Il Nuovo Orione si presenta: ecco tutte le novità dello storico teatro

Claudio Politi: "Questo è per noi l’anno del raccolto, una nuova rinascita in continuità con quanto abbiamo seminato fino ad ora"

Si chiama "E adesso noi" e accende i riflettori su un’offerta culturale consapevolmente ricca e variegata la stagione artistica 2019-2020 del Nuovo Teatro Orione, presentata ieri pomeriggio in una conferenza stampa tenutasi proprio sul palcoscenico di via Tortona 7.

A introdurre il nuovo cartellone di eventi che da novembre alla prossima primavera intratterranno il pubblico del quartiere Appio-Latino sono stati i padroni di casa, i direttori dell’Orione Carlo Oldani e Claudio Politi. Quest’ultimo, spiegando la scelta di chiamare "E adesso noi" la nuova stagione teatrale, ha affermato: "Siamo già da tre anni alla direzione di questo teatro, vi chiederete se ci stiamo svegliando solo adesso. Ovviamente no. Ma come in ogni realtà, è solo dopo un po’ che si entra davvero a regime, che si raccolgono i frutti. Ecco, questo è per noi l’anno del raccolto, una nuova rinascita in continuità con quanto abbiamo seminato fino ad ora".

Rispetto agli anni precedenti, la stagione si è quest’anno infittita, ma rimane forte la volontà di non settorializzare l’offerta. Da qui viene fuori un calendario variopinto, che dà spazio a generi e temi diversi, attirando a sé grandi e piccini.

Traccia una linea di continuità con le passate stagioni “Un Natale da favola”, lo spettacolo scritto e diretto da Carlo Oldani che ha riscosso grande successo tra studenti e famiglie. Lo stesso format degli anni precedenti, con i grandi interpreti del musical italiano e le canzoni intramontabili dei grandi classici Disney, per uno spettacolo mai uguale, in scena per le scuole la mattina del 20 dicembre e nella fascia serale il 22 dicembre alle 18.30.

Lo segue a ruota “Rossi stasera buon anno si spera”. E se il cognome più diffuso d’Italia potrebbe dire poco circa il celebre protagonista dello spettacolo con cui il Nuovo Teatro Orione cala il sipario sul 2019 per rialzarlo subito dopo sul 2020, il nome Riccardo trafuga ogni dubbio. Sarà Riccardo Rossi, il poliedrico artista romano, a dare il benvenuto al nuovo anno con una serata all’insegna del cibo, dei brindisi e dei suoi divertenti racconti di vita il 31 dicembre a partire dalle 21. 

Il 2020 del Nuovo Teatro Orione si apre invece con lo spettacolo vincitore del Premio scenario periferie 2019, Il colloquio, per la prima volta a Roma il 24 gennaio alle 21. In esso si rappresenta l’estenuante attesa di tre donne partenopee che aspettano di entrare nel carcere di Poggioreale, a Napoli, in visita ai loro familiari detenuti. 

“Mia cara Mimì”, in scena sul palco dell’Orione il 6 marzo alle 21, non è solo un grande omaggio ad un’indimenticabile artista ma, come ha spiegato il suo direttore artistico, Raffaele Pandolfi, «un grande contenitore in cui trovano spazio la musica, l’arte e la promozione sociale». Accanto alle canzoni di Mia Martini, reinterpretate per l’occasione da diversi cantanti, musicisti e ballerini italiani, nel foyer del teatro vi sarà infatti una mostra dedicata all’artista, dal titolo “indiMentIcAbile”. La serata sarà poi l’occasione per promuovere le associazioni romane che si occupano di supportare e aiutare le donne, quelle donne molto presenti nei testi di Mia Martini.

Un altro volto noto al grande pubblico che calcherà il palco del Nuovo Teatro Orione nel nuovo anno è quello di Giorgia Trasselli, interprete insieme a Simone Marzola di “Analisi illogica”, lo spettacolo dal tono ironico e sfumature noir scritto e diretto da Marco Pradieri. In scena il 20 marzo alle 21, “Analisi illogica” racconta l’incontro tra un’agente immobiliare ospite per una notte nello studio dell’amica psicologa e un maldestro visitatore notturno con tanto di pistola e le idee un po' confuse.

Il ricco calendario di eventi in programma non trascura neanche la sfera sociale e solidale. I ragazzi dell’Associazione Flavio Tortosa allestiranno uno show amatoriale per mantenere vivo il ricordo del loro caro amico, scomparso a soli 29 anni per una malattia, e raccogliere fondi in suo nome. Il ricavato della serata, la cui data è ancora da stabilirsi, verrà utilizzato per promuovere e valorizzare attività culturali, sportive, artistiche e socialmente utili del territorio romano, riqualificare aree urbane degradate o dismesse, raccogliere fondi per la ricerca.

È invece nota, e prossima, la data di un altro appuntamento dall’alto valore sociale, Costellazione Cancro, all’Orione il 12 novembre 2019 alle 21. Una serata all’insegna dell’informazione, della musica e del racconto, in collaborazione con aBRCAdaBRA Onlus, la prima associazione nazionale nata per sostenere tutti i portatori di mutazioni genetiche BRCA e le loro famiglie.

Il palco dell’Orione è piuttosto famoso per il genere della danza, soprattutto tra gli addetti ai lavori. Un evento dal respiro prestigioso e internazionale è Ballet School Stars, ideato dal ballerino del Teatro dell’Opera di Roma Alessandro Rende. Nella serata del 30 novembre, a partire dalle 20.30, giovani talenti provenienti dalle scuole più eccellenti della danza mondiale si esibiranno con stili diversi per dar vita ad uno spettacolo di alto livello.

Un’altra novità di quest’anno è il concorso nazionale di danza “DuelDegas”, che invita le scuole di danza di tutta Italia a reinterpretare le sigle, siano queste televisive, cinematografiche o di cartoni animati.

Accanto agli eventi serali, in programma vi è anche Orionée, la rassegna di matinée che si propone di educare i più piccoli al teatro. Responsabile del progetto è Anna Maria Piva, direttrice de “La Compagnia delle Stelle”.  Di seguito il calendario degli spettacoli dedicati alle scuole:

27 novembre 2019 “Heathers” – Schegge di follia –Rock-Musical

17 dicembre 2019 “Merry Christmas Show”

20 dicembre 2019 “Un Natale da favola”

24 e 25 febbraio 2020: “Il regno ghiacciato” – Musical

3 e 4 marzo 2020: “Il volo di Leonardo” – Mostra e spettacolo

Per maggiori info: https://www.teatroorione.it/orionee
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Federico Tomei morto in un incidente: calcio laziale in lutto per la perdita del 22enne

  • Salvini a Roma: in 40mila in piazza per il leader della Lega. Strade chiuse e bus deviati

  • Sciopero generale venerdì 25 ottobre, dai trasporti alla scuola: Roma a rischio caos

Torna su
RomaToday è in caricamento