Cesanese del Piglio: Roma lo riscopre e inizia ad amarlo. E il resto d’Italia?

Il Consorzio Tutela Cesanese del Piglio in collaborazione con l’Ais di Roma ha organizzato un incontro alla ri-scoperta dell’antico orgoglio del Lazio

Il Consorzio Tutela Cesanese del Piglio in collaborazione con l’Ais di Roma ha organizzato un incontro alla ri-scoperta dell’antico orgoglio del Lazio. La necessità di comunicare la declinazione che questo vitigno ha nel calice è stato alla base dell’evento che lo ha visto protagonista indiscusso della serata. 

Alla chiamata hanno risposto amatori, associati e produttori nell’unico intento di raccontare quello che sta succedendo. “Il Lazio ha bisogno di comunicare e di essere comunicato”: questo il monito del Presidente del Consorzio Tutela del Cesanese del Piglio che va in perfetta armonia con quanto espresso dalla Presidente dell’Ais, Angelica Mosetti: “la necessità è quella di far conoscere il territorio e il cesanese è la storia che segna un percorso millenario della nostra terra e la sua presenza nella guida Vitae 2020 ne è la conferma”. Vitigno ostico, è l’unico rosso del Lazio che gode del marchio DOCG e anche per questo deve rendersi necessario un intervento a favore della sua conoscenza.

“Oggi –racconta Antonio Di Cosimo, Presidente del Consorzio di Tutela Cesanese del Piglio- grazie anche al cambio di rotta di alcuni produttori, il cesanese è forse tra i vitigni più importanti del Lazio e con le recenti scoperte tecnologiche ha iniziato a supportare bene il legno e quindi l’invecchiamento”. Un vitigno che nel territorio è ben conosciuto, ma spostandoci verso il centro e ancora di più a Nord forse non è considerato. Cosa che invece accade all’estero: “abbiamo esportato il cesanese all’estero –continua il Presidente- e in Australia, America e Giappone si parla di un vitigno alloctono”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In definitiva, Roma e l’estero stanno iniziando il loro cammino di scoperta di questo vitigno che si esprime nella scelta di vini che lo vedono o assoluto protagonista o in blend con altri vitigni. La sfida sarà il resto d’Italia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • Sciopero generale il 23 ottobre: a Roma metro e bus a rischio. Orari e fasce di garanzia

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento