menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Roma chiama, la MareMMMA risponde: viaggio culturale con la Natura del Vino

Roma ha aperto le porte del suo Palazzo Borghese all’altra Toscana nell’evento MareMMMa la Natura del vino. La suggestiva Galleria Cembalo si è fatta scenario di una degustazione che ha puntato l’obiettivo all’approfondimento della produzione vitivinicola protetta dai Consorzi di Tutela delle tre Denominazioni della Maremma: Maremma Toscana, Montecucco, Morellino di Scansano. 

Nel suo primo appuntamento di divulgazione culturale di questa parte della Toscana spesso adombrata da quella più grande e risonante, l’evento ha scelto Roma perché fin da sempre, si è posta come cliente saggio e attento nell’accogliere le novità che questo territorio, quello della Maremma, ha da raccontare, nonché uno dei mercati più rappresentativi e sensibili. Come ci spiega il Presidente del Consorzio Tutela Morellino di Scansano, Alessio Durazzi, “Roma è stata e continua a essere un mercato molto ricettivo e questo è dimostrato anche dalla diffusione e presenza di etichette di Morellino (ma anche delle altre due Denominazioni) nella ristorazione medio e alta, nonché in diverse enoteche di un certo livello”. 

Passare da Roma è stato quindi un grande segno di dialogo e apertura ed “è stato –continua il Presidente Alessio Durazzi- un passaggio naturale che abbiamo condiviso con gioia”. Una gioia che ha riempito i calici di terroir, eleganza e emozioni. I vini degustati hanno raccontato che cosa sta succedendo in questa parte della Toscana: oltre ai vitigni autoctoni, molto spazio lo stanno conquistando anche i vitigni bordolesi, ma non solo, il vermentino sta vivendo un vero e proprio boom e nei prossimi anni potrà vivere da protagonista di una grande produzione. Inoltre i tre Consorzi stanno operando affinché possa svilupparsi e prendere forma anche qui un enoturismo di qualità. In conclusione, MareMMMa la Natura del Vino ha soprattutto rappresentato un territorio che oggi finalmente può dirsi coeso e che sceglie la sua identità nelle sfumature di stile che conferisce ad ogni suo vino. 

A precedere l’evento, organizzato dalla CT Consulting Event, è stata un masterclass condotta dalla sommelier, scrittrice e giornalista, Adua Villa affiancata dai Presidenti dei tre Consorzi, Francesco Mazzei, Presidente del Consorzio Maremma Toscana, il già citato Alessio Durazzi, Presidente del Consorzio di Tutela Morellino di Scansano e Claudio Carmelo, Presidente Consorzio Tutela Montecucco. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    "Fa er provola", perché si dice così?

  • De Magna e beve

    12 "vizi" artigianali: nuovo regno del tiramisù apre a Roma

  • De Magna e beve

    Dove mangiare i 5 supplì più buoni di Roma, rigorosamente "al telefono"

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento