menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di max_gloin da Pixabay

Foto di max_gloin da Pixabay

Subiaco, tra monasteri, laghi e monti: il borgo da visitare a un'ora da Roma

Cosa vedere a Subiaco. Dove mangiare, dove dormire e come raggiungere da Roma. La guida completa

Subiaco, borgo del Lazio - a nord di Roma - immerso nel Parco Naturale dei Monti Simbruini. Un luogo che vale la pena visitare per la sua natura, per il suo laghetto, per la sua spiritualità e la sua vicinanza alla montagna.

Centro più importante della Valle dell'Aniene, Subiaco sorge a picco sulla valle, regalando panorami mozzafiato, passeggiate suggestive, percorsi trekking per amatori e professionisti. A soli 70 km dalla Capitale, questo paesino in provincia di Roma si raggiunge in un'oretta circa, ideale per staccare la spina dal caos della metropoli o per regalarsi un weekend all'insegna del relax e della natura.

RomaToday vi porta a conoscere meglio Subiaco: storia, tradizione, luoghi dove mangiare e dormire e il percorso migliore per raggiungerlo da Roma.

Canterano, il paese del pane alle porte di Roma

Origini di Subiaco

La città di Subiaco ha origini antiche. Il nuo nome deriva da "Sublaceum" che vuol dire "sotto i laghi", una denominazione che fu attribuita da Tacito alla Villa di Nerone.L'imperatore romano, come narra la tradizione, fece costruire qui la sua villa e creò dei laghetti artificiali sbarrando l'Aniene. Sempre secondo la tradizione, gli stessi schiavi che realizzarono la villa dell'Imperatore, diedero origine alla cittadina di Subiaco.

San Benedetto da Norcia fondò in questo luogo 12 monasteri benedettini, fondando la Regola dell'Ordine Benedettino. Ad oggi resta il monastero di Santa Scolastica, unico sopravvissuto ai terremoti e alle distruzioni saracene, luogo di culto e meta di pellegrinaggi, a picco sul Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini, circondato da boschi di faggio, versanti verdeggianti e fiumi. 

Cosa vedere a Subiaco

Oltre al monastero di Santa Scolastica, già citato prima, a Subiaco vale la pena visitare il Monastero di San Benedetto (o Sacro Speco), il luogo sacro nato laddove il monaco aveva passato tre anni da eremita. L'edificio sorge sul Monte Taleo ed è visitabile gratuitamente (come il Monastero di Santa Scolastica).

Da visitare a Subiaco anche la Rocca abbaziale, nota anche come Rocca dei Borgia. Dai suoi giardini si può ammirare un panorama bellissimo sulla Valle dell’Aniene, mentre gli appartamenti nobili permettono di attraversare cicli pittorici e decorazioni. La rocca fu la culla di Lucrezia Borgia. Da non perdere la Chiesa di San Francesco, quella di Sant'Andrea e di Santa Maria della Valle. 

Subiaco vale il viaggio anche per il suo suggestivo laghetto alle pendici del Monte Taleo. Il laghetto di San Benedetto si raggiunge con una passeggiata di circa 10 minuti, luogo ideale dove andare con i bambini per respirare aria pura, cercare un po' di refrigerio nelle giornate estive, vivere un'escursione immersi nella natura tutto l'anno, con tanto di cascata da ammirare.

Nei dintorni di Subiaco, si può raggiungere, inoltre, Monte Livata, Campo dell'Osso per godere del fresco in estate e in primavera, organizzando picnic e giornate all'aria aperta e vedere la neve vicino Roma nei mesi più freddi dell'anno.

Cosa mangiare a Subiaco

Prodotti di terra e di fiume sono protagoniste della tradizione gastronomica sublacense. Da provare la "ju pappaciùccu, una pietanza sostanziosa a base di cavoli neri lessati e impastati con pizza di granturco e pane raffarmo, "ju fallò", pane fatto con farina di mais, "la pulènna co lle spuntature de porcio", "je salame degliu re" (rotolo di pan di spagna con cioccolata), la "trotta n' guazzetto, i "bròccuji ncancarìti" e i famosi "subbjàchini", dei biscotti tipici. 

Diversi sono i ristoranti dove mangiare a Subiaco, tra questi "Il Cantuccio", "Ristorante Belvedere", "Ristorante La Panarda", "Agriturismo La Parata", i "Tre Bruschettieri", tutti con ottime recensioni. 

Dove dormire a Subiaco

Le soluzioni per pernottare a Subiaco non mancano. Dal rustico "Nido del Nibbio" all'elegante "Palazzo Moraschi" e all'agriturismo "Colle Tocci". Esistono, inoltre, sistemazioni gestite da host privati e Bed & Breakfast a Subiaco e dintorni.

Come arrivare a Subiaco da Roma

Per raggiungere Subiaco da Roma, prendere l’autostrada A24 Roma-L’Aquila-Teramo fino all’uscita Vicovaro-Mandela. Superare il casello, girare a sinistra e proseguire sulla SS 5 Tiburtina fino al bivio con Arsoli. Proseguire su via Sublacense fino ad entrare a Subiaco.

Le altre guide di RomaToday

Le altre guide di RomaToday

Visitare Campodimele: la guida

Visitare Calcata: la guida

Visitare Sant'Angelo di Roccalvecce: la guida

Visitare Canterano: la guida

Visitare Subiaco: la guida

Visitare Torre Alfina - Acquapendente: la guida

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento