Una body artist estrema è la sosia italiana di Angelina Jolie

Kyrahm - attrice e artista concettuale

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

La sosia italiana di Angelia Jolie vive a Roma ed è una body artist.

Il suo nome d'arte è Kyrahm ed oltre a fare l'attrice si occupa di arti estreme presso musei, teatri e gallerie in Italia e nel mondo.

Potrebbe essere la Marina Abramovich nostrana, apprezzatissima presso rassegne sia della scena underground che quelle più istituzionali.

Un giorno possiamo incontrarla adornata da lunghe collane, fissate con aghi conficcati nella carne, in un museo per dimostrare contro la violenza alle donne; il successivo a recitare un monologo virale sull'esistenza caricato sui portali web culturali ed in quello dopo protagonista di corti e lungometraggi per il cinema e la videoarte, dove in alcuni piange (vero) sangue ferendosi l'arcata sopraccigliare.

L'artista romana non ha mai fatto leva su questa sua particolare somiglianza anzi: nel prossimo video di un famoso cantante del quale non riveleremo ancora il nome, comparirà truccata da zombie, convinta sostenitrice del fatto che le donne hanno ben altro da ostentare che la propria bellezza, in una società che ha fatto della mercificazione del corpo femminile business a tutti i livelli della comunicazione e del marketing.

A tal proposito durante una sua performance in Belgio, ha volontariamente deformato il suo viso temporanemaente con della soluzione salina ed ha raccolto i feedback dei passanti, molto diversi da quelli che riceve quotidianamente.

Intervisto Kyrahm presso un caffè in una zona elegante dell'Eur.

"La gente mi guardava con disprezzo. Eppure sono sempre io. E' incredibile quanto conti l'aspetto fisico in questa società dell'immagine a tutti i costi."

Ed a proposito di "grande bellezza", in una scena del film Sorrentino, omaggio alla Roma ed alla sua decadenza, c'è un riferimento ad un'artista che ricorda la Abramovich mentre pratica una performance estrema presso il Parco degli Acquedotti di Roma.

"Performai al Parco degli Acquedotti di notte nel 2009. Sorrentino ha un atteggiamento critico nei confronti della scena artistica romana e sono in molti ad aver ipotizzato un riferimento ironico al lavoro che ho svolto in questi anni. Essendo attrice e artista concettuale gli ambienti frequentati a Roma sono gli stessi. Non credo però che abbia mai assistito dal vivo ad una delle mie performance."

Lo pensiamo anche noi, anche perchè se avesse notato questa straordinaria somiglianza con la Jolie, l'avrebbe certamente scritturata...

Anna Belpasso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento