#RomeFilmFest
Festa del Cinema di Roma

"L'impero della natura: una notte al Parco del Colosseo" alla Festa del Cinema di Roma

Non solo gabbiani: Roma (e il suo centro storico in particolare) è abitata da un ecosistema sorprendente, raccontato con cura nel documentario presentato in anteprima alla Festa del Cinema. Ecco da quando e dove sarà disponibile

Alla Festa del Cinema di Roma non solo film e cortometraggi, ma anche mostre ed interessanti documentari con al centro Roma, come "L'impero della natura: una notte al Parco del Colosseo" della sezione Proiezioni Speciali. Questo lavoro porta alla luce infromazioni e curiosità sul centro della Capitale. Presentato in anteprima alla Casa del Cinema, il documentario prodotto da Sky e Brandon Box sarà disponibile in esclusiva nel 2024 su Sky Nature e in streaming solo su NOW. Realizzato in collaborazione con il Parco archeologico del Colosseo, istituto del Ministero della cultura, esplora la natura nel cuore di Roma, all’ombra del Colosseo, attraverso un viaggio alla scoperta di un ecosistema unico al mondo. Scritto e diretto da Luca Lancise (e Marco Gentili) mostra, attraverso analisi, immagini e racconti di esperti, cosa e chi vive nel cuore della Città Eterna. 

Festa del Cinema, è il giorno di Zucchero. Michele Riondino esordisce alla regia

Il racconto inedito di Roma adatto a grandi e piccini 

Granchi, ranocchi, grilli, conigli, pulcini, falchi, api e le famigerate vespe orientalis: nel centro di Roma c'è un ambiente che si è naturalizzato, come se tutto ciò che c'è intorno - le case, le strade, le automobili, i palazzi - non esistesse. Lo spettatore può immergersi in un viaggio che dura meno di due ore e conoscere Roma da un'altra prospettiva. Quella dall'alto, come trasformandosi in un uccello, con delle meravigliose riprese in cui la Capitale appare in tutta la sua grandezza e storia. C'è Tito, un esemplare di gabbiano, che è stato denominato così poiché vive accanto all'arco di Tito. Poi ce n'è un altro che, invece, ama attraversare lo stivale italiano e volare da Roma fino in Svizzera, per poi tornare nella Città Eterna. Non si sa se sia un gabbiano svizzero che ha trovato in Roma la città ideale dove vivere oppure se sia romano ma ami viaggiare. Storie e racconti che possono intrattenere grandi e piccini, come testimoniato dalla presenza eterogenea di persone in sala (coppie, giovani, nonni e nipoti).

Ogni animale, ogni insetto diventa il protagonsita di un racconto che scorre velocemente e che arricchisce il bagaglio culturale dello spettatore. Certo, non è tutto oro quello che luccica. Sui gabbiani, ad esempio, vengono applicati dei gps (ogni azione viene fatta da esperti, nel rispetto degli animali). Il risultato è tristemente noto: gli esemplari si trasformano nelle tracce delle discariche: "Sembrano avere il ruolo degli spazzini, si mangiano tutto", dice l'esperto spiegando come vivono in città. 

All'interno del documentario sono presenti anche alcune persone che vengono intervistate. Nel paesaggio sonoro e monumentale isolato dal caos circostante, biologi e naturalisti raccontano non solo le proprie ricerche sul campo ma anche vere e proprie fiabe naturali, piccole e grandi storie - come quella del gabbiano già citato - di specie animali osservate in presa diretta, in spazi e angoli del centro nevralgico della civiltà dell’antica Roma, mai visti in questo modo. Intanto, gli unici abitanti umani del luogo, i religiosi che vivono negli antichi conventi del colle Palatino, restituiscono un’armonia possibile tra umanità e natura.

Festa del Cinema, Roberto Gualtieri apre gli incontri di "Womenlands" con Anna Foglietta

Sinossi

All’ombra del Colosseo, tra i ruderi del vecchio impero, si nasconde un ecosistema unico al mondo. Con un accesso esclusivo al Parco archeologico del Colosseo, il documentario mostrerà le vite di numerose e insospettabili specie animali che hanno fatto di gloriose rovine e millenari monumenti la loro nuova casa. Accompagnati da audaci esploratori, sarà possibile vivere incontri ravvicinati con splendenti rospi smeraldini, granchi imperiali, conigli eremiti, temibili calabroni e tanti altri sorprendenti abitanti di questo pianeta nascosto. La loro evoluzione nel cuore di Roma documenta come la Natura si adatti ai caotici e difficili ambienti urbani e come far fronte alle sfide del nuovo millennio per salvare la nostra terra. Gli unici abitanti umani del luogo sono le suore e i frati che abitano gli antichi conventi in cima al Palatino, come in un’isola di spazio e tempo nel cuore della metropoli moderna. Da loro, e dalle creature adattate a questo piccolo pianeta costellato dalle rovine di una civiltà estinta, arriva uno sguardo possibile sul rapporto tra Umanità e Natura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"L'impero della natura: una notte al Parco del Colosseo" alla Festa del Cinema di Roma
RomaToday è in caricamento