rotate-mobile
De Magna e beve

Si accende l'urban garden all'ombra del museo: suggestive luminarie e assaggi formato "mini sfizi"

Inizia ufficialmente la stagione estiva 2021 di Mediterraneo al MAXXI. Nuovo menù e allestimento: le anticipazioni di RomaToday

Il giardino urbano all'ombra del MAXXI riapre al pubblico e inaugura la stagione estiva 2021. A partire da oggi - 27 maggio - nella piazza del Museo nazionale delle arti del XXI secolo è aperto Mediterraneo al MAXXI.

RomaToday è andato a scoprire le novità in menù e nell'allestimento della location che ha avuto buona fortuna nella passata estate (lo scorso anno fu tra i primi locali ad inaugurare nel post-lockdown).

Urban garden sotto un cielo di lucine

Sfizi da mangiare, cocktail e bollicine da sorseggiare, musica dal vivo, il tutto in un urban garden notevolmente cambiato rispetto all'estate 2020. Più tavoli, più luci, meno igloo (che invece erano stati grandi protagonisti nell'allestimento della scorsa stagione).

Mediterraneo al MAXXI si propone come un'isola di luci, colori e piante nell'estate 2021. Lo spazio esterno è stato curato dallo studio di architettura Project On che ha creato un vero e proprio reticolato di luminarie che punta a ricreare un cielo stellato, insieme a corde naturali, filari di edera e lampadari sospesi per un tocco tropical.

Lo spazio non è certamente un problema nell'ampia aree esterna del MAXXI. E, infatti, a differenza della scorsa stagione, Mediterraneo ha disposto molti più tavoli, distanziati ed incastonati tra alberi, liane, lucine suggestive (soprattutto al calare del sole).

Una "homi" (igloo di bambù lanciato un anno fa come allestimento ecochic) è rimasta ed è diventata la casa della consolle, regina dei live set dal martedì alla domenica.

Mediterraneo Al MAXXI 2021

Cosa si mangia e si beve da Mediterraneo al MAXXI

La proposta enogastronomica vuole essere conviviale, divertente, smart con una varietà di assaggi in formato mini sfizi per incontrare un po' tutti i gusti, dall'hummus di ceci, ai fritti vegetali, fino ai mini burger. E poi dessert classici come il tiramisù e la cheesecake o i sorbetti.

"L’esperienza dell’anno scorso - spiega Alessandro Cantagallo, titolare e imprenditore romano - ci ha consentito di capire alcune dinamiche e via via abbiamo apportato le modifiche necessarie a far funzionare uno spazio così grande. Questa volta puntiamo sulla materia prima e sulla qualità, ma con una proposta nuova, quella dei mini piatti, dai piccoli hamburger al polpo in tre varianti, per far vivere ai clienti un momento di leggerezza che non rinuncia al gusto”, conclude Cantagallo.

Mediterraneo propone, dunque, variegate proposte per l'aperitivo e per una cena diversa dal solito, ma è attivo anche a pranzo, dal martedì al venerdì, proponendo delle colorate bowl di poké, anche da comporre, del pop up Palmerie ai Parioli.

La proposta della cucina è affiancata da cocktail di una drink list ispirata ai profumi dei Paesi che si affacciano sul Mar Mediterraneo.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si accende l'urban garden all'ombra del museo: suggestive luminarie e assaggi formato "mini sfizi"

RomaToday è in caricamento