Lucean, doppia personale di Marco Angelini e Piotr Hanzelewicz

Gli astri, Sole e Luna, sono i protagonisti della doppia personale LUCEAN, che Borghini Arte Contemporanea inaugura giovedì’ 8 ottobre, degli artisti Marco Angelini e Piotr Hanzelewicz, a cura di Giusy Emiliano.

La mostra ha come spunto di riflessione il ruolo dell’uomo nell’universo a partire dalla teoria eliocentrica. Il centro dell’universo è dunque il Sole, la stella madre, non solo fonte di luce, ma anche di energia che l’uomo cerca di raccogliere e sfruttare a suo vantaggio.
Le opere di Marco Angelini si concentrano su questo aspetto e sul modo in cui la tecnologia ha cambiato il nostro rapporto con il Sole: prima l’uomo riceveva passivamente i benefici della luce solare, ora si tenta di catturarla, imbrigliarla e riutilizzarla.

L’artista guida l’osservatore in questa narrazione non solo con l’illuminazione interna delle opere, ma anche attraverso i materiali utilizzati che rappresentano la sua cifra stilistica. Secondo un processo creativo fisico e mentale, la materia e gli oggetti si trasformano per mostrare una realtà altra. Superano la funzione per cui sono nati mutando profondamente significato: “Non più ‘strumenti’, quindi, ma puri oggetti, ‘materia prima’. E certamente ben s’intuisce come Angelini non voglia in alcun modo andare ‘al di là’ di questa materia, quanto piuttosto permanere, ‘giocare’e penetrare in essa, riappropriandosene fino al midollo per parlare ‘attraverso” di essa” (Emanuele Ciccarelli).
L’altro astro protagonista è la Luna ed è l’oggetto delle opere di Piotr Hanzelewicz. Come l’uomo vuole catturare artificialmente la luce del Sole, così la Luna lo fa naturalmente brillando di riflesso. I due astri, comunemente considerati opposti, sono invece complementari e origine di vita. Non dimentichiamo, infatti, il ruolo che la Luna ha avuto e ha ancora per la nostra esistenza sulla Terra.

Non solo il Sole dunque, ma anche la Luna va celebrata per la sua funzione di vita. L'arte diventa strumento di vita nella relazione tra soggetto ed oggetto, tra uomo e cielo, dove prima l'uno è soggetto e l'altro è oggetto e viceversa.

Piotr Hanzelewicz usa un linguaggio diafano ed elegante per raccontare della Luna e delle sue fasi, restituendoci sensazioni di indefinitezza in particolare grazie ai suoi materiali delicati, opachi e trasparenti che richiamano la vaghezza tipica della luce lunare. L’artista è, infatti, solito muoversi tra “piani di ambiguità” alla ricerca di molteplici e vari significati degli oggetti e della realtà. “La vaghezza (cfr. Petrarca sui termini poetici poiché “vaghi”) riportata sul supporto restituisce un aspetto simbolico desiderato e voluto come lo smarrimento naturale nell’approccio dello sguardo lunare.” (Giusy Emiliano)

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • "Banksy A visual protest": oltre 90 opere in mostra al Chiostro del Bramante

    • dal 8 settembre 2020 al 11 aprile 2021
    • Chiostro del Bramante
  • Alberto Sordi, prorogata la mostra nella sua villa

    • dal 16 settembre 2020 al 30 giugno 2021
    • Villa di Alberto Sordi
  • I Marmi Torlonia, la mostra ai Musei Capitolini

    • dal 25 settembre 2020 al 27 giugno 2021
    • Villa Caffarelli

I più visti

  • "Banksy A visual protest": oltre 90 opere in mostra al Chiostro del Bramante

    • dal 8 settembre 2020 al 11 aprile 2021
    • Chiostro del Bramante
  • Alberto Sordi, prorogata la mostra nella sua villa

    • dal 16 settembre 2020 al 30 giugno 2021
    • Villa di Alberto Sordi
  • Il miglior "panino sanizzo" direttamente dalla Calabria al Rione Monti: Mi'Ndujo ha aperto il quarto locale

    • dal 29 marzo al 31 dicembre 2021
    • Mi'Ndujo
  • I Marmi Torlonia, la mostra ai Musei Capitolini

    • dal 25 settembre 2020 al 27 giugno 2021
    • Villa Caffarelli
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    RomaToday è in caricamento