Apre Maestro, bistrot e cocktail bar accanto al Teatro dell'Opera

Una nuova realtà, a due passi dal Teatro dell'Opera, che punta a conquistare romani e non con una cucina all'insegna della rivisitazione dei piatti della tradizione e con la sua allure tipica dei caffè dei primi del Novecento

È comparso in sordina, proprio accanto al Teatro dell’Opera, Maestro, il nuovo elegante bistrot e cocktail bar in via Torino 144, angolo via del Viminale 23. Aperto tutti i giorni, tutto il giorno – dalla colazione fino alla tarda serata – Maestro è una risposta a tutti coloro che sono alla ricerca di un locale in cui assaporare i prodotti della tradizione, lavorati con eleganza e sperimentazione e accompagnati da un’ampia selezione di etichette d’eccellenza e di cocktail di altissimo livello.

Un bistrot in cui la cucina, a vista e sempre aperta, ricopre un ruolo tutt’altro che marginale e che rende i propri clienti anche un po’ spettatori delle varie lavorazioni dei prodotti. Realizzato in uno spazio che un tempo ospitava un negozio di abbigliamento, Maestro è un locale luminoso, impreziosito da boiserie in legno, da arredi in pelle e da dettagli che fanno la differenza, come le lampade in ottone, le piastrelle artigianali e le lanterne dell’area dedicata al banco mescita, che contribuiscono a donargli un fascino retrò. In una sola parola un ambiente avvolgente, firmato da RPM Proget che ha saputo valorizzare i 110 mq di Maestro con una disposizione strategica dei suoi 56 posti a sedere.
 
“Dopo il successo delle precedenti esperienze, abbiamo deciso ancora di puntare sulla zona – in piena gentrificazione – dell’Esquilino, e di farlo alla grande, con un menu creato dallo Chef Salvatore Testagrossa e realizzato dallo Chef Mirko Campoli”, dichiarano i proprietari, Daniel Camerini – socio del “Ristorante Centro” ed Eli Guetta, uno dei suoi soci al locale “Amodei Banco e Bottega” a via Principe Amedeo.

La cucina, tradizione all'avanguardia

Maestro, con il suo menu ideato da Chef Salvatore Testagrossa, già chef di Centro, propone una cucina fatta da piatti concreti, dettata dall’alternarsi delle stagioni, con una particolare attenzione alle tecniche di cottura – a basse temperature – e di conservazione, arricchita anche dalla realizzazione di polveri ed essiccature. Il risultato di queste combinazioni, realizzate dallo Chef Mirko Campoli, sono piatti delicati ma decisi che lasciano assaporare tutti gli ingredienti, giocando sui contrasti, sui colori, le croccantezze e le sapidità. 

L’alta qualità e l’attenzione per i dettagli sono quindi due delle caratteristiche del nuovo locale che si rivolge a fornitori di fiducia prestigiosi come Roscioli, HQF, Pesca Pronta e a piccoli produttori locali per la frutta e la verdura. 

Un menù per ogni ora della giornata

Dalla colazione – tradizionale e all’americana – al pranzo, dove, è possibile gustare i piatti del giorno e quelli del menu alla carta, fino alla cena: si spazia dalla pasta fresca fatta mano, con le tradizionali Cacio e Pepe, Carbonara e Amatriciana fino alle ricercatezze, come il Tortello di Grana Padano profumato alla lavanda; non meno variegati sono i secondi di carne e di pesce, come il Filetto di manzo al camino: 200gr. di manzo danese panato al pane panko e camomilla e accompagnato da patate schiacciate e maionese al cardamomo, oppure lo sfiziosissimo Polpo alla plancia, servito con crema di piselli al cipollotto e limone, chips di carciofi, zenzero fritto e ribes candito.

unnamed (55)-2-2

Beverage per tutti i gusti

Con la sua posizione privilegiata, Maestro è pronto a diventare un punto di riferimento per tutti gli amati del buon bere, con una carta dei vini di livello, caratterizzata da grandi denominazioni e fortemente improntata su una sapiente selezione delle etichette, un centinaio in tutto, che ovviamente non dimentica gli champagne.

Maestro è il luogo ideale per godersi un interessante aperitivo o un esclusivo dopocena. Suo fiore all’occhiello è proprio l’area dedicata al cocktail bar, con un’offerta di drink esclusivi, ideati personalmente da Giorgio Peis in arte Sard Wonder e liberamente ispirati alla tradizione dell’Opera. Da provare assolutamente sono l’“Aida”, a base di vodka, succo di lime, sciroppo alla cannella Goa e alloro, H. M. bitter pimento e fiori di malva e angostura bitter, ma anche il “Rigoletto” con gin, liquore al pino mugo, liquore al bergamotto, succo di lime, oleo saccharum limone, H. M. bitter chiodi di garofano, fiori d’arancio e pepe verde vanigliato, e il “Salomè”, sempre a base di gin, ma con liquore ai frutti di sambuco, succo di lime, H. M. sciroppo tè verde, H. M. bitter fiori di rosa chiodi di garofano, ibisco, peperoncino e menta.

 Maestro è aperto tutti i giorni dalle 8.30 alle 24.00

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

unnamed (57)-2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma: scuole, eventi, orari di bar e ristoranti. Tutto quello che c'è da sapere

  • Coronavirus, a Roma 38 nuovi casi. Nel Lazio 2505 i contagiati totali, oggi la metà dei morti rispetto a ieri

  • Coronavirus: 2362 positivi nel Lazio, 73 oggi a Roma. D'Amato: "Trend regionale in calo"

  • Coronavirus: a Roma 58 nuovi positivi, 2914 casi nel Lazio. Record di guariti nelle ultime 24 ore

  • Roma, dove ha colpito di più il Coronavirus? Ecco la mappa dei contagi nei municipi

  • Coronavirus: a Roma 54 nuovi positivi, si abbassa il trend dei contagi. Nel Lazio 3095 casi da inizio epidemia

Torna su
RomaToday è in caricamento