Oltre la parola. Mirella Bentivoglio dalla Collezione Garrera

A distanza di poco più di due anni dalla scomparsa, il Museo Laboratorio della Sapienza dedica a Mirella Bentivoglio la prima mostra monografica nella città dove ha vissuto gran parte della sua vita. In occasione dell'esposizione, a cura di Ada De Pirro e Angelandreina Rorro, saranno esposte circa 50 opere, tutte provenienti dalle collezioni di Gianni e Giuseppe Garrera tra le quali alcune inedite. La scelta operata vuole essere un contributo alla conoscenza di questa grande figura di intellettuale e artista anche attraverso esempi di gestazione di sue opere con l’esposizione di materiali minuti che testimoniano il percorso creativo di alcuni importanti lavori. Attraverso il confronto di opere realizzate con diverse tecniche sarà inoltre possibile verificare la qualità costante e la coerenza della sua attività artistica.
L’esposizione si concentra sull’attività verbovisiva dell’artista, trascurando volutamente l’attività teorica, che rimane comunque un imprescindibile riferimento per chi si avvicini allo studio delle varie declinazioni sperimentali della visual poetry e dell’arte al femminile.

Mirella Bentivoglio (Klagenfurt 1920-Roma 2017) ha iniziato molto giovane a comporre poesie per poi avvicinarsi con naturalezza alle ricerche sperimentali di quelle neoavanguardie degli anni sessanta e settanta che erano nutrite dall’interesse per la linguistica e l’universo della comunicazione - soprattutto la Poesia Concreta e la Poesia Visiva -, ma rimanendo sempre libera da vincoli troppo circoscritti aiutata dalla sua formazione culturale aperta alla conoscenza di più lingue e ambiti disciplinari.

La sua attività artistica si concentra quindi sul recupero del valore iconico della parola e su ogni possibile variazione del linguaggio, sulle combinazioni e gli straniamenti di senso ottenibili attraverso frammentazioni e spostamenti con risultati di sottile e a volte dolorosa ironia.
L’artista gioca tutto sull’ambiguità semantica ma carica sempre il nonsenso di qualche concetto simbolico, che in maniera quasi didascalica ci mette in guardia circa le insidie del linguaggio. Andare Oltre la parola vuol dire andare oltre la nostra assuefazione al significato corrente degli elementi linguistici: rompere il giocattolo per vederne il meccanismo interno aiuta a prendere coscienza della precarietà delle nostre certezze.

L’esposizione, in occasione della quale sarà pubblicato un quaderno di mostra, sarà aperta dal 7 al 31 ottobre 2019, dal lunedì al sabato dalle ore 15.00 alle ore 19.00

Comitato Scientifico: Gianni Garrera, Giuseppe Garrera, Ada De Pirro, Angelandreina Rorro, Ilaria Schiaffini, Claudio Zambianchi

Si ringrazia l’Archivio Mirella Bentivoglio – Roma

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • "Banksy A visual protest": oltre 90 opere in mostra al Chiostro del Bramante

    • dal 8 settembre 2020 al 11 aprile 2021
    • Chiostro del Bramante
  • Alberto Sordi, mostra nella sua villa a 100 anni dalla nascita

    • dal 16 settembre 2020 al 31 gennaio 2021
    • Villa di Alberto Sordi
  • I Marmi Torlonia, la mostra ai Musei Capitolini

    • dal 25 settembre 2020 al 27 giugno 2021
    • Villa Caffarelli

I più visti

  • "Banksy A visual protest": oltre 90 opere in mostra al Chiostro del Bramante

    • dal 8 settembre 2020 al 11 aprile 2021
    • Chiostro del Bramante
  • Alberto Sordi, mostra nella sua villa a 100 anni dalla nascita

    • dal 16 settembre 2020 al 31 gennaio 2021
    • Villa di Alberto Sordi
  • "Balloon Museum", il primo museo del palloncino in un'ex deposito Atac a Roma

    • dal 11 febbraio al 14 marzo 2021
    • ex Deposito Atac, Pratibus District
  • I Marmi Torlonia, la mostra ai Musei Capitolini

    • dal 25 settembre 2020 al 27 giugno 2021
    • Villa Caffarelli
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RomaToday è in caricamento