10 anni di MAXXI, grande maratona digitale per festeggiarli

Una maratona digitale di dieci ore che unisce grandi istituzioni italiane e internazionali, artisti, architetti, designer, critici, curatori, scienziati. Una riflessione sul ruolo, la funzione sociale e le potenzialità digitali dei musei di tutto il mondo a seguito della pandemia.

In questa fase del post emergenza Coronavirus, il MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo celebra i sui dieci anni con il festival online "Una storia per il futuro", sui suoi canali social giovedì 18 giugno dalle 11.00 alle 21.00, premessa alla grande mostra con lo stesso titolo che aprirà il prossimo autunno.

I 10 anni del MAXXI

Alternando dialoghi live e contributi video registrati appositamente per l’occasione, il festival è organizzato in due sezioni.

La prima: Il MAXXI nel mondo, ovvero sono ancora necessari i musei globali? riflette su come la pandemia abbia influito su funzione, organizzazione, percezione e offerta dei musei (il palinsesto online del MAXXI durante il lockdown ha avuto oltre 13 milioni di visualizzazioni): nella realtà post emergenza Covid-19, ridefinita dalla digitalizzazione e dalla distanza sociale, possono i musei continuare a svilupparsi come principale spazio pubblico di ricerca? Come conciliare la dimensione locale e globale della ricerca contemporanea?

La seconda: Verso un nuovo ecosistema della creazione lancia una sfida affinché i musei diventino i principali laboratori per sperimentare e definire un nuovo ecosistema della creazione, che coinvolga comunità sempre più ampie e pratiche di condivisione dei saperi sempre più poliformi. In questa sezione, ci sarà un focus sul tema dell’abitare e su come il Coronavirus abbia influito e modificato il rapporto tra noi e la casa, il nostro modo di viverla, tema al centro del nuovo allestimento della mostra At Home 2.0 che proprio il 18 giugno riapre al pubblico.

Introdotti e moderati da Giovanna Melandri, Presidente della Fondazione MAXXI; Hou Hanru Direttore artistico del MAXXI; Bartolomeo Pietromarchi, Direttore del MAXXI Arte; Margherita Guccione, da poco alla guida della Direzione generale per la creatività contemporanea del MiBACT dopo aver diretto per 10 anni il MAXXI Architettura e Pippo Ciorra, Senior Curator del MAXXI Architettura, tantissimi gli ospiti che si alterneranno sul palco virtuale del MAXXI, a partire dal Ministro della cultura Dario Franceschini e dal Presidente della Camera Roberto Fico, che apriranno il Festival.

Tra i protagonisti del Festival:
la virologa Ilaria Capua; gli architetti David Adjaye,  Petra Blaisse, Rem Koolhaas, Renzo Piano, Carlo Ratti, Hashim Sarkis, Patrick Schumacher, Cino Zucchi, Sara Marini; gli artisti Thomas Hirschhorn, Piero Gilardi, Miltos Manetas,Diego Marcon, Margherita Moscardini,  Michelangelo Pistoletto, Tomás Saraceno, Marinella Senatore, Nico Vascellari; i designer Formafantasma e Daniel Perlin. 
Simone Marchetti, Direttore di Vanity Fair, Roberto Pisoni, Direttore di Sky Arte, Massimiliano Tonelli. Direttore di Artribune, tutti e tre media partner del Festival.

