Libero De Libero e gli artisti della 'Cometa' alla Galleria d'Arte Moderna

Apre al pubblico oggi alla Galleria d'Arte Moderna di via Crispi la mostra dedicata a Libero De Libero, intellettuale del '900, conoscitore d'arte e organizzatore culturale ancora poco noto, e agli artisti che gravitavano attorno alla galleria "La Cometa".

In esposizione 40 opere di artisti lanciati da De Libero, che oggi appartengono alla collezione permanente della Galleria, e una serie di suoi ritratti eseguiti dai più importanti artisti del Novecento e provenienti da collezione privata. Accanto alle opere, un nucleo di inediti materiali d'archivio, provenienti dalla Quadriennale che insieme all'assessorato capitolino alla cultura ha promosso la mostra. Di recente la Quadriennale ha ricevuto dagli eredi di De Libero il suo fondo privato, non ancora accessibile al pubblico per la consultazione.
 
Al terzo piano del museo, quindi, si snoda il percorso espositivo tra dipinti, sculture, disegni di artisti che esposero alla Cometa: Afro, Milena Barilli, Giuseppe Capogrossi, Giovanni Colacicchi, Felice Casorati, Ferruccio Ferrazzi, Nino Franchina, Guglielmo Janni, Carlo Levi, Giacomo Manzù, Roberto Melli, Fausto Pirandello, Gino Severini e Alberto Ziveri. Capolavori riconosciuti e opere inedite o poco note della collezione illustrano il tipo di arte, lontana dagli ambienti ufficiali e aperta alle influenze internazionali, che interessava De Libero.

In tre anni di attività, dal '35 al '38, i locali di piazzetta di Tor de' Specchi sotto la guida di De Libero e con l'appoggio della fondatrice, la mecenate Mimì Pecci Blunt, diventano un punto di riferimento per l'attività espositiva ed editoriale romana e nazionale, con trentasei mostre all'attivo, una collezione di opere inedite di scrittori italiani con edizioni speciali arricchite dai disegni di artisti, una succursale a New York e un'altra in apertura a Parigi. Nonostante ciò invisa al regime, con l'arrivo delle leggi razziali è costretta a chiudere.

Nell'ambito della mostra, la direzione Teche della Rai ha prodotto un documentario di Silvana Palumbieri dal titolo "Gli approdi di De Libero", che insieme a conferenze, incontri e proiezioni in programma, arricchisce gli spunti di studio sulla figura di Libero De Libero. La mostra è curata da Maria Catalano, Federica Pirani e Assunta Porciani ed è promossa dall’assessorato alla Cultura, Creatività e Promozione Artistica - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e dalla Fondazione La Quadriennale di Roma.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • "Banksy A visual protest": oltre 90 opere in mostra al Chiostro del Bramante

    • dal 8 settembre 2020 al 11 aprile 2021
    • Chiostro del Bramante
  • Alberto Sordi, mostra nella sua villa a 100 anni dalla nascita

    • dal 16 settembre 2020 al 31 gennaio 2021
    • Villa di Alberto Sordi
  • I Marmi Torlonia, la mostra ai Musei Capitolini

    • dal 25 settembre 2020 al 27 giugno 2021
    • Villa Caffarelli

I più visti

  • "Banksy A visual protest": oltre 90 opere in mostra al Chiostro del Bramante

    • dal 8 settembre 2020 al 11 aprile 2021
    • Chiostro del Bramante
  • Alberto Sordi, mostra nella sua villa a 100 anni dalla nascita

    • dal 16 settembre 2020 al 31 gennaio 2021
    • Villa di Alberto Sordi
  • "Balloon Museum", il primo museo del palloncino in un'ex deposito Atac a Roma

    • dal 11 febbraio al 14 marzo 2021
    • ex Deposito Atac, Pratibus District
  • I Marmi Torlonia, la mostra ai Musei Capitolini

    • dal 25 settembre 2020 al 27 giugno 2021
    • Villa Caffarelli
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    RomaToday è in caricamento