Fabio Zeppetella, Dario Deidda, Roberto Tarenzi e Fabrizio Sferra in concerto al Gregory's by the River

Nelle calde notti d’agosto, prosegue senza sosta la programmazione del Gregory’s by the River. Il 17 agosto, è il turno di una formazione composta dai migliori musicisti italiani in circolazione: Fabio Zeppetella alla chitarra, Dario Deidda al basso, Roberto Tarenzi al piano e Fabrizio Sferra alla batteria.
Quattro grandi stelle del jazz nostrano che si incontrano sulle sponde del Tevere, un quartetto sublime magistralmente guidato dal chitarrista.

Un vasto repertorio dove virtuosismi, fraseggi e interplay la faranno da padroni, esaltando le doti tecniche e d’improvvisazione dei singoli musicisti.
Fabio Zeppetella, Dario Deidda, Roberto Tarenzi e Fabrizio Sferra (batterista dei Doctor 3 con Danilo Rea ed Enzo Pietropaoli) annoverano nelle loro lunghe carriere artistiche delle collaborazioni eccezionali: Kenny Wheeler, Lee Konitz, Tom Harrell, Enrico Rava, Paolo Fresu, Aldo Romano, Joey De Francesco, Roberto Gatto, Danilo Rea, Steve Grossman, Javier Girotto, Nicola Stilo, Stefano Bollani, Rosario Giuliani, Fabrizio Bosso, Gegè Telesforo, Stefano Di Battista, Maurizio Giammarco, Gianluca Petrella, Ares Tavolazzi, Ramberto Ciammarughi, Heyn Van De Geyn, Emmanuel Bex e molti altri.

Fabio Zeppetella è uno tra i migliori chitarristi e compositori italiani affermatosi nell’attuale scena jazz nazionale ed europea. Dotato di una tecnica ineccepibile e di grande sensibilità musicale, si avvale di un linguaggio unico e molto personale, frutto di uno studio sempre votato alla ricerca di uno stile che negli anni ha reso proprio. È arrivato all’elaborazione di un suono del tutto originale passando dalla tradizione e dalla musica di maestri come Charlie Cristian e Wes Montgomery all’evocazione del be-bop e dell’hard-bop degli anni sessanta.

Nel suo fraseggio si scoprono gli aspetti dominanti di un linguaggio mai scontato, a volte virtuoso a volte dolce ma sempre essenziale, dimostrando una particolare attenzione al significato delle singole note e delle “linee in movimento” che da esse vengono prodotte. Le sue caratteristiche dominanti sono costituite dalla freschezza e dalla forza insite nel modo originale di interpretare la musica, e da un particolare lirismo nel quale appare evidente la volontà di ricercare un legame tra poesia e musica. Il suo dinamismo e la sua poliedricità si concretizzano nell’adesione a numerosi progetti musicali che vanno dal jazz puro alle contaminazioni con il Funk e l’R&B.

Quattro nomi che il jazz italiano ha regalato alla scena musicale internazionale, quattro artisti che hanno raccolto successi nei maggiori club e festival di tutto il mondo e con un gran numero di incisioni discografiche alle spalle. Due serate da non perdere.





 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

I più visti

  • "Banksy A visual protest": oltre 90 opere in mostra al Chiostro del Bramante

    • dal 8 settembre 2020 al 11 aprile 2021
    • Chiostro del Bramante
  • Alberto Sordi, mostra nella sua villa a 100 anni dalla nascita

    • dal 16 settembre 2020 al 31 gennaio 2021
    • Villa di Alberto Sordi
  • "Balloon Museum", il primo museo del palloncino in un'ex deposito Atac a Roma

    • dal 11 febbraio al 14 marzo 2021
    • ex Deposito Atac, Pratibus District
  • I Marmi Torlonia, la mostra ai Musei Capitolini

    • dal 25 settembre 2020 al 27 giugno 2021
    • Villa Caffarelli
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    RomaToday è in caricamento