Tra i rappresentanti di musei e istituzioni italiane e internazionali: Cecilia Alemani, Direttrice Artistica della 59. Biennale Arte 2022; Zdenka Badovinac, Direttrice del Museo d’Arte Moderna di Lubiana Stefano Boeri, architetto e Presidente della Triennale di Milano; Bernard Blistène, Direttore del Museo nazionale d’arte moderna al Centre Pompidou di Parigi; Edoardo Bonaspetti, co-direttore di Ordet a Milano il critico d’arte Achille Bonito Oliva; Manuel Borja-Villel, Direttore del Reina Sofia di Madrid; Maristella Casciato, Senior Curator of Architectural Collections al Getty Research Institute di Los Angeles e curatrice della mostra al MAXXI Gio Ponti. Amare l’architettura;  Roberto Cicutto,Presidente della Biennale di Venezia; Massimiliano Gioni, Direttore artistico della fondazione Trussardi e del New Museum of Contemporary Art di New York; Gong Yan, Direttrice del Power Station of Art di Shangai Emma Lavigne, Presidente del Palais de Tokyo; Luca Lo Pinto, Direttore del MACRO di Roma; Matteo Lucchetti, co-curatore progetto Visible; Cuauhtémoc Medina, Chief Curator al MUAC (Museo Universitario Arte Contemporáneo) di Città del Messico; Francesco Manacorda, Direttore Artistico della V-A-C Foundation di Mosca Alexandra Munroe, Senior Curator al Guggenheim Museum di New York; Victoria Northoorn, Direttrice del Museo de Arte Moderno di Buenos Aires; Hans Ulrich Obrist, Direttore artistico della Serpentine Gallery di Londra; Cesare Pietroiusti, Presidente dell’Azienda Speciale Palaexpo; Marco Scotini, Direttore artistico di FM Centro per l’arte contemporanea a Milano; Martino Stierle, Chief Curator per l’architettura al MoMA di New York; Andrea Viliani, Curatore del Centro di Ricerca Castello di Rivoli; Monique Veaute, Presidente della Fondazione Romaeuropa; Katherine Weir, Direttrice Artistica del Museo MADRE di Napoli; Mirko Zardini, per 15 anni Direttore del CCA di Montreal.

Ai dialoghi live e ai contributi registrati, anche grazie alla collaborazione di Sky Arte, si alternano video che raccontano le mostre, le performance e i momenti più significativi dei primi dieci anni del MAXXI. A partire dall’intensa intervista del 2009 a Zaha Hadid, in apertura del Festival alle 11.45 realizzate per il museo da 3D Produzioni  e, a seguire, la meravigliosa performance di danza di Sasha Waltz and Guests, sempre del 2009, entrambe in occasione dell’inaugurazione dell’edificio vuoto appena completato. In chiusura, invece, alle 20.55,  la performance/concerto di Pedro Reyes del 2015, con le armi sequestrate ai narcotrafficanti messicani trasformate in strumenti musicali. Nell’arco della giornata, le performance di Tarek Atoui e Mazen Kerbaj, Marinella Senatore, Trisha Brown Dance Company, Public Movement, Alessandro Sciarroni, Francesca Grilli, Allora & Calzadilla.

Per entrare nel vivo dell’offerta culturale del MAXXI, inoltre, Michela Murgia e Luigi Lo Cascio e prestano la loro voce all’audiodescrizione di due opere di grande suggestione: Senza Titolo di Maria Lai (11.55) e Inventario.Le fontane di Za’atari di Margherita Moscardini (18.15)
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Sala Europa: viaggio in tradizioni e culture del Vecchio Continente alla Casa del Cinema

    • dal 26 ottobre 2020 al 8 febbraio 2021
    • Casa del Cinema

I più visti

  • "Banksy A visual protest": oltre 90 opere in mostra al Chiostro del Bramante

    • dal 8 settembre 2020 al 11 aprile 2021
    • Chiostro del Bramante
  • Il Regno di Babbo Natale, un mondo incantato a un'ora da Roma

    • dal 18 settembre 2020 al 17 gennaio 2021
    • Vetralla (VT)
  • "Dinosauri in carne e ossa" nell'Oasi WWF di Fregene

    • dal 22 marzo 2019 al 16 novembre 2020
    • Oasi WWF Macchiagrande
  • Back to nature, installazioni d'artista a Villa Borghese

    • Gratis
    • dal 15 settembre al 13 dicembre 2020
    • Villa Borghese
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    RomaToday è in caricamento