All’Orto botanico di Roma l’incontro tra la living chapel e le percussioni di civico

Nell’ambito delle iniziative per la Giornata Mondiale del Rifugiato, l’Orto Botanico della Sapienza Università di Roma in collaborazione con l’Archivio delle Memorie Migranti ospiterà per la prima volta l’incontro tra la musica della Living Chapel e i ragazzi percussionisti di CivicoZero Onlus.

Il gruppo Le Percussioni di Civico, formato da Sory Dembele, Ell Hadj Doumbia, Mamadou Niang, Kiab Sangare e Arnaud Zohin si esibirà alle 19:00, insieme al Maestro Ousmane Coulibaly, musicista, polistrumentista e insegnante burkinabè.

“Quest’anno, nel celebrare la Giornata Mondiale del Rifugiato, vogliamo dar voce proprio alla valenza inclusiva del nostro intervento. I laboratori espressivi di CivicoZero Onlus, come quello delle Percussioni, si trasformano in momenti positivi di aggregazione e riflessione in cui i ragazzi possono esprimersi, scoprirsi e rielaborare le dolorose esperienze del viaggio, per un processo di ricostruzione e integrazione profondo e concreto.”

Da oltre 10 anni CivicoZero Onlus si impegna per offrire supporto, orientamento e protezione a minori e neomaggiorenni soli in Italia che si trovano in situazioni di marginalità sociale, a rischio di devianza, sfruttamento e abuso.

L’ Archivio delle Memorie Migranti raccoglie e racconta voci e testimonianze dirette delle persone migranti per lasciarne traccia e memoria nella società italiana.

L’inclusione, parola chiave di questa iniziativa, è anche uno dei principi fondanti della Living Chapel come sostiene il suo fondatore, il compositore australiano-canadese Julian Darius Revie:

«La Living Chapel è come un contrappunto musicale tra unità e diversità dove l’armonia ne è il ponte di collegamento».

La Living Chapel è uno strumento musicale vivente, sintesi perfetta tra Natura, Architettura e Musica. Il sistema di irrigazione crea un’armonia grazie al flusso incessante di gocce d’acqua che, in un ciclo continuo, bagna le piante e colpisce barili di petrolio rigenerati in strumenti musicali a percussioni chiamati steel drums.

L’evento porta con sé anche un messaggio importante per tutti i giovani condiviso dagli organizzatori: un impegno attivo per il recupero dei valori ambientali del nostro pianeta attraverso le diverse fedi e l’unione tra musica, arte e bellezza.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

I più visti

  • "Banksy A visual protest": oltre 90 opere in mostra al Chiostro del Bramante

    • dal 8 settembre 2020 al 11 aprile 2021
    • Chiostro del Bramante
  • Alberto Sordi, prorogata la mostra nella sua villa

    • dal 16 settembre 2020 al 30 giugno 2021
    • Villa di Alberto Sordi
  • “Robot Mania", al centro commerciale atterrano Mazinga Z, Jeeg Robot e Goldrake

    • dal 25 febbraio al 20 marzo 2021
    • Centro Commerciale Romaest
  • I Marmi Torlonia, la mostra ai Musei Capitolini

    • dal 25 settembre 2020 al 27 giugno 2021
    • Villa Caffarelli
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    RomaToday è in caricamento