Domenica, 14 Luglio 2024
Eventi

La Giornata mondiale dell’Immunologia

“Come sensibilizzare giovani e cittadini”: incontri nelle scuole e convegni scientifici a Roma

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

Istituita nel 2005 dalla European Federation of Immunological Societies, ogni anno nel mese di Aprile, si celebra la "Giornata Mondiale dell'Immunologia", per rafforzare nell'opinione pubblica la consapevolezza dell'importanza dell'immunologia come disciplina scientifica alla base della salute di tutti noi

La SIICA (Società Italiana di Immunologia, Immunologia Clinica ed Allergologia, dalla sua fondazione circa 40 anni fa, è molto attiva e contribuisce a questa importante iniziativa mediante l'organizzazione di una serie di incontri su differenti tematiche in varie sedi sul territorio nazionale. Quest'anno, la European Federation of Immunological Societies (EFIS) e la International Union of Immunological Societies (IUIS) hanno unito le loro forze per incrementare il messaggio del Day of Immunology e, per promuovere la consapevolezza dei benefici della ricerca. Il tema dell'immunologia è molto rilevante, e rappresenta una delle principali branche delle scienze biomediche, la sua importanza e la funzionalità risultano applicabilità a quasi tutte le discipline mediche ed è una scienza trasversale.

Alla SIICA aderiscono oltre seicento immunologi italiani: l'immunologia rappresenta una delle eccellenze della ricerca scientifica del nostro Paese sulla base di parametri obiettivi. La missione della Società è indirizzata principalmente all'organizzazione di eventi scientifici di altissima qualità. Il prestigio di SIICA è confermato dal fatto che ha vinto la gara per l'organizzazione del prossimo Congresso mondiale d'immunologia, che si terrà a Milano dal 22 al 27 agosto 2013 e che radunerà gli immunologi più importanti del mondo nonché 5 Premi Nobel.

Nel 2011 il premio Nobel per la fisiologia e medicina è stato conferito proprio a tre immunologi (Steinman, Beutler e Hoffman) per loro scoperte, a dimostrazione della vitalità di una disciplina in continua evoluzione e così utile per la società. Anche per l'appuntamento di Milano il prossimo Agosto, l'attesa cresce per la pubblicazione di lavori di straordinaria rilevanza che verranno divulgati e presentati con l'illustrazione di scoperte scientifiche di grande importanza.

A Roma, il 29 Aprile alle 9 un convegno studi al Policlinico Umberto I dal titolo "L'immunità: un sistema complesso di difesa" è stato promosso dal Presidente della SIICA Vincenzo Barnaba, Professore di Medicina Interna e Specialità Mediche dell'Università di Roma La Sapienza e tra i massimi specialisti a livello internazionale di immunologia, assieme alla Professoressa Angela Santoni.

Obiettivo della giornata. "Le nuove terapie per le malattie autoimmuni, la immunoterapia con cellule staminali mesenchimali, al centro della speculazione alla presenza di specialisti, per un appuntamento rivolto ai ricercatori, ai medici e anche agli studenti delle scuole medie e superiori, in modo che possano comprendere come funziona il nostro sistema immunitario - sottolinea Barnaba - per capire come si possano combattere le infezioni o i tumori, cosa succede quando si scatenano malattie autoimmuni o infiammatorie croniche, e come curarle".

"Nonostante l'immunologia sia una scienza relativamente antica, ancora oggi per molti non addetti ai lavori non è chiaro cosa studi e quali siano le sue applicazioni nel campo medico - prosegue Presidente Siica Vincenzo Barnaba - The Day of Immunology intende divulgare la scienza immunologica quale scienza capace di studiare gli eventi molecolari e cellulari delle risposte immunitarie per combattere infezioni o tumori o i processi immunopatologici infiammatori cronici (malattie autoimmuni, allergie, malattie infiammatorie dell'intestino, malattie infiammatorie polmonari, arteriosclerosi, diabete. I giovani vanno sicuramente sensibilizzati - è l'appello del Presidente della Siica - ed il medico di base deve avere un ruolo fondamentale nel fornire le indicazioni principali sulla prevenzione delle malattie infettive, inclusa l'AIDS".

Le malattie infettive sono significativamente diminuite nel nostro Paese e nei paesi occidentali in genere, grazie alla ricerca scientifica, grazie alle nuove applicazioni biotecnologiche, alla cultura, e ai mutati stili di vita. Il successo di questi risultati è dovuto principalmente alle vaccinazioni di massa. Basti ricordare che nel paesi avanzati, non ricordiamo più neppure che cosa siano flagelli quali la difterite, la poliomielite, o il vaiolo, e che tali infezioni colpivano, in modo spesso grave, decine di migliaia di persone anche nel nostro paese.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Giornata mondiale dell’Immunologia
RomaToday è in caricamento