioni, di dignità strappata. Non abbiamo fissato un limite di genere, nessuna barriera. L’obiettivo principale è quello di raccontare vicende scomode e poco trattate dalle grosse case editrici, di scavare nel profondo, di affrontare il presente e di svelare le verità spesso nascoste.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • L’indir dell’isola del cinema è Isola Tiberina e non Centocelle/prenestina Grazie;)

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Sala Europa: viaggio in tradizioni e culture del Vecchio Continente alla Casa del Cinema

    • dal 26 ottobre 2020 al 8 febbraio 2021
    • Casa del Cinema

I più visti

  • "Banksy A visual protest": oltre 90 opere in mostra al Chiostro del Bramante

    • dal 8 settembre 2020 al 11 aprile 2021
    • Chiostro del Bramante
  • Alberto Sordi, mostra nella sua villa a 100 anni dalla nascita

    • dal 16 settembre 2020 al 31 gennaio 2021
    • Villa di Alberto Sordi
  • "Balloon Museum", il primo museo del palloncino in un'ex deposito Atac a Roma

    • dal 11 febbraio al 14 marzo 2021
    • ex Deposito Atac, Pratibus District
  • I Marmi Torlonia, la mostra ai Musei Capitolini

    • dal 25 settembre 2020 al 27 giugno 2021
    • Villa Caffarelli
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    RomaToday è in caricamento