Domovoi in concerto all'Alvarado Street

Un sound graffiante ed essenziale che si muove tra stoner e rock sperimentale senza mai tradire una profonda radice blues. Sono queste le caratteritstiche dei Domovoi, power trio romano nato nel 2014 e attivo già da qualche anno nella capitale che ha recentemente pubblicato il disco dal titolo omonimo per l'etichetta Filibusta Records.

La band andrà in scena sabato 9 novembre presso l’Alvarado Street, concerto che per l’occasione sarà aperto dai Cenere. Le diverse e numerose esperienze musicali dei Domovoi hanno fatto uscire un suono unico caratterizzato da riff potenti che mettono in primo piano il groove. Non a caso i brani di questo disco si muovono tra sonorità prevalentemente Rock e pur lasciando trapelare una solida base blues, dove è spesso in primo piano la chitarra slide, si muovono spesso verso la sperimentazione. A questo si aggiungono melodie vocali dirette e cariche di espressività che risultano sempre originali e mai scontate. I nove brani che compongono il disco sono tutti cantati in italiano e parlano di quotidianità, rapporti umani, ricordi e desideri. Tra i principali periodi che hanno dato spunto e fonte d'ispirazione alla band senza dubbio gli anni '90 con artisti quali Jack White, Ben Harper, passando per lo stoner ed il rock degli anni '70, senza trascurare la musica italiana di gruppi come i Verdena e gli Afterhours soprattutto per quanto riguarda i testi.

La biografia

I Domovoi nascono nel 2014 come duo: Daniele (slideguitar/voce) e Matteo (batteria/voce). Le prime esibizioni sono in questa formazione, a metà strada tra l’acustico e l’elettrico, un suono essenziale, scarno, che però rende perfettamente le intenzioni della band e che riesce sempre a coinvolgere il pubblico presente. Nel 2015 registrano un demo che iniziano a presentare nei più importanti live club di Roma e grazie al quale si guadagnano le selezioni per il RockContest Controradio di Firenze e l’Arezzo Wave Lazio. La volontà di allargare lo spettro sonoro e di mantenere ancora più in primo piano il groove dei brani fa sì che nei live i Domovoi inizino a collaborare con diversi bassisti, ma sempre senza trovare una figura fissa, fino al 2017 quando nel gruppo entra stabilmente Valerio. Nel frattempo, tra la fine del 2016 e la metà del 2018 realizzano il loro omonimo album d’esordio, un lungo lavoro in studio attraverso cui determinano i contorni del loro sound li porta a dare alla luce un disco che rispecchia appieno le loro influenze musicali e premia la ricerca sonora portata avanti negli anni dai singoli elementi del gruppo. Anticipato dal video del singolo “Marinetti” il disco verrà presentato alla fine del 2018. Al momento i Domovoi sono impegnati nella promozione del loro lavoro e nella stesura di nuovi brani.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

I più visti

  • "Banksy A visual protest": oltre 90 opere in mostra al Chiostro del Bramante

    • dal 8 settembre 2020 al 11 aprile 2021
    • Chiostro del Bramante
  • Alberto Sordi, mostra nella sua villa a 100 anni dalla nascita

    • dal 16 settembre 2020 al 31 gennaio 2021
    • Villa di Alberto Sordi
  • "Balloon Museum", il primo museo del palloncino in un'ex deposito Atac a Roma

    • dal 11 febbraio al 14 marzo 2021
    • ex Deposito Atac, Pratibus District
  • I Marmi Torlonia, la mostra ai Musei Capitolini

    • dal 25 settembre 2020 al 27 giugno 2021
    • Villa Caffarelli
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    RomaToday è in caricamento