Pastasciutta Antifascista al Trullo

Si svolgerà sabato 25 luglio 2020 dalle ore 19.30 presso il Giardino Caterina Cicetti al Trullo, la terza edizione de “La Pastasciutta antifascista di Casa Cervi”.

Anche quest'anno la sezione ANPI Trullo-Magliana “Franco Bartolini”, nel ricordo della prima pastasciutta offerta dalla famiglia Cervi per festeggiare la caduta del fascismo, si ritroverà con tutta la cittadinanza nel giardino Caterina Cicetti insieme alla satira pungente della giornalista ed autrice radiofonica Francesca Fornario, ai ritmi sudamericani della SinconTrullo la Murga del quartiere, alle canzoni popolari suonate da Anna Schettini ed alle musiche del cantautore Massimiliano D'Ambrosio e del flautista Maurizio Ziomi. Una serata per festeggiare tutti insieme con una buona pastasciutta al sugo, un bicchiere di rosso e una fette di cocomero questa
importante ricorrenza.

Una mangiata collettiva per unirsi anche a Roma alla rete nazionale della pastasciutta antifascista. Per dirlo con le parole di Papà Cervi: “la pastasciutta in bollore: Il più bel discorso sulla fine del fascismo”. Per quest'anno si ricorda a tutti il rispetto delle norme anticovid: mantenere le distanze di sicurezza, indossare quando necessario le mascherine e disinfettare spesso le mani.

La tradizione della pastasciutta antifascista di Casa Cervi

Alla caduta del fascismo, il 25 luglio del 1943, fu grande festa a casa Cervi, come in tutto il Paese. Una gioia spontanea di molti italiani che speravano nella fine della guerra, nella morte della dittatura. Seguiranno i mesi delle peggiori persecuzioni per il popolo italiano e la Liberazione verrà solo 20 mesi dopo, al prezzo di molte sofferenze. Ma quel 25 luglio, alla notizia che il duce era stato arrestato, c’era solo la voglia di festeggiare.

Da Casa Cervi partì uno degli eventi spontanei più originali, con una grande pastasciutta offerta a tutto il paese, per festeggiare, come disse Papà Cervi, il “più bel funerale del fascismo”. I Cervi portarono la pastasciutta in piazza, nei bidoni per il latte. Con un rapido passaparola la cittadinanza si riunì attorno al carro e alla “birocia” che aveva portato la pasta. Tutti in fila per avere un piatto di quei maccheroni conditi a burro e formaggio che, in tempo di guerra e di razionamenti, erano prima di tutto un pasto di lusso. C’era la fame, ma c’era anche la voglia di uscire dall’incubo del fascismo e della guerra, il desiderio di “riprendersi la piazza” con un moto spontaneo, dopo anni di adunate a comando e di divieti.

Di quel 25 luglio, di quella pagina di storia italiana è rimasto poco nella memoria collettiva. Eppure c’è stato, in tutta Italia e in quella data, uno spirito genuino e pacifico di festa popolare: prima dell’8 settembre, dell’occupazione tedesca, della Repubblica di Salò. Prima delle brigate partigiane e della Lotta di Liberazione. Da più di vent’anni questa festa antifascista, popolare e genuina, rivive nell’aia del Museo Cervi, mantenendo intatto lo spirito di quei giorni. L’ideale della pastasciutta del 25 luglio ha conquistato così, e continua a conquistare, molti altri territori e comunità, che vogliono riproporre la stessa formula di ritrovo spontaneo e festoso. Per ricordare, e siamo sempre di più a farlo, una data simbolica della nostra storia.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Manifestazioni, potrebbe interessarti

  • Festa del cioccolato a Villa Borghese

    • oggi e domani
    • dal 17 al 18 ottobre 2020
    • Villa Borghese
  • Giornate FAI d'Autunno 2020, due weekend dedicati alla bellezza

    • dal 17 al 25 ottobre 2020
    • luoghi vari
  • Live Cinema Festival, innovative performance live di spettacoli audio-visual nella Capitale

    • dal 9 al 17 ottobre 2020
    • Acquario Romano Casa dell'Architettura

I più visti

  • "Banksy A visual protest": oltre 90 opere in mostra al Chiostro del Bramante

    • dal 8 settembre 2020 al 11 aprile 2021
    • Chiostro del Bramante
  • "Dinosauri in carne e ossa" nell'Oasi WWF di Fregene

    • dal 22 marzo 2019 al 16 novembre 2020
    • Oasi WWF Macchiagrande
  • Il Regno di Babbo Natale, un mondo incantato a un'ora da Roma

    • dal 18 settembre 2020 al 17 gennaio 2021
    • Vetralla (VT)
  • Il tempo di Caravaggio. Capolavori della collezione di Roberto Longhi, prorogata la mostra

    • dal 16 giugno 2020 al 10 gennaio 2021
    • Musei Capitolini, Palazzo Caffarelli
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    RomaToday è in caricamento