rotate-mobile
Cultura

Ostia al centro di "Tiberland": percorsi tra natura, benessere e sport lungo il corso finale del Tevere

Alla scoperta della zona sud di un progetto che coinvolge numerosi attori del comparto turistico-culturale della Capitale. Ostia, il suo parco Archeologico e un susseguirsi di luoghi da scoprire a piedi, in bicicletta, a cavallo, in barca

"Offrire delle nuove opportunità di svago e intrattenimento fuori e dentro Roma, che il turista contemporaneo chiede e che il fiume, inteso come 'via' da percorrere, sa offrire".

Nasce da questo desiderio Tiberland, il progetto lanciato dalla DMO-Destination Management Organization Tiberland, che unisce municipi, borghi, comuni, associazioni, enti del territorio della Valle e della foce del Tevere con un obiettivo: portare il Tevere al centro di esperienze culturali, naturalistiche ed enogastronomiche per tutti.

Tiberland, intervista al presidente Alberto Acciari: "Il Tevere è un bellissimo parco cittadino a cui ridare valore"

Il progetto, che è già entrato nel vivo prima dell'estate, ha presentato ufficialmente - lo scorso 14 settembre - la zona sud del progetto Tiberland che abbraccia Ostia, il suo Parco Archeologico e un susseguirsi di luoghi da scoprire a piedi, in bicicletta, a cavallo, in barca. 

A presentare le opportunità che Tiberland è pronto ad offrire a romani e turisti, dal centro di Roma ad Ostia, sono stati il presidente di Tiberland e Tevere Day Alberto Acciari, la destination manager di Tiberland Cristina Selloni, il presidente della commissione Mobilità di Roma Capitale Giovanni Zannola, il funzionario responsabile del Parco Archeologico Ostia Antica Alberto Tulli, Coopculture con l'archeologo Alessandro Laporta e Don John D'Orazio dell'Opera Romana Pellegrinaggi, insieme a rappresentanti di enti e associazioni del territorio. 

Il focus di Tiberland su Ostia

Il focus sulla foce mostra tutto il fascino eclettico di Ostia, che ha il suo cuore prezioso nel Parco archeologico omonimo. Altri punti di interesse sono, ad esempio, Fiumicino, con il Museo delle Navi Romane che vanta una delle più importanti collezioni di imbarcazioni antiche del “Mare Nostrum”, il Borghetto dei Pescatori, caratteristico villaggio edificato sul finire dell’800 vicino alla Pineta di Castel Fusano e la Casa del Mare, gestita da Roma Natura (che ha sede nell’edificio in stile razionalista a forma di nave nel Villaggio dei Pescatori ed è vocata a eventi e iniziative di educazione e tutela ambientale). 

“Ostia ha avuto pazienza quando è stata maltrattata e ha mostrato resilienza, continuando ad accogliere tutti coloro che volessero scoprire la vera anima di quest’area, andando oltre le cronache”, hanno sottolineato Alberto Acciari, presidente di Tiberland, e Cristina Selloni, destination manager di Tiberland. “È una città nella città, parte della capitale ma con una sua peculiare identità storico-culturale e paesaggistica. Non è solo ‘il mare di Roma’ ma si merita di più e Tiberland rappresenta la chiave per la sua comprensione come meta di vacanza nella natura, all’insegna del benessere e dello sport. L’offerta si snoda lungo la via ciclabile, che fa comprendere meglio l’offerta culturale”. 

Tiberland, un nuovo modo di fare turismo intorno al Tevere

Tutte le esperienze di viaggio di Tiberland sono presentate nel dettaglio sul portale www.tiberland.it e per il tratto del fiume intorno a Ostia (il toponimo “ostium” significa proprio “bocca del fiume”) sono ideate per valorizzare il meno noto paesaggio che si allontana dal mare: lo scenario delle dune, reso unico dall’odorosa macchia mediterranea, si alterna a preziosi siti archeologici e a sinuose architetture urbane, da esplorare soprattutto quando termina la stagione balneare, delineando una straordinaria capacità attrattiva, benefica per l’economia locale.

Le attività si sono sviluppate in collaborazione con le Istituzioni locali e hanno determinato l’approvazione di un Protocollo d’Intesa tra il Municipio X di Roma Capitale e la D.M.O. “Tiberland ETS”, approvato dalla Giunta Municipale di Ostia con deliberazione 10 del 10 maggio 2023. L’atto mira a incentivare l’afflusso turistico non solo d’estate e a favorire la collaborazione tra il principale soggetto pubblico del territorio e gli operatori della filiera turistica, anche nell’ottica di un miglioramento del livello di accoglienza che vede coinvolti, tra i soci, il Parco archeologico Ostia antica, Coopculture - gestore dei servizi del Parco, il Villaggio turistico Capitol, il Villaggio turistico Faboulus, Green Mobility e Vivilitalia.

Ramo Due Capi, dove il Tevere si biforca lungo il sentiero Pasolini. Foto di Giorgio Maiozzi

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ostia al centro di "Tiberland": percorsi tra natura, benessere e sport lungo il corso finale del Tevere

RomaToday è in caricamento