rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
De Magna e beve San Paolo / Via Gabriello Chiabrera

"Risotto da passeggio", l'alternativa al fast food arriva a Roma

#nuoveaperture | Il tradizionale risotto, in versione 2.0, diventa un vero street food

Un fast food tutto dedicato al riso è approdato nella Capitale. Si tratta di Kikky – i numeri 1 del riso, il progetto imprenditoriale del gruppo Reting.

Il punto vendita situato a Roma in zona San Paolo (nello specifico in via Chiabrera) rappresenta il primo passo di una idea, in ambito ristorativo, che permetterà di ordinare e gustare in soli 4 minuti un autentico risotto all’italiana: “Kikky nasce dall’esperienza del gruppo Reting che da oltre 10 anni si occupa di consulenza e sviluppo nel mondo del franchising. Abbiamo deciso di mettere in campo le nostre conoscenze investendo in un progetto ambizioso e dall’enorme potenziale”, ha spiegato Enrico Tosco, portavoce del gruppo.

L’innovativa formula di Kikky è resa possibile dall’impiego di una moderna tecnologia sviluppata, risultato di un anno di ricerche, che consente di sfornare centinaia di piatti ogni ora negli spazi che hanno aperto da poche settimane con la formula del delivery e del take away.

Il nuovo locale in via Chiabrera presenta 10 coperti al bancone ed è aperto tutti i giorni a pranzo e cena. Il "risotto da passeggio" è servito con vaschetta e posate per esser consumato on the road. “Siamo convinti che il risotto possa diventare un'alternativa al mondo del fast food, una ulteriore opzione tra pizza, hamburger, piadine e cibo etnico. Nel nostro locale il cliente potrà vivere un’esperienza paragonabile all’acquisto della pizza al taglio, grazie ad un ricco menu ed ai rapidi tempi di preparazione dei piatti” aggiunge Tosco.

Quello di Roma è solo il primo di una serie di punti vendita che apriranno su Roma e in tutta Italia. L'obiettivo è quello di reinventare i primi piatti della tradizione italiana in versione risotto (tutti preparati con varie tipologie di Carnaroli).

Tutti i risotti "da passeggio"

Nella “carta dei risotti” che comprende 14 differenti scelte recita un ruolo da protagonista la Karbonara, un omaggio al grande classico della cucina romana, ma c’è spazio anche per il Risotto allo zafferano, quello ai Funghi porcini, l’Amatriciana e la Cacio e Pepe, oltre alle varianti stagionali, dalle Insalate di riso estive al Risotto delle feste con Cotechino e lenticchie. Tutte preparazioni “fatte in casa” con prodotti freschi acquistati da fornitori di zona, che danno vita a ricette messe a punto da un professionista della ristorazione e realizzate con una tecnologia che oltre a consentire di ottenere risotti perfetti permette di ridurre al minimo lo spreco di cibo.
 
Kikky è inoltre un progetto focalizzato al 100% sulla sostenibilità: un format plastic free (nessun oggetto utilizzato è in plastica) che punta sul bambù compostabile per stoviglie e vaschette, su uno speciale packaging per Delivery e Take Away e su bibite vendute esclusivamente in vetro o alluminio. Un progetto ad impatto ambientale zero con il fiore all’occhiello rappresentato dal riutilizzo degli scarti della lavorazione del riso per realizzare le vaschette che contengono i piatti pronti.

Lo sviluppo futuro del brand rappresenta infine una grande opportunità a livello occupazionale grazie all’assunzione, per ogni punto vendita, di personale che verrà qualificato e valorizzato in un ambiente di lavoro moderno e stimolante.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Risotto da passeggio", l'alternativa al fast food arriva a Roma

RomaToday è in caricamento