Raices Tango al Teatro Olimpico

Coda al botteghino per il debutto mondiale al Teatro Lola Membrives di Buenos Aires che fa registrare il tutto esaurito. Balla, Vivi, Ama. Le radici, la forza, l’emozione del ballo: il vecchio e il nuovo mondo si incontrano nella  potenza selvaggia degli Indios, il folklore dei gauchos,  l’eleganza, la passione controllata, la carica che solo il Tango Argentino può donare: Raices Tango è un viaggio nella storia della danza argentina più amata al mondo, al suo debutto per la tournee europea al Teatro degli Arcimboldi di Milano il 10 febbraio 2017 alle 21.00.  Un inedito ideato, coreografato e interpretato da Miguel Angel Zotto, leggenda del tango argentino, affiancato dall’espressività, la sensibilità e la grazia della compagna sul palco e nella vita, Daiana Guspero. La compagnia conta venticinque artisti - 16 ballerini e 5 musicisti - tra cui spiccano i gauchos della Pampa Argentina e l’Indio Olegui Atucà Guaranì, il Figlio del Vento che con la sua arte si batte da trent’anni contro i crimini commessi ai danni degli indigeni nel folto silenzio della foresta amazzonica.

CLICCA QUI PER COMPRARE I BIGLIETTI A PREZZO SCONTATO

Ecco perché Raices Tango è un sogno: rompendo gli schemi del tango classico sfocia in uno show inedito e travolgente che parla di amore, cultura, rispetto per ogni essere vivente in cui tangheri, gauchos e Indio convivono sul palco in un crescendo di emozioni per raccontare una storia che dalla danza arriva direttamente al cuore del pubblico. 

Lo show - La suggestione iniziale è quella della potenza selvaggia degli Indios del Nuovo Mondo. Poi il folklore delle serate intorno al fuoco dei gauchos delle pampas sudamericane fino a giungere al tango, il ballo della gente di Buenos Aires, dei compadritos, dei migranti Italiani, Francesi, Tedeschi, Russi che s’incontrano nelle balere e nei cortili, tra polvere e povertà, pianti di bambini e sogni di giovinezza, malinconia del vivere e fremiti d’amore. Le prime immagini sono potenti e innovative nella loro tradizione: i personaggi appaiono misteriosi, i tamburi rievocano ritmi ancestrali, le bolas nelle mani dei gauchos volteggiano vorticosamente nell’aria ricordando l’antico utilizzo coma arma da caccia. E finalmente l’eleganza, la passione controllata, la carica che solo il Tango Argentino contemporaneo può regalare nell’interpretazione del suo massimo testimone: Miguel Angel Zotto.

Miguel Angel Zotto, il Tango e l’Italia - Le radici del tango crescono sul fertile terreno argentino dove si stabiliscono le prime comunità di immigrati Italiani. Proprio come la famiglia di Miguel Angel Zotto, cognome originale Zotta, cambiato in Zotto da un errore di trascrizione nel registro argentino degli immigrati. Il nonno Michele Arcangelo nasce infatti nel paesino lucano di Campomaggiore. Miguel Angel inizia a ballare il tango con l’uomo di cui porta il nome, fino a “ritrovare” le radici italiane al punto di riattraversare l’oceano e stabilirsi in Italia con la moglie e compagna sul palco Daiana Guspero e le figlie. “Io sono italiano, sono contento di esserlo e il mio ponte con l’Argentina è sempre stato e sempre rimane l’Italia, il Paese dove sono maggiormente conosciuto.  È una musica che offre sentimento, nostalgia, passione, quindi identità. Abbiamo fatto dodicimila chilometri sull’oceano per arrivare qui: questo è il tango. Noi argentini siamo uguali fisicamente e culturalmente agli Italiani e questo in Italia si comprende: la  radice del tango è italiana. È per questo che il tango si balla tanto in Italia ed è veramente meraviglioso. Sono  nato  con  il tango nelle orecchie, in una famiglia tipicamente italiana: molto uniti tra noi, ballavamo  in  casa  con  mio  padre, mio zio e mio fratello”.

La febbre del Tango contagia l’Italia Ballare è creare musica con il corpo. “Abbiamo fatto dodicimila chilometri sull’oceano per arrivare qui: questo è il tango”. Parola di Miguel Angel Zotto. Più che una danza, è una vera e propria filosofia di vita. Da Buenos Aires ha contagiato il mondo ma soprattutto l’Italia, che si divide il primato di “capitale” del tango con il suo Paese d’origine. Una vera e propria “febbre” capace di coinvolgere oltre cinquantamila Italiani per più di 560 scuole censite in tutta la Penisola. Un numero in continua crescita: a Roma si contano oltre tremila appassionati, Milano e Torino superano i duemila. Il tango non ha età, attira anche i giovanissimi per i valori che rappresenta e il popolo che lo pratica proviene da ogni livello sociale e professionale. “Il tango è coppia - spiega Zotto -  uomo e donna al cinquanta per cento, anche se il passo più importante, l'otto (la donna disegna con un piede un 8 intorno al suo compagno per dare avvio alle danze), lo fa la donna. Nessun ballo raggiunge lo stesso livello di comunicazione tra due corpi: palpitazione, energia. Una composizione travolgente”.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • "Teatri in movimento lungo l'acquedotto", stagione condivisa Teatro Studio Uno e Teatro Biblioteca Quarticciolo

    • dal 15 ottobre al 18 dicembre 2020
    • Teatro Biblioteca Quarticciolo
  • Teatro de’ servi, una nuova doppia stagione

    • dal 24 settembre 2020 al 31 maggio 2021
    • Teatro de' Servi
  • Teatro Lo Spazio, la stagione 2020-2021: tutti gli spettacoli

    • dal 15 ottobre 2020 al 6 giugno 2021
    • Teatro Lo Spazio

I più visti

  • "Banksy A visual protest": oltre 90 opere in mostra al Chiostro del Bramante

    • dal 8 settembre 2020 al 11 aprile 2021
    • Chiostro del Bramante
  • Back to nature, installazioni d'artista a Villa Borghese

    • Gratis
    • dal 15 settembre al 13 dicembre 2020
    • Villa Borghese
  • Il Regno di Babbo Natale, un mondo incantato a un'ora da Roma

    • dal 18 settembre 2020 al 17 gennaio 2021
    • Vetralla (VT)
  • Il tempo di Caravaggio. Capolavori della collezione di Roberto Longhi, prorogata la mostra

    • dal 16 giugno 2020 al 10 gennaio 2021
    • Musei Capitolini, Palazzo Caffarelli
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RomaToday è in caricamento