rotate-mobile
De Magna e beve

Barbecue, affumicature e cotture lente alla brace: primo pub con "griglia all’americana" apre ai Castelli Romani

E' Roma Beer Company a Marino, un progetto che parte dalla birra e mette in primo piano la griglia

Hanno aperto a marzo ma solo ora - con l'ingresso in zona bianca - hanno iniziato a lavorare a pieno regime. Sono i ragazzi di Roma Beer Company a Marino, che portano un nuovo format ai Castelli Romani.

Un progetto che parte dalla birra, ma che ha una forte componente food, grazie alla presenza di Salvatore Testagrossa, già visto ai fornelli di Convoglia, Baccano, La Zanzara e Centro. Dopo anni da “chef di”, infatti, Salvatore Testagrossa ha deciso di dar vita alla sua prima esperienza da solista, con la collaborazione del socio e amico Patrick La Rocca, che si occupa della sezione beverage.
 
Roma Beer Company vuole proporsi come un locale all day long, dal pranzo al dopocena, con spazi ampi e ben distanziati.Un format che strizza l’occhio ai barbecue all’americana, con grande attenzione alle affumicature e alle marinature con i rub, i mix di spezie. Affumicature e cotture lente alla brace, che si ritrovano anche nei piatti più tradizionali della sezione “italica”, compresa la pasta e la pizza, i cui condimenti passano tutti per la griglia. “Un barbecue americano con lo stile italiano – lo definisce Testagrossa - rivisitato in maniera più elegante e basato su ingredienti di prima scelta”. 
 
Punta di diamante del nuovo indirizzo dei Castelli Romani è la carne, fra le quali la manzetta prussiana Sashi, che viene lavorata sia da cruda per le tartare (come, ad esempio, la Tartare Carbonara, tagliata al coltello e guarnita con uovo montato alla carbonara, vele di pecorino soffiato, bacon croccante e pepe cambogiano). Ancora, Rib Eye e Picanha, ma anche variazioni su altri tipi di carne come il 1/2 Galletto alla Beer Company, da accompagnare a patate al forno o alla padellaccia di verdure alla brace. E per chi preferisce il pesce, c’è il Polpo alla brace.

La griglia pone il focus anche sugli hamburger, con pane home made. Si va dal più classico Royal Burger (con manzo, cheddar, lattuga, pomodoro, bacon croccante e cipolle in tempura) al divertente Fantozzi burger (con frittatina di patate con bacon e cipolla, provola affumicata e majo al peperoncino), passando per il Vegan Burger, con hamburger di piselli. 

L’anima più italica è rappresentata dalla pizza, preparata con farine lavorate a pietra, lievitazione di minimo 48 ore e stesura fatta a mano, con un risultato che è un ibrido fra romana e napoletana. I condimenti sono ricchi e particolari e passano spesso per la brace. Lo stesso vale per le paste fatte in casa; un esempio è la Fettuccella di prezzemolo con vongole veraci, in cui le vongole sono fatte aprire sulla griglia.
 
Per quanto riguarda la sezione beverage, Patrick La Rocca seleziona le birre, di cui 10 alla spina a rotazione, oltre a una novantina in bottiglia. “Spaziamo molto su tutte le tipologie di birre, dalle lager tedesche, alle birre belghe, ma anche proposte più particolari come le australiane e le danesi”. Grande interesse anche per i vini, specialmente quelli locali, dal momento che Marino è riconosciuta come la città del vino. A questo si aggiunge una drink list che spazia dai cocktail classici a quelli signature.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Barbecue, affumicature e cotture lente alla brace: primo pub con "griglia all’americana" apre ai Castelli Romani

RomaToday è in caricamento