Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Zerocalcare e Mastandrea fanno il pieno al Maxxi, tavole originali del fumettista all’asta per il popolo curdo

Sala gremita al Maxxi in occasione dell’asta benefica a favore del popolo curdo organizzata da Zerocalcare, martedì 8 gennaio

 

Venti tavole originali, alcune inedite, di Michele Rech, alias Zerocalcare, messe all’asta per raccogliere fondi a favore del popolo curdo del nord della Siria. A condurre la serata,“Do Not Abandon Rojava”  l’attore Valerio Mastandrea.

Un appuntamento a cui hanno partecipato centinaia di persone, molte rimaste in piedi, per riuscire a portare a casa uno dei lavori dell’artista messe in vendita, ma soprattutto per partecipare ad una causa, quella di inviare aiuti, soprattutto medici, in favore delle popolazione curde del Rojava. “Nello specifico i fondi raccolti serviranno per acquistare strutture sanitarie da destinare ai campi profughi degli sfollati di Afrin - spiega Zerocalcare - città che per molto tempo era considerata un esempio dalla comunità internazionale, poi però occupata dall’esercito curdo e da varie milizie dell’Isis. Ora hanno bisogno di aiuto”.

Zerocalcare è protagonista al Maxxi fino al 10 marzo con mostra "Scavare fossati - Nutrire coccodrilli". Un periodo davvero importante per il fumettista, che però preferisce rimanere con i piedi per terra: “Resto cauto”, dice sorridendo. E non poteva mancare un commento sulla questione dei migranti bloccati in mare da oltre due settimane a bordo della nave di Sea Watch: “Qello che secondo me manca davvero è la vice della società civile - risponde - tempo fa le persone si sarebbero mobilitate contro questa scelta del governo, oggi soffriamo un po’ di assuefazione”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento