Paesaggi del Corpo, quarto appuntamento con il Festival Internazionale di Danza Contemporanea

Si riaccendono i riflettori del Festival Internazionale di Danza Contemporanea Paesaggi del Corpo a Velletri, dopo l'ultimo appuntamento del 4 ottobre scorso. Al Teatro Artemisio Gian Maria Volontè due nuovi immancabili appuntamenti, con gli spettacoli della danzatrice e coreografa dalla pluriennale esperienza internazionale Valeria Loprieno e la giovane ma già affermata formazione artistica Uscite Di Emergenza.

Ad aprire la serata di venerdì sarà DA CONSUMARSI PREFERIBILMENTE ENTRO Best before… uno spettacolo ideato interamente da Valeria Loprieno. L’artista, insieme a Lucrezia Micheli e Giovanna Rovedo, darà vita a una performance che pone al centro il concetto di scadenza non solo materiale ma anche biologica, affettiva, umana. Secondo l’artista tutto può essere fragile, ogni cosa fuggevole e infine transitoria. Lo spettacolo prodotto da Compagnia Atacama – Cie Twain/Nuovi Autori, si avvarrà delle musiche di Giacomo Citro e si rivela un’indagine sul momentaneo, sulla precarietà del possedere e dell’essere, fino ad arrivare ad interrogare la danza stessa, luogo dell’effimero per antonomasia che si consuma nel momento in cui si manifesta.

La seconda parte della serata del 16 ottobre invece vedrà sul palco del Teatro Artemisio di Velletri la compagnia di danza Uscite Di Emergenza con Physics of Vulnerability. Lo spettacolo, diretto e coreografato da Davide Romeo, approfondirà il concetto di vulnerabilità, non più definibile ormai solamente come una falla nel sistema di protezione di qualcosa. La performance, accompagnata dalla musica di Micheal Pisano, porterà sulle scene quel momento di sospensione in cui si prende coscienza del proprio stato liquido, pesante, indifeso, quel momento di apnea sul fondo dove non si riesce a definire le regole. Che succede quando si cade e si finisce “faccia a terra”? A questa domanda cerca di rispondere Physics of Vulnerability, che racconterà la bolla temporale in cui si sospendono tutte le protezioni, in cui crollano i muri e si ascolta la propria parte più intima per costruire una risalita. Un viaggio attraverso le nudità della psiche raccontato da corporeità ed emotività.

Il Festival Internazionale di Danza Contemporanea Paesaggi del Corpo ha elaborato, in accordo con le autorità competenti le linee guida anti contagio da attuare per lo svolgimento della rassegna, con l’obiettivo di garantire la sicurezza per tutti gli ospiti e i frequentatori del Festival. Per evitare code e assembramenti invitiamo il pubblico a prenotare il proprio posto agli spettacoli attraverso l’indirizzo email info@paesaggidelcorpo.it

Per accedere alle location del Festival tutti gli spettatori devono indossare la mascherina (per i bambini valgono le norme generali) e sanificare le mani utilizzando gli appositi dispenser. Il personale è provvisto di appositi termoscanner, gli spettatori a cui verrà rilevata una temperatura uguale o superiore a 37,5° non potranno accedere allo spettacolo. All’interno delle sale la distribuzione dei posti a sedere garantisce il distanziamento interpersonale necessario al rispetto delle normative vigenti.

Programma completo su paesaggidelcorpo.it

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Incontri d'autore dal cuore di Roma: letture d'estate in streaming

    • Gratis
    • dal 25 marzo al 31 maggio 2021
    • Bibliobar - Invito alla Lettura

I più visti

  • Alberto Sordi, prorogata la mostra nella sua villa

    • dal 16 settembre 2020 al 30 giugno 2021
    • Villa di Alberto Sordi
  • Il miglior "panino sanizzo" direttamente dalla Calabria al Rione Monti: Mi'Ndujo ha aperto il quarto locale

    • dal 29 marzo al 31 dicembre 2021
    • Mi'Ndujo
  • I Marmi Torlonia, la mostra ai Musei Capitolini

    • dal 25 settembre 2020 al 27 giugno 2021
    • Villa Caffarelli
  • Omaggio a Gianni Rodari: tutte le volte che Alice Cascherina andò alla Galleria Nazionale

    • dal 1 novembre 2021 al 6 dicembre 2020
    • Galleria Nazionale d'Arte Moderna
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    RomaToday è in caricamento