rotate-mobile
Venerdì, 23 Febbraio 2024
De Magna e beve

Osterie d'Italia 2023, il Lazio si distingue con 18 "chiocciole": ecco i migliori della nostra regione

"Piacere della convivialità" e "voglia di uscire" premiano la nostra regione e fanno aggiudicare un premio speciale ad una famosa osteria di Olevano Romano

E' uscita l'edizione 2023 di "Osterie d'Italia", lo storico sussidiario del mangiarbere all'italiana di Slow Food Editore che ha raggiunto la trentatreesima edizione. Un volume che racconta la ristorazione italiana più autentica e di qualità attraverso le visite e le recensioni di più di 240 collaboratori sparsi in tutta Italia, in una rete fitta e capillare.

110 osterie di cui 7 novità e 18 chiocciole, sono questi i numeri del Lazio su cui la nuova edizione di Osterie d’Italia ha acceso i riflettori. In tutto la nuova edizione della guida Slow Food raccoglie 1730 indirizzi di osterie, agriturismi, enoteche con cucina e ristoranti segnalati per la cucina territoriale, la rigorosa selezione degli ingredienti e il prezzo giusto e introduce tre nuovi simboli per raccontare in modo più ampio e dettagliato l’offerta dei locali recensiti: il simbolo del pane, assegnato alle osterie con un eccellente cestino del pane e di prodotti da forno, autoprodotti o reperiti da fornai di qualità; il simbolo dell'olio, ai locali che valorizzano l’olio extravergine d’oliva sia a tavola che in cucina, secondo una selezione oculata di prodotti d’eccellenza e rappresentativi del territorio; il riconoscimento del Bere Bene, assegnato a quelle osterie che offrono, accanto o in sostituzione a una valida proposta di vini, una selezione di bevande alcoliche e non – birre artigianali, distillati, cocktail ma anche succhi, estratti e infusi – scelti con attenzione e personalità. 

Premio speciale a Sora Maria e Arcangelo

Sora Maria e Arcangelo a Olevano Romano (in provincia di Roma): un nome che ai romani (e non solo) è familiare, un'osteria che nel tempo si è saputa distinguere, che ha ricevuto numerosi riconoscimenti e ora anche un premio speciale dalla guida Osterie d'Italia 2023 per la "Miglior Interpretazione della Cucina Regionale". La motivazione del premio è stata la seguente: "Una cucina domenicale accogliente, piena e riconoscibile, che si lascia ispirare dai prodotti e dai grandi classici del proprio territorio, ma che non ha timore dei tocchi di contemporaneità, per un risultato misurato, di grande gusto e memorabile".

"Piacere della convivialità" e "Voglia di uscire" le carte vincenti del Lazio

Il piacere della convivialità e la voglia di uscire, di condividere la tavola hanno premiato quest’anno le osterie, incluse quelle che hanno optato per una fruizione più estesa lungo l’arco della giornata con aperitivi e cocktail o che hanno creato una proposta parallela di pizze dei maestri dell’arte bianca, condite con ottimi prodotti locali. La scelta di materie prime di qualità sono il denominatore comune di osterie, ristoranti e agriturismi, per un territorio a servizio della tradizione.

"La crisi dovuta al Covid ha portato alcuni proprietari a riorganizzare gli spazi per ospitare ricevimenti, spesso a scapito di un’atmosfera colloquiale e informale. Ci sono piaciuti molto i locali con impostazione di trattoria popolare, solidi nella loro proposta di piatti della tradizione, al pari di cucinieri che seguono la strada dell’innovazione, pur mantenendo un clima familiare. Apprezziamo tutto quanto sia riconducibile al mondo dell’osteria che vanta un’anima schietta, genuina nell’ambiente e nei piatti, con un’identità da presidiare", riporta Slow Food Editore.

Tutte le chiocciole del Lazio

  • Nu’ Trattoria Italiana dal 1960 -Acuto (FR)
  • Iotto - Campagnano di Roma (RM)
  • Lo Stuzzichino - Campodimele (LT)
  • Il Calice e la Stella - Canepina (VT) - nuova chiocciola
  • Trattoria del Cimino - Caprarola (VT)
  • Locanda del Ditirambo - Castro dei Volsci (FR)
  • La Piazzetta del Sole - Farnese (VT) 
  • ‘Na Fojetta - Frascati (RM) - nuova chiocciola
  • L’Oste della Bon’Ora - Grottaferrata (RM)
  • Sora Maria e Arcangelo - Olevano Romano (RM)
  • Osteria del Vicolo Fatato - Piglio (FR)
  • Da Armando al Pantheon - Roma
  • Da Cesare - Roma
  • Grappolo d’Oro - Roma
  • Pennestri  - Roma - nuova chiocciola
  • Pro Loco D.O.L. - Roma 
  • Santo Palato - Roma - nuova chiocciola
  • Il Casaletto - Viterbo 
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Osterie d'Italia 2023, il Lazio si distingue con 18 "chiocciole": ecco i migliori della nostra regione

RomaToday è in caricamento