La resistenza senz'armi degli Internati Militari Italiani nei lager nazisti

Incontro con la storia alla Biblioteca Ennio Flaiano del Tufello. Il 24 aprile si parlerà degli Internati Militari Italiani (IMI), ossia i soldati italiani che dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943 furono catturati in massa dai tedeschi e deportati nei Lager in Germania. 

La resistenza senz'arami degli Internati Militari Italiani nei lager nazisti

L'evento in programma dalle ore 17:30 vuole far conoscere al pubblico una drammatica pagina di storia del nostro Paese a lungo ignorata. Il professor Mario Carini presenterà una relazione sulla "Resistenza senz'armi" degli IMI, citando i diari degli ex internati Serafino Clementi e Ugo d'Ormea, testi che sono stati pubblicati sui "Quaderni del Liceo Orazio" nn. 5 e 7. 

Il Dott. Aldo d'Ormea, figlio dell'IMI Ugo d'Ormea, presenterà un documentario in DVD, da lui realizzato, sulla vicenda di suo padre. Infine alcuni giovani del Circolo di Lettura Flaiano leggeranno le lettere dei condannati a morte della Resistenza italiana, tratte dall'omonimo testo edito dalla Casa Editrice Einaudi. 

Così spiega il prof. Carini: "Gli Internati Militari Italiani (IMI), così chiamati dai tedeschi che non vollero considerali prigionieri di guerra veri e propri, furono i soldati dell'esercito regio che, dopo l'8 settembre 1943, disorganizzati e privi di ordini per la fuga del re Vittorio Emanuele, di Badoglio e dello Stato Maggiore, vennero catturati in massa dai tedeschi, gettati nei treni piombati e deportati nei Lager in Germania, dove stettero reclusi fino alla liberazione, nell'aprile 1945. Nei campi di prigionia come Wietzendorf, Fallingbostel e Sandbostel gli IMI sopportarono lunghi mesi di privazioni, sofferenze e angherie da parte degli aguzzini tedeschi, che per ordine di Hitler dovevano far scontare agli italiani il tradimento dell’8 settembre. Costretti a sopportare la fame, la lontananza dalle famiglie e l'impossibilità di averne notizie, gli stenti e le malattie (come il tifo, la malaria e la tubercolosi), con l’aggiunta dei soprusi e delle sadiche violenze dei guardiani, gli IMI resistettero eroicamente e scrissero una luminosa pagina della Resistenza, che per loro fu la “Resistenza senz’armi”, ovvero “l’altra Resistenza”, come si intitola un libro dell’uomo politico Alessandro Natta (L'altra Resistenza, Einaudi, Torino 1997, I ed. 1955) che visse, da giovane militare, l'esperienza dell'internamento a Sandbostel. Pur dimenticati da chi avrebbe potuto assisterli (giacché la qualifica di IMI, appositamente coniata per loro dai tedeschi li sottraeva alle tutele garantite ai prigionieri di guerra dalla Convenzione di Ginevra del 1929), gli IMI seppero nella grande maggioranza respingere le lusinghe degli inviati fascisti (tra cui quella più potente e insidiosa, la promessa dell’immediato rientro in patria) che periodicamente visitavano i campi cercando di raccogliere le adesioni alla RSI, la neonata Repubblica Sociale Italiana di Mussolini. Il loro NO ai fascisti e ai nazisti fu una grande vittoria morale, un gesto di alto valore etico che aiutò il Paese a ritrovare la strada della libertà e della democrazia. Basti ricordare le cifre degli IMI. Degli 810.000 soldati italiani catturati dai tedeschi, dopo l’8 settembre, e deportati in Germania, 160.000 circa optarono per la RSI o si arruolarono nelle SS italiane o si impiegarono nella Organizzazione Todt (che reclutava operai per adibirli a lavori di ogni genere in Germania) o collaborarono in vario modo con il Reich. Gli altri 650.000 preferirono restare come IMI nei campi. Di questi ne morirono dai 30.000 ai 50.000 (le cifre ancora non trovano accordo tra gli storici) per gli stenti, le malattie o assassinati dai guardiani tedeschi"

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Sala Europa: viaggio in tradizioni e culture del Vecchio Continente alla Casa del Cinema

    • dal 26 ottobre 2020 al 8 febbraio 2021
    • Casa del Cinema

I più visti

  • "Banksy A visual protest": oltre 90 opere in mostra al Chiostro del Bramante

    • dal 8 settembre 2020 al 11 aprile 2021
    • Chiostro del Bramante
  • Il Regno di Babbo Natale, un mondo incantato a un'ora da Roma

    • dal 18 settembre 2020 al 17 gennaio 2021
    • Vetralla (VT)
  • "Dinosauri in carne e ossa" nell'Oasi WWF di Fregene

    • dal 22 marzo 2019 al 16 novembre 2020
    • Oasi WWF Macchiagrande
  • Back to nature, installazioni d'artista a Villa Borghese

    • Gratis
    • dal 15 settembre al 13 dicembre 2020
    • Villa Borghese
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    RomaToday è in caricamento